Comunità riesina nel web
Comunità riesina nel web
Home | Profilo | Registrati | Ultime discussioni | Utenti | Cerca | FAQ
Nickname:
Password:
Ricorda password
Dimenticato la Password?

 Tutti i Forum
 ESPERTI E PROFESSIONISTI RISPONDONO
 DISCUSSIONI CULTURALI
 NEGAZIONISMO E VITTIMISMO
 Forum Locked
 Segnala ad un amico
 Versione stampabile
Pagina precedente
Autore Discussione precedente Discussione Prossima discussione
Pagina: di 5

Massimo Rosario Paterna

6 Messaggi

Inviato - 02/10/2007 :  20:47:45  Visualizza profilo
Egregio signor Michele, innanzitutto la ringrazio per le parole di stima che mi ha scritto. Mi lasci, comunque, dubitare sul fatto se lei sia o no mezzo o tutto rijsano. Per esserlo a metà ed avere, tra l’altro, vissuto a Torino per molto tempo, la sa più lunga di quanto non voglia far credere. Comunque sia, sono aperto ad ogni discussione e dibattito, purchè si svolga nei limiti della decenza e del rispetto. La mia indole ed educazione non mi spinge ad offendere il prossimo. Certamente potrò qualche volta perdere le staffe, ma non mi sono mai permesso né lo farò mai di giudicare gli altri e le loro professionalità. Sappiamo tutti che i rijsani, tra le tante qualità, hanno anche enormi difetti. Quelli che comunque lei ha individuato nei forti attacchi rivoltimi non rispecchiano affatto il modo d’essere e di sentire dei più. I rijsani, caro signor Michele, hanno sempre avuto il coraggio e l’onestà morale di dire quello che pensano. Non hanno affatto bisogno di giocare a carambola, come lei scrive, per attaccare una persona che nemmeno conoscono. Se qualcuno, ahime!, lo fa è un suo problema, ma le posso assicurare non è il problema dei rijsani. Giustamente lei scrive degli innumerevoli sdoppiamenti di personalità di gente invidiosa e complessata, ma, come le dicevo già nel messaggio di ieri, non è un mio problema. In quei casi occorrerebbe ricorrere agli specialisti della psiche. Non è strano ricevere infettive da persone che non ho mai conosciuto e ne intendo conoscere in futuro? Veda, un conto è confrontarsi con qualcuno e dirsene di tutti i colori. Altro contro è, invece, quello di scrivere peste e corna a gente superiore per moralità e cultura. Addirittura, si scopiazzano i versi di capolavori letterari poco sconosciuti. Forse non conoscono il loro lavoro e credono di conoscere un po’ quello degli altri. Mah!
Se è mezzo rijsano, come mi ha scritto nel suo primo intervento, dovrebbe conoscere i contesti socio-culturali e ambientali dai quali proveniamo tutte le persone che scriviamo su questo Sito. Le consiglio di informarsi meglio, se non l’ha già fatto. Vedrà che sorprese. Scoprirà come mai qualcuno si risente se scrivo del malcostume rijsano, di mafia, di malaffare politico e di tante altre piccole sfumature che, chissà perché, sembrano toccare una sparuta minoranza. Il risjsano “sperto”, specie se ha coda di paglia, interviene con discrezione e non offende chi ha il coraggio di dire la verità nuda e cruda. Poi, è davvero anacronistico sparlare una persona per poi distribuire i suoi scritti. Casualmente sono venuto a conoscenza che una persona tanto invidiosa del sottoscritto, sul sito GF scriveva cose con toni da querela e poi organizzava incontri, nel corso dei quali regalava copie di un mio opuscolo. Per coerenza con quello che scriveva e pensava di me, non avrebbe nemmeno dovuto tenerli in considerazione i miei opuscoli. Invece……..
Come sopraccennato, non tutti i rijasani sono fortunatamente così. Come non sono uguali tutte le dita della mano.
Citandomi il Bar Capizzi, un luogo d’aggregazione e d’incontro per diverse generazioni di rijsani, con la sua “famosa” sala da biliardo, dove tanti giocavano d’astuzia a sponda, mi ha fatto subito venire in mente certi individui che tenevano o cercavano di tenere la stecca in mano, ma………. Veda, il biliardo è un gioco che comporta intelligenza, capacità intuitive e geometriche di spessore. Alcuni si dilettavano e cercavano di imparare, altri tentavano di fare e sfare, credendosi abili giocatori. Soli pochi, però, erano quelli che lo erano. Con questo voglio dirle che quanti tentano di giocare a carambola su questo Sito non è detto che poi ci riescano. I rijsani che leggono, conoscono tutto e tutti, comprese le biografie, gli atti lodevoli e le immoralità di ognuno Non si preoccupi. Nella vita delle persone contano i fatti. Sono le azioni che si fanno che ci possono condannare alla gogna o farci apprezzare per quello che siamo. Una persona può ritenersi “don Ciccio Capuccio Napoli”, ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Sa come recita un vecchio detto a Riesi? “UN CURNUTU A LU SO PAISI IE’ MINCHIUNI UNNA VAVVA”. Quindi, se una persona crede di essere sul pulpito e di potere insultare qualcuno, le cose sono due: o non ci sta con la testa, oppure…………..Tragga pure lei la conclusione.
La saluto
Dr. Massimo Rosario Paterna
Vai in alto alla pagina

