Comunità riesina nel web
Comunità riesina nel web
Home | Profilo | Registrati | Ultime discussioni | Utenti | Cerca | FAQ
Nickname:
Password:
Ricorda password
Dimenticato la Password?

 Tutti i Forum
 ASSOCIAZIONI CULTURALI
 GALLERIA VIRTUALE RIESIART
 Poeti riesini - Rosaria Carbone
 Forum Locked  Discussione bloccata
 Segnala ad un amico
 Versione stampabile
Pagina precedente
Autore Discussione precedente Discussione Prossima discussione
Pagina: di 2

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 02/03/2008 :  10:42:03  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore
Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 02/03/2008 :  10:43:59  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Incontriamo l'Arte


GIORNALE DI SICILIA - Mercoledì 19 dicembre 2007

RIESI- Recital di poesie, nella sala polivalente del Servizio Cristiano. I poeti contemporanei locali hanno declamato i versi delle loro poesie allietando gli amanti della cultura intervenuti. Tra una poesia e l’altra, momenti musicali, a cura di Floriana Gallo, Donatella Tripoli, Gianluca Fiusco e del rifugiato politico Waild Nacer. La serata è stata promossa dalla direttrice del Servizio Cristiano Elisabeth Blank e dalla coordinatrice ROSARIA CARBONE. Hanno recitato le loro creazioni poetiche Rosetta Di Maria, Antonio Cavalieri, Teresa L’Abbate, Antonio Sanfilippo, Maria Catena Sanfilippo, Maria Seminara, Zoran Vracaric e il Cavalieri Riggio. Nella sala di “Monte degli Ulivi” sono state esposte le opere di pittura e di fotografia degli artisti Santina Sanfilippo, Giò Calascibetta e Giuseppe Vella (nella foto i poeti, gli artisti ed i musicisti).
Delfina Butera
Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 02/03/2008 :  10:47:17  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Incontriamo l'Arte


Antologia poesie - Incontriamo l'Arte


IL MARE - Cinzia Battaglia
LA STRADA DEL SOLE - Cinzia Battaglia
TI SOGNERÒ - Zoran Vraçariç
GIORNO - Maria Seminara
RITRATTIMI - Maria Catena Sanfilippo
LU PRESEPIU DI NONNA ROSA - Rosetta Di Maria
RIDAMMI … TEMPO - Teresa Maria L’Abbate
TU… DEL MIO PAESE (A Fabio Lombardo) - Gaetano Raggio
FREDDO IN ESTATE - Zoran Vraçariç
LA VITA E’ UN’ALTALENA - Maria Seminara
IRAQ (Abu Graib) - Maria Catena Sanfilippo
LA MA POESIA - Nino Cavaleri
LE BUONE MANIERE - Antonino Sanfilippo
“CU SÙGNU?” - Gaetano Riggio
CORI DI MATRI - Teresa Maria L’Abbate


Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 02/03/2008 :  10:50:11  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Antologia poesie - Incontriamo l'Arte

IL MARE

Contemplo spesso il blu
come fosse un dolce sguardo.
Mi Piace risalire al cuore dell’immenso,
mi piace riascoltare il turbinio di quel silenzio.
Mi sembra rassomigli allo splendore della vita,
che a volte fitta e cupa
mi lascia un po’ stordita.
Intanto si alza intrepido
E quindi fa paura,
ma poi torna a cullare quell’onda già sopita.
Eppure è sempre lì,
pronto a placare l’anima,
a perdere gli sguardi dei cuori innamorati
o a chiudere le porte di chi non spera più.
Eppure vorrei ancora
tuffarmi in mezzo all’impeto,
rinascere più pura dal fuoco che mi brucia.
Tenera e cara luna risplendi in mezzo al mondo
e specchi la tua luce d’infinita beltà:
il mare l’accarezza
vorrebbe ancor più stelle,
ma timido dall’alba il sole nasce già,
ingoia tutti gli astri
ma porta ancora il giorno
e quindi anche il domani dall’acqua rivivrà.

Cinzia Battaglia

LA STRADA DEL SOLE

Dolce tremore del vento inaridito:
un fuoco tra le nubi annuncia il suo tramonto,
eppure è sempre vivo domani tornerà.
Quel sole è come un treno,
sa già le sue fermate,
è il giro della vita, tra un po’ ripartirà.
Rinasce in mezzo al buio
La notte è ancora accesa
di nuovo è la sua corsa
ha l’ansia di un bambino,
il suo lungo cammino risuona in mezzo al mondo,
vagando nell’immenso nessuno inseguirà.

