| Archivio completo Admin    Inserisci messaggio | Area riservata   
Messaggio dettagli     12/05/2006  
 
 

  NOVEMBRE 2017  
dlmmgvs
1234
567891011
121314151617
18
19202122232425
2627282930

Mese corrente
 

Maggiori informazioni

 

Maggiori informazioni

 

Sondaggio

 Vota il personaggio storico della bacheca

 Aristotele

 Csi

 Greg

 Hanghenghe

 La Masca

 Pites

 Raffiu

 Zi Venè
Risultati del voto  

Un clic qui per collegarti con il sito web



   
«DISCARICA ABUSIVA NELLA PALESTRA MAI UTILIZZATA DAI GIOVANI RIESINI»  di Denuncia di Luigi Marotta 12/05/2006 alle 22:29
RIESI. «Non c’è pace per i giovani di Riesi, nonostante i diversi solleciti fatti alla commissione straordinaria del Comune, al Presidente della Provincia, agli assessori ed alle forze politiche e sociali. I giovani hanno più volte “denunciato” il disagio di vivere in una città, in cui nessuno ha fatto nulla di concreto per aiutare i ragazzi a costruirsi qualcosa di utile». E’ la denuncia di Luigi Marotta che negli ultimi anni ha cercato di fare qualcosa per i propri coetanei. «Chiunque fa promesse per il futuro - prosegue il giovane ventiquattrenne - ma i giovani sono stanchi di aspettare, girovagando inutilmente per le vie della città, trovando conforto nella droga e nell’alcool o altro per andare avanti con allegria». E poi si chiede: «Perchè tutto questo? Perchè se c’è qualche politico che può intervenire adesso rimane immobile senza fare niente? Non è forse troppo tardi quando un giovane si ritrova nei guai? Ma nonostante tutto sono consapevole che impossibile risolvere tutto in poco tempo...Ma nessuno ci prova»!. Nella stessa “denuncia” Luigi Marotta fa notare la presenza di una discarica abusiva all’interno di una palestra comunale che non è stata mai utilizzata dai giovani, ma che era diventata negli anni passati sede per la raccolta differenziata dei rifiuti. «E’ assurdo che l’unica struttura che potrebbe essere utile ai riesini momentaneamente è ancora chiusa al pubblico ma è diventata deposito di lavatrici, televisori e frigoriferi. Se vogliono che i giovani devono stare in letargo si sbagliano, i riesini vogliono vivere in questa città dove hanno le loro famiglie, senza immigrare altrove».