Massimo Rosario Paterna

6 Messaggi

Inviato - 05/10/2007 :  08:35:44  Visualizza profilo
ALL’ATTENZIONE DEL WEBMASTER E DI TUTTI I LETTORI

Egregio Webmaster e carissimi visitatori del Sito, non credete che a tutto c’è un limite? Quando è troppo, si deve intervenire e fare qualcosa. Non è possibile che una persona, sulla cui dignità umana, professionale e familiare non c’è nulla da dire (MODESTAMENTE NELLA MIA FAMIGLIA NON CI SONO NE CORNUTI O MAFIOSI), si debba continuare ad attaccare con toni a dir poco diffamatori. Diversi amici e visitatori di questo Sito, compreso il Webmaster, chiamandomi telefonicamente o contattandomi via e-mail, più volte mi hanno incoraggiato a scrivere e a non cagare chi provoca e vuole a tutti i costi essere considerato. Ho seguito simili consigli, però quando si trascende nell’attacco personale esigo che chi ha la responsabilità del Sito intervenga energicamente, censurando certi sgrammaticati e diffamatori articoli. Per un attimo, ho pensato di rivolgermi ad un legale (CI SONO TUTTI GLI ESTREMI DEI REATI DI QUERELA E DIFFAMAZIONE). Poi, però, mi sono detto che non ne vale la pena, poiché ciò corrisponderebbe a un dare confidenza a chi invece dev’essere appositamente ignorato (come tra l’altro lo era a Riesi quando ci viveva). Da un’eventuale mia decisione non so quanto ne guadagnerebbe questo Sito. Pertanto, caro Webamaster, ti invito per l’ennesima volta a moderare i “bollenti spiriti” di chi sconosce le regole dell’educazione. In un normale Forum o Gruppo di Discussione sarebbe successo da un bel pò. Non capisco perché non succeda in questo Sito. Forse al Webmaster piace far giocare “a ponda”, come scrive il signor Michele? Se è così, caro Webmaster, non ci sto. Se vuoi che non scriva più sul “tuo” Sito (MA IN QUESTO CASO DIMOSTRERESTI CHE IL SITO SAREBBE SOLO TUO E LE bATTAGLIE PER VEDERTI RICONOSCERE DALLE ISTITUZIONI SI AFFLOSCEREBBERO IN UN BATTER D’OCCHIO, POICHE’ IN UN LUOGO CHE PRETENDE DI ESSERE PUBBLICO SI RISPETTANO LE REGOLE GENERALI E NON QUELLE PERSONALI) basta solo dirlo. Spero che risponderai a quello che ti sto scrivendo pubblicamente. Non mi interessa una tua semplice telefonata e poi continuare a permettere a qualcuno di diffamare la gente. Non è affatto vero che qualcuno usa espressioni impersonali, poiché sono direttamente riconducibili alla mia persona. Ora checché qualche esaltato voglia scrivere sono i fatti a parlare. Tutti conoscono chi siamo e da dove proveniamo. Le parole di chi nella vita conta quanto il due di coppe quando la briscola è a denari e, tra l’altro, quando non è nemmeno carta franca non mi scalfiscono. Ho visto che si è parlato di legnate. Al sottoscritto nessuno gli ha mai mandato accidenti. Non ho mai fatto del male a nessuna persona o famiglia. Sfido a trovarne una a Riesi che possa dire male di me. Non so se lo stesso vale per qualcuno, che se si fosse comportato per come ha fatto, non dico tanto ma anche solo cinquantanni fa, chissà che bella “cardamata di