Cinzia Battaglia

TI SOGNERÒ

Stanotte ti sognerò
e così tornerò
nella mia città addormentata
… sulla riva del mare.
Attraverserò tutti i posti cari
tutti gli angoli del passato
Respirerò
… i suoi profumi
Vivrò…
ancora una volta i giorni felici dell’estate
Correrò
correrò a casa per abbracciare mia madre
che guarda verso il mare….da troppo tempo.

Zoran Vraçariç
Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 02/03/2008 :  10:53:00  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Antologia poesie - Incontriamo l'Arte

GIORNO

Il giorno mi riporta
violentemente alla realtà
ai problemi quotidiani,
solo chi mi è vicino
con il suo affetto può darmi …
quei pochi momenti di serenità
quei piccoli rari momenti di felicità.
E vincere la malvagità,
di chi vuole la mia, la nostra infelicità.
Tradimenti, ostacoli, ferimenti
che si abbattono su di me, su di noi.
Con il cuore a pezzi, ci sosteniamo
l’uno all’altro, ci rialziamo e
passo dopo passo ci incamminiamo
verso il prossimo ostacolo
sperando che sia meno duro,
meno pesante da sopportare
meno grande da affrontare.

Maria Seminara

RITRATTIMI

Teoria di visi, in bianco e nero
Da cui
Fluiscono gli infiniti colori della vita.

Un’alchimia sapiente, di
Luci ed ombre
Che arriva dritta al cuore.

Ogni viso, ogni sguardo,
emana vita

Che ti sfiora, come una farfalla delicata
Dalle tremule
Ali di cristallo.

Ciascuno appare così com’è,
senza veli e senza
orpelli.

Ma ti regala una parte di sé,
quella più preziosa e vera.

Maria Catena Sanfilippo

LU PRESEPIU DI NONNA ROSA

Aju na Santuzza
tutta vecchia, tutta rutta,
unna ri di lu Bamminu
ncapu un pugnu di ristuccia.
San Giuseppi è pisirusu,
la Madonna chianci e ridi,
nun ci su pasturi e agniddi
ma aranci e mandarini.
Mi la detti nonna Rosa
quannu eru picciridda.

Mi ricuordu: la tiniva
sempri ncapu u comodinu.
Ogni tantu ci addumava
un luminu picchiulusu
e la fiamma s’annacava
ogni vota ca passava.
Dda vicinu s’assittava
cu la cruna tra li manu:
quantu voti ci chianciva
cu na vuci lamintusa
ppi lu figliu nguerra spirsu!

“Bammineddu, tu vinisti
nni stu munnu di duluri
ppi purtari paci e amuri…
e ma figliu unni jè?”
Nonna Rosa nun c’è chiù.
La pigliava, la vasava,
mi la dava e mi diciva: Ogni tantu la talju;
“prega tu, prega cu mia!” astutatu è lu luminu,
na sveglia cunta l’uri.
Aju na Santuzza
tutta vecchia, tutta rutta: Lu Bamminu sempri ridi
nonna Rosa mi la detti. nni stu munnu di duluri!

Rosetta Di Maria
Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 02/03/2008 :  10:56:09  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Antologia poesie - Incontriamo l'Arte

RIDAMMI … TEMPO

Tempo nemico, silente passi
eppur tutto di me prendi.
Non ti vedo eppur di me vivi.
Solcando la mia fronte…mi deridi,
smorzando gli aneliti…mi spegni.
Ridammi, tempo, quel che,
furtivo, ogni istante, hai preso:
…il sorriso dei vent’anni, del bimbo,
lo sguardo innocente, che l’altro
crede solo e sempre amico…
…l’emozione per l’agonia d’una foglia
o per il boccio che alla vita s’apre…
… la gioia, la mattina, d’incontrare
il sole e di salutarlo, al tramonto,
certa della rinnovata carezza.
…l’attesa di una stella cadente
per coltivare nel cuore, ancora, un desiderio.
Le lacrime, ridammi, versate
Per la gioia, non quelle amare,
e… l’ultimo sussurro di mio padre…
… e il vigor delle ali per volare
su scogliere, libera, e prati erbosi.
L’impeto,ridammi, dell’acqua sorgiva,
che a valle scende e da sollievo.
Passa pure…tempo nemico,
portale via, della sinfonia, le note,
ma lasciami quelle del preludio
per il mio canto alla vita.

