| Archivio completo Admin    Inserisci messaggio | Area riservata   
Messaggio dettagli     15/05/2006  
 
 

  NOVEMBRE 2017  
dlmmgvs
1234
567891011
12131415161718
19
202122232425
2627282930

Mese corrente
 

Maggiori informazioni

 

Maggiori informazioni

 

Sondaggio

 Vota il personaggio storico della bacheca

 Aristotele

 Csi

 Greg

 Hanghenghe

 La Masca

 Pites

 Raffiu

 Zi Venè
Risultati del voto  

Un clic qui per collegarti con il sito web



   
NON TORNARE PER VOTARE,MA VOTARE PER TORNARE  di Ignoto 15/05/2006 alle 13:04
Ritaexpress, un treno per un voto
Andrea Barolini

Trento, Torino, Milano, Bologna, Siena, Firenze. E poi Roma, Napoli e giù, fino all’imbarco di Villa San Giovanni per Messina. È in partenza un treno "speciale". Si chiama RitaExpress. Il 25 maggio attraverserà tutta l’Italia per portare in Sicilia studenti, giovani e chiunque vorrà raggiungere l’isola. Obiettivo: eleggere Rita Borsellino presidente della Regione.

L’iniziativa è nata spontaneamente dall’idea di alcuni ragazzi, principalmente studenti fuori sede, che qualche settimana fa hanno cominciato ad organizzarsi per tornare in Sicilia in occasione delle elezioni del 28 maggio. In breve, si sono resi conto che erano tanti, tantissimi. Mossi dal desiderio di cambiare, per la prima volta, il volto della propria terra. E, in questo senso, Rita Borsellino - sorella del giudice Paolo, ucciso dalla mafia nel 1992 - ha già contribuito a cambiare la storia della Sicilia. Per le decine di migliaia di persone che l’hanno votata alle primarie di dicembre. Ma anche per la capacità di unire tutti quei siciliani che rifiutano le logiche mafiose, le connivenze, il voto di scambio.

Da qui la scelta di organizzarsi insieme, con un treno gratuito (è chiesto solo un contributo di 5 euro), che non sarà solo un mezzo di trasporto: gli organizzatori proporranno vagoni "a tema", con piccole mostre, conferenze, incontri. Ad accogliere i ragazzi nelle stazioni siciliane, poi, ci saranno altri giovani, volontari dei "Comitati per Rita Presidente", con bibite, panini e volantini elettorali. «L’iniziativa - spiega Massimiliano Lombardo, uno degli ideatori del RitaExpress - è totalmente autofinanziata: non abbiamo voluto gravare in alcun modo sui fondi della campagna elettorale». I ragazzi, infatti, hanno aperto un proprio conto corrente per raccogliere i contributi necessari all’organizzazione del treno. Sul sito, infatti, uno spazio è dedicato alle sottoscrizioni: chi vuole può sostenere l´iniziativa Ritaexpress con con un versamento sul conto corrente bancario n.118071 della Banca Etica (ABI 05018, CAB 02800). «Sul nostro sito www.ritaexpress.it si possono trovare tutte le altre informazioni utili su come prenotare un biglietto». Il RitaExpress viaggerà tutta la notte e arriverà in Sicilia alle prime luci del mattino. Carico, soprattutto, di speranza. Non solo quella di «tornare per votare», ma di «votare per tornare». E c’è una bella differenza...