mazzate” avrebbe preso. Prima di puntare il dito verso gli altri, bisogna avere il coraggio di guardarsi dentro e vedere se si ha la coscienza e la FEDINA MORALE pulita, specie se poi si ha la pretesa di voler far parte di uno schieramento politico che esalta la moralità e gli esempi di comportamento. La stessa considerazione di non giocare “a sponda” va rivolta anche ad una persona che nemmeno mi conosce. Sicuramente se fosse vivo il padre e gli avrebbe parlato del sottoscritto e della famiglia o contesto socio-ambienale dal quale provengo, non si presterebbe a spalleggiare interventi puerili, offensivi e querelabili. Personalmente inviterei la persona che si servirebbe del mio nome a non farlo più. Se questa persona, invece, permette di servirsene a proprio uso e piacimento vuol dire che…………. Ho sempre tenuto alla larga le persone poco educate e frustrate. Non posso farci nulla se in giovinezza qualcuno non si è potuto laureare e oggi soffre di complessi di inferiorità nei confronti di chi un titolo lo ha conquistato sul campo e lo sfrutta nel mondo del lavoro. Leggendo articoli pubblicati in passato, mi sono accorto che i complessi non sono stati solo nei miei riguardi. Ricordo come identici attacchi da querela sono stati mossi, per esempio, nei confronti del prof. Rosario Riggio. Ora capisco perché il prof. Riggio commisera e non tiene in considerazione certe persone offensive. Potrei assumere lo stesso atteggiamento del prof. Riggio, però quando ogni volta che scrivo mi si interviene puntualmente per attaccarmi personalmente, allora c’è qualcosa che non va e si deve “aggiustare”. Con questa missiva, caro Webmaster, volevo solo chiederti pubblicamente alcune cose: preferisci che nel Sito compaiano ancora “pagine spazzatura” e offensive? Preferisci che mi rivolga alla Polizia Postale per mettere fine a tutto?
Scusatemi tutti per lo sfogo, ma in questo Sito esiste la libertà di parola? Oppure si devono subire attacchi da querela per avere solo scritto articoli vari sulla mafia e la mafiosità di alcuni rijsani, minoranza che offende tutti noi maggioranza? Forse seguirò il consiglio di qualcuno che mi dice “ma che replichi o scrivi in un Sito che dice di avere centinaia di visite giornaliere e poi è impestato solo da una decina di persone? Perché replichi a gente ignorante che non sa nemmeno riconoscere i propri limiti e difetti e attacca solo etichette ad altri?” Forse seguirò il consiglio di lasciar perdere. Noto dalla latitanza del Webmaster/moderatore, che la mia presenza non è affatto gradita. Chissà perché, però, quando inserisco un nuovo articolo, esso viene letto giornalmente da una media di 50/60 visitatori. E a qualche ignorante voglio solo ricordare che 50/60 non è forse nemmeno il numero dei giornali “La Sicilia” o “Giornale di Sicilia” che si vendono e leggono a Riesi. Se il Webmaster gioca “a sponda” e vuole che non scriva più, me lo dica pubblicamente. Se, invece, è sua intenzione fare da Moderatore non perda più tempo.