Teresa Maria L’Abbate

TU… DEL MIO PAESE

A Fabio Lombardo

Non pensavo che il mio paese
vantasse dei giovani come te.
Il mio, è anche il tuo paese. Un paese
che nasce, cresce, vive e muore.
In questo paese hai appreso tante cose.
Di questo paese, ne posso ancora parlare,
dire tante cose o non dire niente,
amarlo come te o riuscire a odiarlo.

Non so’ se nella tua breve
e travagliata esistenza
hai trovato il tempo di aprire
un dialogo e capirlo nei dettagli.
Sostegno, vantandone natali,
origini e provenienza,
non lo sostituirei con
nessun altro paese del mondo.

Te ne sei andato senza un “Perché”?
hai lasciato tanto vuoto nell’animo
di chi ti amava e ti ama ancora.
Non ti conoscevo personalmente,
ma sono a conoscenza di come
offrivi te stesso al fine umano.
Ti penso con lo stesso amore che penso
Il mio unico fratello che mi è vicino.
Sai, spesso vado a trovare mia madre,
aveva trentasei anni quando è andata via,
guardo il suo volto, le bacio le labbra
e con tanto amore gli parlo di te.
Lei ti conosce, ti vuole tanto bene,
mi ha promesso che in quel nuovo
mondo dove vivrete in eterno, avrà
cura di te e ti sarà sempre vicina.

Con lei, parlate del nostro paese,
Ti dirà che custodisce ricordi cari e amari.
Narrerà degli ortaggi di contrada “Canale”.
Ti condurrà nella strada della “Pirrera di crita”.
Salirete sulla vetta della vecchia “Muntagna”
che amò pazzamente come odiò la sua vita.
Ti parlerà di quel remoto ponte a “Naca”
che collegava le miniere di “Trabia e
Taddrarita”.

Adesso ascolta, quando puoi, gli puoi dire
che anch’io sono pronto a venire da voi.
Preparatemi un prato alberato e fiorito,
a che serve permanere quaggiù per soffrire.
Mi ritrovo con la schiena curvata.
Mi consola chi mi ama e mi adora.
Quando è sera, con la testa chinata,
mi convingo che s’approssima l’ora.

Gaetano Riggio

FREDDO IN ESTATE

Freddo in estate
Freddo nel cuore
Freddo nelle ossa
Arriva…come la nebbia dal mare…
come oceano infinito
… mi copre
“Solitudine mi tieni tra le braccia”
Fredda come la neve, calda come il sole
…Torni
quando gli amici vanno via,
tristi ma molto felici,
ad uno ad uno verso la propria terra
li accompagno tutti…

Li vedo scomparire come uccelli sull’ orizzonte
e rimango freddo nell’estate calda

Andrei, andrei anch’io
ma ho le ali legate
pesanti come piombo, stanche
e poi…Quale orizzonte prenderei
quando la mia terra non c’è più!
Ovunque andrei sentirei la solitudine
la nostalgia per gli amici scomparsi
sugli orizzonti lontani
di quella Patria
della mia Patria che non c’è!

Zoran Vraçariç
Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 02/03/2008 :  10:56:30  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Antologia poesie - Incontriamo l'Arte

LA VITA E’ UN’ALTALENA

I sogni e la realtà
il bene e il male
l’amore e l’odio …
come in un’altalena
ci trascina con sé
senza un attimo di pace:
dovrei dare sfogo all’amore,
a questo sentimento
troppo a lungo soffocato …
nella mia anima
e riaffacciarmi
a questo mondo pieno
di splendide
promesse.

Maria Seminara

IRAQ (Abu Graib)

Inerme,
Inerme e sola,
Mi sento
Davanti alla TV,
Che vomita
Orrore su orrore.

Esseri,
Non
Uomini e non bestie,
Figli,
Più di Caino che di Abele,
Che compiono
Atti inconcepibili, innominabili.

Smarrita,
Smarrita e sola,
Mi sento
In questo mare di angoscia.
Mio Dio
Perdonami, ma dove sei?

Soldati,
Senza umanità solo soldati,
E terroristi,
Facce della stessa orribile
Medaglia,
Straziano senza posa
La mia anima, a adistanza.

Maria Catena Sanfilippo

LA MA POESIA

O Cristu Gesù Cristu Redenturi
dunami menti di putiri fari
na poesia di tantu valuri
ca è la verità e nu fazzu errori.
ca di Riesi vulissi parrai e diri tuttu chiddu ca si vidi.

Ognunu la studenti teni ‘ncasa
e si ni preia ca avi a risultari.
Inveci li cosi vanu un pocu mali
pirchì si ni vanu a fari l’amuri
e siddu la matina c’è lu suli
all’Auliva si ni vanu a jucari.

