Comunità riesina nel web
Comunità riesina nel web
Home | Profilo | Registrati | Ultime discussioni | Utenti | Cerca | FAQ
Nickname:
Password:
Ricorda password
Dimenticato la Password?

 Tutti i Forum
 ESPERTI E PROFESSIONISTI RISPONDONO
 DISCUSSIONI CULTURALI
 RIESI KAPUTT MUNDI di Nino Sanfilippo
 Forum Locked
 Segnala ad un amico
 Versione stampabile
Autore  Discussione Prossima discussione  

MRP

75 Messaggi

Inviata - 16/06/2007 :  17:52:47  Visualizza il profilo
Riesi caput mundi

Cu ha firriatu e Roma ha gghiutu
dici: "paisi cchiù bellu nun c'è!"
Biddizzi accussì nun ha truvatu
ca si cci trova socchi iè gghiè

A ssi pirsuni cci dicu na cosa sula:
"puru a Riesi pruvati a viniri,
o ccu la machina o 'ncapu na mula
la vostra espririenza at'arricchiri"

S'avò sapiri di tuttu lu munnu
ca na Repubblica l'appimu puru,
iè un paisi a nuddu secunnu
iavi li strati chini di oru

Anchi si Roma iè la capitali
ccu monumenti e belli palazzi,
pruvati a ghiri a lu Canali
e taliati cchi belli terrazzi

E s'ama diri li cosi giusti
la capitali di lu munnu iè Riesi!
Cci su cusuzzi ppi tutti li gusti,
ppi suddispari li cchiù curiusi


Nino Sanfilippo, Riesi kaputt mundi, Caltanissetta, La Riesina Editrice, 2002, p. 18

Salvatore

137 Messaggi

Inviato - 16/06/2007 :  22:53:38  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore
Nino Sanfilippo, un grande! E' sempre stata consuetudine che ad ogni matrimonio, di un suo parente e molto spesso anche mio (siamo cugini), Nino scrivesse delle poesie in onore dei novelli sposi. Durante il banchetto nuziale, tra una pausa e l'altra, egli stesso recitava i versi con quell'ironia che lo contraddistingue, facendo morire dalle risate tutti gli intervenuti. Non appena avrò la possibilità metterò su questo spazio, se mi è consentito, alcune poesie che scrisse negli anni novanta.

Cari saluti, Salvatore


Salvatore Granata
Vai in alto alla pagina

MRP

75 Messaggi

Inviato - 17/06/2007 :  09:31:01  Visualizza profilo
[quote]Originalmente inviata da Salvatore

Nino Sanfilippo, un grande! E' sempre stata consuetudine che ad ogni matrimonio, di un suo parente e molto spesso anche mio (siamo cugini), Nino scrivesse delle poesie in onore dei novelli sposi. Durante il banchetto nuziale, tra una pausa e l'altra, egli stesso recitava i versi con quell'ironia che lo contraddistingue, facendo morire dalle risate tutti gli intervenuti. Non appena avrò la possibilità metterò su questo spazio, se mi è consentito, alcune poesie che scrisse negli anni novanta.

Cari saluti, Salvatore



Carissimo Salvatore, per me come per te, Nino non è una novità. Nino è un rijsano verace che, con il suo stretto vernacolo e la capacità d'improvvisare versi a rima baciata o endecasillabi sciolti, interpreta l'antica genuina vena dei solfatari. A parte il signor Luciano Mallia, che ex solfataro non è, non mi pare che a Riesi ci siano persone con questa bella e ormai scomparsa capacità. Peccato! Ma, tra tanti esperti e studiosi di cose rijsane e uomini di cultura che dicono di rappresentare Riesi e i rijsani, nessuno si è mai accorto di semplici e valide persone come queste. Eppure Nino, dapprima con suo compare e poi da solo, ha pubblicato. Possibile che nessun grande accademico di queste parti se ne sia accorto?
Bene dici che Nino si è contraddistinto in più occasioni, anche letterarie. Non ha certo avuto il bisogno di mettersi sul piedistallo e............ I tanti studiosi ed esperti della cultura rijsana, però, non lo sanno (Alla faccia dello studio e della ricerca. Ecco perchè ognuno dovrebbe stare al suo posto e fare quello che nella vita ha imparato a fare bene). Ora passo e chiudo.
Un salutone a te e famiglia
Massimo Rosario Paterna



Vai in alto alla pagina

Salvatore

137 Messaggi

Inviato - 17/06/2007 :  11:39:25  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore
Carissimo Sasà hai ragione, Nino Sanfilippo e Luciano Mallia sono le poche persone che riescono a recitare i versi con una genuina semplicità che ricorda l'antica vena poetica dei solfarai, ma anche dei contadini. Devo aggiungere tra le altre cose che Luciano ha anche una dote canora apprezzabile e riesce a cantare i versi in maniera egregia. Fortunatamente non sono le uniche, Luciano Butera, Giuseppe Ballaera, Gancitano ( non ricordo il nome) e lo stesso Carrubba, già noto laudatante,
si destreggiano discretamente sia nella recita che nel canto.
Il Centro Regionale per l’Inventario la Catalogazione e la Documentazione della Regione Siciliana, ha avviato un laboratorio sperimentale sulla registrazione audio nello studio tecnico della Nastroteca. Canti dei carrettieri, lamintanze, canti dei contadini e dei solfarai, che verranno registrati su un CD (pubblicato dalla Regione Siciliana) per darne la massima diffusione allo scopo di valorizzare la tradizione orale dell’Isola, soprattutto a quei repertori ancora poco noti. La Dott.ssa Sorgi, Dirigente responsabile della Nastroteca, mi ha chiesto di collaborare a questo laboratorio e di coinvolgere cantori riesini (ma anche ex carrettieri di Villabate, Bagheria e di Misilmeri) che conoscano i vari repertori. Spero di poter convincere un buon numero di riesini a partecipare a questo progetto (è quasi certa la partecipazione dei laudatanti). Lo scopo, ovviamente, è quello di far conoscere la nostra tradizione orale che è abbastanza ricca di canti, stornelli, poesie che raccontano, alcune anche con ironia, le vicende di una comunità che purtroppo non ha saputo conservarne la memoria.