Dr. Massimo Rosario Paterna

P.S. A scanso di equivoci a qualche geloso del mio titolo volevo ricordargli che me lo sono conquistato sul campo, studiando sodo e superando esami universitari, senza il bisogno di ricorrere all’aiuto di un qualche fratello ben posizionato nella politica locale. Non credo che con le sole forze personali, qualcuno sarebbe riuscito a conseguire il diploma, altrimenti svolgerebbe una professione adeguata e, soprattutto, non scriverebbe in “italiondo” (l’italiano sgrammaticato che smorfia gli accenti delle città del nord senza però riuscire ad imitarli, dato che il fonema è qualcosa di insito nel nostro DNA culturale e mentale), la lingua che alcuni “terroni” parlano nelle regioni del nord’Italia o a Riesi nei mesi estivi, suscitando attenzione e curiosità negli anziani che dicono “ma che parla ora con il liolà”? e commiserazione nelle persone con il cosiddetto “cucciu di la littra"
Vai in alto alla pagina

Aristotele

2098 Messaggi

Inviato - 05/10/2007 :  13:59:09  Visualizza profilo
Questa volta ti rispondo nella tua sezione, spero che non la cancella, perchè altrimenti dimostrerebbe il comportamento sempre da coniglietto.

A SCANSO DI EQUIVOCI, PERSONALMENTE LA AUTORIZZO A QUERELARMI,NON HO PROBLEMI anche a dimostrare da chi è partito, usando il pseudo nik di Giordano Bruno, tutto riconducibile dalle memorie del Web Master.
quindi vada da un buon avvocato, perchè la vedrei dura,anche se sono un ignorante, saprei come vincere una causa contro di lei.

Ha perfettamente ragione su una cosa, a Riesi tutti ci conosciamo e tutti sappiamo da dove arriviamo, apra l'armadio e cominci a contare gli scheletri.Cominci a guardarsi allo specchio e vede quante cose vedrà, io sicuramente potrei contare quanto il due di coppe quando non è nemmeno briscola, e chi ha mai detto di contare.
Ma continui a guardarsi allo specchio,perchè le sarebbe salutare nella forma e nella sostanza.
Lasci alla gente,il metro di misura su chi è il due di coppe o chi invece non è nemmeno l'ultima scartina del mazzo di carte.

Il mio certificato penale assieme a tutti i componenti della mia famiglia è illibato, bianco che nemmeno la cvandeggina potrebbe fare meglio.
Io non ho mai detto che ti davo le cardamate di legnate, anzi, lo dico adesso, quando la vedro' sapro' io cosa fare.

ho sempre spiegato o cercato di farlo, che una persona, puo' anche scrivere in maniera sgrammaticata, ma mi hanno insegnato che sono i contenuti che valgono, è inutile scrivere poesie, libri,senza succo, è meglio parlara alla carcarazza, ma esserci sostanza.
Quando vengo a Riesi parlo sempre in dialetto, anzi, potrebbe prendere informazioni, parlo anche in dialetto in alta Italia.

Per quanto riguarda la sua laurea, a me è lo già detto migliaia di volte non me ne puo' fregar meno, perchè alla fine lei con la sua laurea guadagna meno di un operaio metalmeccanico.
Uno dei miei tanti nipoti ha rifiutato l'icarico annuale a scuola perchè avrebbe guadahnato meno di quanto guadagna oggi.
Quindi la sua laurea, se la metta dove vuole anche in fondo schiena, che a me, e a tutti quelli che la pensano come me, della sua laurea, possiamo solamente cambiarla con la carta igienica, e stuiarici la *******.

Anzi per dirla, il Web a me modestamente di persona, mi ha sempre detto di lasciare stare, chi soffre, di quasiasi patologia che non è sano con il quete vivere.
Gli è lo avevo promesso, ma ho sempre risposto e lo faro' sempre quando si attacca la mia persona, dalle date dei messaggi si puo' risalire bene chi ha cominciato e chi invece si è sempre difeso.