Dda mienzu si cci minti un puddasciuni
ccu la vistina nivura nun pari
lu preti veramenti ca jè troppu juculanu
cci dici a li studenti
iucammu cchiù luntanu
pirchì si sinnadduna di cca quarchi viddanu
sicuru ca ni stampa na poesia a manu.
E ora studentessi
ppi chistu evitari, all’auto scrontru
amunninni a jucari.

Jucannu allegramenti ccu tutti sti studenti
Lu tiempu nun ni pari e passa tiempu nenti

Finì la poesia stampata sempri mia
ppi li studenti fici na grandi fisseria.
Sta poesia fu fatta da Ninu Cavalieri
scusati amici cari si quarchi errori putissuvu truvari.

Nino Cavaleri
Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 02/03/2008 :  10:56:42  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Antologia poesie - Incontriamo l'Arte

LE BUONE MANIERE

Chi allegrìa, chi veru sbìu
chi cumpattizza, chi vera unioni,
ora capisciu tuttu stu brìu,
stanu viniennu li votazioni.

Si la matina vaiu a la chiazza
ppi sèntiri quarchi notizia,
lu vici sìnnacu n’armuzza abbrazza
a lu barru si lu porta e lu vizia.

Tutti amici, tutti parienti,
tutti cuscini, tutti compari,
macari cu nun vali nenti,
lu primu omu lu fanu simbrari.

Quannu l’anticu parra dici cosi veri:
“si lu diavulu t’alliscia voli l’arma”.
Ma ppi certi cosi cci vuonu li maneri,
se no, prima o poi, un cristianu s’allarma.

Antonino Sanfilippo

“CU SÙGNU?”

Quannu m’appùju ‘a manu ‘ncapu ‘a frunti
‘nna cròzza si sciarrijanu milli pinséra,
vagnàti di nivi, ‘ntrusciàti di neglia
agnunijati sutta l’ùmmila d’ ‘a luna.

Pensu, ripensu e dicu: Cu sùgnu?

Vulissi leggiri li versi di ‘na puisia,
vulissi scriviri ‘na littira d’amuri,
vulissi cantàri li strofi di ‘na canzuna,
vulissi vannujari, ppi farimi sentiri di tijà.

Pensu, ripensu e dicu: Cu sùgnu?

Passa ‘a notti, agghiorna ‘a matìna,
milli pinsèra stinnicchiàti a lu sùli.
Canta ‘na rinnina ‘ncapu ‘na rama
pizzulija li pampani e si nni va.

Pensu, ripensu e dicu: Cu sùgnu?

Torna ‘a sira, chiovi e fa friddu
‘ncapu ‘a me crozza cadi ‘na stizzàna
m’arrùnghiu li spaddri, m’azzìddru, mi ‘nstrusciu,
ventu di tramuntana, pinsèra strazzàti.

Pensu, ripensu e dicu: Cu sùgnu?
Forsi dumàni, di bbòna matina
abbrusciu ‘sti ritagghi di pinsèra,
ammùcciu li cosi d’ ‘a jurnàta prima
e sbattu ‘a cròzza ‘ntra ‘na cantunèra.

Pensu, ripensu e dicu: Cu sùgnu?

Ora vògghiu furgiari ‘na puisia
a ritmu di marteddu e di scintilli,
mentri mirriju ‘u ferru ppi fallu tunnu
a còrpi di mazza m’arricurdaju cu sùgnu.

Sùgnu n’omu crisciutu senza amùri di matri.
Sùgnu un maritu ca voli bbèni ‘a mugghièri.
Sùgnu un firràru e ‘u vannìju a vuci forti.
Sùgnu un puèta? ‘u dicu pianu pianu.

Li vàmpi d’ ‘a forgia ‘su vàmpi di l’àrma mija.
Li battiti d’ ‘u martèddu su battiti d’ ‘u ‘me còri.

Cu sùgnu? Sùgnu cu sùgnu e cu sùgnu sùgnu.

Gaetano Riggio

CORI DI MATRI

Cchi iè longa ‘na iurnata
‘ccu lu friddu e senza suli.

‘Na rinnina, siddiata, agnunata
tra du grasti, nun canta e
caluri cerca tra li fogli.

‘Ntunnu, lu figliu ci firrìa
piguliannu… cumu a diri:
“Portami a iucari ‘dda ‘ncielu”.

‘Nzalanuta, la matri, e allagnata
rispunni ‘ccu ‘na nota di lamintu:

‘nun iè timpu di vulari
stamattina, e mancu di cantari,
la gioia lu cori nun mi inchi.

Si ‘nn ‘acchiana, l’acidduzzu e scinni
s’innacchiana e sempri scinni
‘nguliannu ‘dda povera malata.

Cori di matri…! Ddebbuli sì
ma l’agnuniddu di scattu lassa

‘Ppi l’aria, cantannu, lu cunnuci.
Longa ‘na iurnata senza suli
ma cchiu longa chidda senza amuri.

Teresa Maria L’Abbate

Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 08/03/2008 :  17:19:17  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

8 MARZO


Poesia inserita dallo storico Santi Correnti nel suo
libro “Donne di Sicilia”, Ed. Trincale, Catania, 1990


E LA CHAMAVANO DONNA

Quella col fardello dei figli
sulle spalle,
senza testa,
senza cervello,
senza opinioni;
un’oca chiusa in un recinto
non sempre dorato:
casa e figli

e pesanti carezze sulla sua pelle.
Quella donna che ascoltava, taceva
e capiva quando le si diceva:
“Zzittiti ca si fimmina!”
-il silenzio per la pace quotidiana-
E n’è passata acqua sotto i ponti!

Come un bruco
diventa farfalla,
l’antica donna è donna madre,
donna magistrato,
moglie accanto all’uomo
per decidere insieme,
educare insieme
gli uomini di domani.

Rosetta Di Maria


Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 13/02/2010 :  21:28:03  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore




Serata culturale di poesia, pittura e musica

Parrocchia San Giovanni Bosco Riesi -Martedì 26 gennaio 2010

Coordinatori Rosaria Carbone e M. Catena Sanfilippo

Intervento del Vicario Foraneo Don Paiolo Terrana


Partecipanti

Poeti: Rosaria Carbone, Rosetta Di Maria, Salvatore Giambarresi, Maurizio Giuliana, Calogero Puzzanghera, Salvatore V. Riccobene, Gaetano Riggio, Rosario Riggio, M. Catena Sanfilippo, Ena Scimone, Ambra Tabbì, Zoran Vracaric.

Pittori: Filippo Bordonaro, Antonio Ciulla, Lisa Giuliana, Viviana La Mantia, Luigi Napolitano, Giuseppe Pasqualetto, Paolo Sanfilippo, Santina Sanfilippo.

Musicisti: Mauro Giambusso, Salvatore Giambusso, Noemi Marotta, Miriam Salamone.

La serata si autofinaziata grazie al lavoro degli organizzatori. Agli artisti è stato conferito un attestato di partecipazione.

Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 13/02/2010 :  21:35:27  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Serata culturale di poesia, pittura e musica
Parrocchia San Giovanni Bosco Riesi -Martedì 26 gennaio 2010
Coordinatori Rosaria Carbone e M. Catena Sanfilippo

Libretto prodotto dagli organizzatori della serata



Quadri della copertina: Santina Sanfilippo, Viviana La Mantia, Antonio Ciulla


Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 17/02/2010 :  22:48:22  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Serata culturale di poesia, pittura e musica
Parrocchia San Giovanni Bosco Riesi -Martedì 26 gennaio 2010
Coordinatori Rosaria Carbone e M. Catena Sanfilippo


Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 17/02/2010 :  22:53:02  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Serata culturale di poesia, pittura e musica
Parrocchia San Giovanni Bosco Riesi -Martedì 26 gennaio 2010
Coordinatori Rosaria Carbone e M. Catena Sanfilippo





Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 17/02/2010 :  22:56:37  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Serata culturale di poesia, pittura e musica
Parrocchia San Giovanni Bosco Riesi -Martedì 26 gennaio 2010
Coordinatori Rosaria Carbone e M. Catena Sanfilippo




Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 17/02/2010 :  22:58:29  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Serata culturale di poesia, pittura e musica
Parrocchia San Giovanni Bosco Riesi -Martedì 26 gennaio 2010
Coordinatori Rosaria Carbone e M. Catena Sanfilippo


Vai in alto alla pagina
Pagina: di 2 Discussione precedente Discussione Prossima discussione  
Pagina precedente
 Forum Locked  Discussione bloccata
 Segnala ad un amico
 Versione stampabile
Salta a:
Comunità riesina nel web © 2000-02 Snitz Communications Vai in alto alla pagina
Snitz Forums 2000

Tradotto in italiano, modificato, testato, adattato e migliorato da:

Un clic qui x visitare il sito web