Aspetto con ansia una sua citazione per darle poi le mia controquerela,per quanto mi riguarda non ci sono problemi di sorta, modestamente non avro' scuola, ma so' benissimo quello che faccio, e nella mia vita mi sono sempre preso le mie responsabilità,per quanto mi riguarda ci vediamo davanti ad un Giudice.
Cosi' ne vedremo delle belle.

Quando era a Riesi il sottoscritto non veniva ignorato dalla sua persona in quanto modestamente non gli ho dato mai modo di interloquire con la mia persona, anzi se ricordo male, sono stato l'artefice, di averla mandata fuori di un partito, che con un triunfirato, sembravano i padroni della mecca, invece sono stati rimossi.
L'unico spazio in cui forse ci siamo incrociati negli sguardi, ma non ricordo mai aver parlato con lei, a parte come spiegavo ieri nel precedente mex, a parlare con lei ci perderei in immagine e quant'altro.
E se lei sarebbe stato un grande personaggio, l'ex Segretario Gianfranco Fuschi non vi avrebbe rimosso.
Questa è la verità, e le verità possono essere sempre dimostrate,le bagianate invece non hanno mai riscontro, perchè sono indimostrabili.

Con questo io termino, ma attenzione, ogni talvolta lei parlerà in maniera diretta o indiretta su di me, avrà come al solito la mia bella risposta.
Poi quando la vedro' a Riesi, gli diro' in faccia tutto quello che in questo momento le vorrei dirle, sà a quattrocchi si ragiona meglio, e non c'è bisogna di usare la punteggiatura, e non si rischia di fare errori di ortografia.

con questo chiudo, per quanto mi riguarda ci possiamo vedere in Tribunale.

cordialmente

Arturo Testa
Vai in alto alla pagina

vasco

59 Messaggi

Inviato - 05/10/2007 :  15:35:12  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore
Scusate ma non volevo causare una discussione.

Penso che il sottoscritto sia stato usato com’esca da entrambi i contendenti, i problemi sono vostri e li chiarite tra voi.
Per il sig. Aristotele durante i fine settimana vado Susa a godermi la mia casetta in montagna, quindi la ringrazio per l'invito ma sono impegnato.
Non vorrei che lei pensi che sia un coniglio, ma sappi che non sono neanche un cogl..ne.
A buon intenditore......
Sig. Paterna il suo sfogo e legittimo e la capisco, infatti, si continua a giocare di sponda, vedi ultimi mex.
Saluti


vasco rossi
Vai in alto alla pagina

Massimo Rosario Paterna

6 Messaggi

Inviato - 05/10/2007 :  16:53:26  Visualizza profilo
Egregio signor Michele, in questo Spazio non ci sono polemiche di alcun tipo. Lungi da me da volerle fare. Il titolo dello Spazio mi pare sia "Discussioni Culturali". Ora nessuno costringe a leggerle e ad accettarle Si può essere si in disaccordo, ma tra la diversità di idee e il dare ad un'altra persona qualificata (e non perchè lo dico io ma i fatti) del demente o dell'incapace ne passa. Non crede? Mi dispiace che, senza volerlo, s'è vista trascinare in un discussione senza senso. Non intendo farla diventare involntariamente una "sponda" come lei ha scritto qualche giorno fa. Mi dispiace solo che il tizio in questione continui a fare finta di non capire. Parlando in generale, cercavo di far notare che non sono le infettive o gli attacchi da querela a dibattere civilmente. Non mi sono mai intromesso negli articoli degli altri per infangare e offendere. Se non li ritenevo degni di alcuna considerazione, leggevo (se mi andava) e poi passavo avanti. Qualcuno, però, non riesce a capire che l'istruzione (la "laurea") non è un semplice pezzo di carta. E' un metodo, grazie al quale una persona riesce a vedere a 360°. Non è uno strumento di elevaione sociale. Non è un mezzo per guadagnare 100 o 200 Euro in più degli altri. Sinceramente non mi ritengo una persona venale e in cerca di chissà cosa. Per chi non conosce la mia biografia, ho fatto degli studi in Conservatorio, ho interessi che spaziano dal teatro alla lirica, mi piace l'arte e coltivo in paricolare la storia, anche perchè l'insegno. La "laurea", come qualcuno giocando a "sponda" fa, serve a crescere spiritualmente ed emotivamente. Il denaro è consequenziale alle proprie competenze. Quando si è nelle condizioni di vedere oltre il proprio naso, la vita la si affronta più serenamente e senza il bisogno di invidiare gli altri, senza attaccarsi alla politica o a quanto può essere ritenuto fondamentale per crescere. Spero solo che in futuro il tizio in questione non intervenga nel mio Spazio, nè anto meno parli (usando l'impersonale e persone di "sponda" di me come io non faccio di lui e di nessun'altra persona in particolare. Potrò pur essere un demente o chissà quale altra offensiva cattiveria mi ha scritto tanto lui quanto tutte le "sponde" che glie lo hanno permesso in tutte le discussioni che quasi quotidianamente infetta, ma ci sarà pure una ragione se i miei articoli vengono letti, no?
Chiunque rilegge tutti i miei articolo si accorge che se qualche volta ho scritto qualcosa di duro è stato per difndermi da dure infettive personali.
PER DIMOSTRARE LA MIA BUONA FEDE, NON CANCELLERO' APPOSITAMENTE IL MESSAGGIO DEL TIZIO. VOGLIO DARE A TUTTI LA POSSIBILITA' DI LEGGERE COSA MI VIENE SCRITTO. VOGLIO LASCIARE AI LETTORI L'ARDUA SENTENZA.

Dr. Massimo Rosario Paterna
Vai in alto alla pagina

webmaster

829 Messaggi

Inviato - 08/10/2007 :  16:57:14  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore
ALL'ATTENZIONE DI MASSIMO ROSARIO PATERNA E ARTURO TESTA

===================================================

Egregio Massimo, ogni volta con te la stessa storia, quando le cose non vanno bene mi chiami in causa sproloquiando dicendo fesserie talmente grosse che non meritano risposte.
Lo spazio è tuo, tu sei il moderatore/responsabile che gestisce gli errori, mancanze e diatribe tue e degli altri.
Una volta ti ho consigliato, se non interessano le opinioni altrui, di bloccare tutta la sezione.
Come hai ben notato ho risposto con ritardo perchè non ho il tempo di leggere ciò che scrivono nelle altre sezioni da me non gestite(avendo piena fiducia nei moderatori pensavo... di stare tranquillo).
Dopo la tua sfuriata decidi cosa vuoi fare, se continuare o chiudere questa sezione, certamente così(minacciando querele a destra e a manca) non si può continuare.
Fammi sapere al piu' presto la tua decisione.

==============================================

Caro Arturo, devo smentire categoricamente quello che hai scritto chiamandomi in causa a riguardo le opinioni su Massimo, me ne guarderei bene di dire ciò che hai scritto, una volta mi sono semplicemente permesso dirti di lasciar perdere Massimo e dedicarti al tuo spazio perchè tra voi due non poteva esserci comunicabilità.

===================================================

Dopo tutto questo casino, gentilmente vi esorto(sto facendo il pompiere) di lasciar perdere le chiacchiere, che tutto possa ritornare come prima.
Il consiglio che posso dare(a la riisana) è quello di "sciacciarisi li piedi e fari la paci" oppure "ognunu pi li fatti sua".
A voi l'ardua sentenza...!



=========

=========
WebMaster
=========
Vai in alto alla pagina
Pagina: di 5 Discussione precedente Discussione Prossima discussione  
Pagina precedente
 Forum Locked
 Segnala ad un amico
 Versione stampabile
Salta a:
Comunità riesina nel web © 2000-02 Snitz Communications Vai in alto alla pagina
Snitz Forums 2000

Tradotto in italiano, modificato, testato, adattato e migliorato da:

Un clic qui x visitare il sito web