Cari saluti.




Salvatore Granata
Vai in alto alla pagina

Ros

1493 Messaggi

Inviato - 17/06/2007 :  15:56:46  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore

Carissimo MRP,

quando prima verrà pubblicato un elenco di biografie di artisti riesini (Poesia, pittura, scultura, scrittura, eccetera).

E' da un bel po' di tempo che ci lavoriamo, siamo a buon punto, manca solo la sistemazione finale.Quando prima verrà pubblicato.

Ci sarai ovviamente anche tu... anche se non te lo meriti perché continui a non credere a cio che stiamo facendo.

Saluti

Incompetente in materia...




Rosario Riggio
Vai in alto alla pagina

MRP

75 Messaggi

Inviato - 17/06/2007 :  20:04:50  Visualizza profilo
A Riesi

Vuatri ca stati a Riesi
siti pirsuni a mia cari,
lu fumu vi junci 'ncapu li casi
macari ca siti senza dinari:

Nun sacciu mancu cuomu vi fici
I ca ammintaiu tuttu lu munnu
o ccu la crita, o ccu la pici,
cu vuatri tuccaiu daveru lu funnu.

I cchiu cci piensu e forsi mi pientu
d'aviri criatu stu bellu paisi,
I ccu vuatri nun n'aiu abbientu,
mi dati pinsera a rietini stisi.

Cchi belli casi! Cchi belli palazzi!
Chi belli strati 'ndi sta sta bella curnici.
Chisti su sulu paroli di pazzi.
Ann'ammazzari a ccu li dici!



Nino Sanfilippo, Riesi kaputt mundi, Caltanissetta, La Riesina Editrice, 2002, p. 24




I settentrionali

Tra li frustieri ca a la stasciuni vieninu,
arrivanu puru di paisa taliani,
ca n'atra moda e purtamentu tièninu,
e si fanu taliari ppi tanti simani.

Di Torino e di Genua, rumani e milanisi,
nun su na razza 'ngenua,
anzi, su tantu sperti e tisi!

Nni parranu sempri'ntalianu
ccu n'annacata daveru scerta,
tutti cosi iddi sanu,
nni fanu arristari a vucca aperta.

Cuu lu belìn e lu ciao nè
iddi sanu tanti cosi,
pàrranu sempri di socchi iè gghiè
tantu nuatri pariemmu vavusi

Nino Sanfilippo, Riesi kaputt mundi, Caltanissetta, La Riesina Editrice, 2002, p. 52
Vai in alto alla pagina

pupillo

153 Messaggi

Inviato - 17/06/2007 :  21:50:17  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore
Un caro saluto a Nino Sanfilippo.

Le tue poesie, il tuo sentire e le tue esternazioni, sono un esempio di qualità costruttiva da sempre. Grazie


Cons. Umberto Lo Grasso detto pupillo Genova

Cons. Umberto Lo Grasso
Vai in alto alla pagina

MRP

75 Messaggi

Inviato - 20/06/2007 :  15:00:15  Visualizza profilo
A prosito di Piazza Giacomuzzi.........

Gli animali

Ci fu na vota di la foresta
la riunioni di tutti l'armali,
li cchiù feroci ccu li liuna 'ntesta
e di darrieri chiddi normali

Avianu sintutu lu bisuognu
di mintirisi a camminari
e pinsaru tuttu lu juornu
a quarchi paisi unna stari

La discussioni jera troppo dura,
tanti armali, si sciarriaru
la trattativa durà tutta la sira
ma a la fini s'accurdaru

Prima parrà lu liuni e dissi:
"ora un pattu amu fattu.
prima amu dittu issi issi
cuomu si fa quannu si caccia un gattu

Ma c'è un paisi fattu apposta
ppi la nostra cumminienza,
ammà ghiri ddà, chiddu ca costa costa
oramai nun putiemmu fari senza

Iè un veru paradisu terrestri,
cci su armali e pirsuni tanti,
cci va lu circolo acquestri,
iè veramenti un paisi 'mpurtanti

Si scannanu l'unu ccu l'atru
quannu li votazioni s'annà fari,
di ddu mumentu mancu a un latru
cci cummeni iri a rubbari

Si ci trova genti ca striscia,
allura ci vanu li schirsuna;
c'è puru cu la passa liscia,
chissi su li veri liuna

li liuna su chiddi ca cumànnanu,
anu statu sempri forti,
li puvirieddi li fùttinu e 'mbroglianu,
di tutti mmanu janu li sorti

Si cci tròvanu videmma li vurpi,
ca su furbi e 'nturciuniati,
sutta sutta fanu li cuorpi,
fannu veri carugnati"

Lu Signuri jè contentu
di sta sorta di paisi
e addumanna a lu firmamentu:
"daveru I cci lu misi?"



Nino Sanfilippo, Riesi kaputt mundi, Caltanissetta, La Riesina Editrice, 2002, pp. 54-55

Vai in alto alla pagina

ninopine

112 Messaggi

Inviato - 08/05/2008 :  16:44:15  Visualizza profilo  Scrivi una mail all'autore
Sono molto contenta ed orgogliosa che le poesie di mio padre vengano apprezzate ( e ciò mi sembra oltremodo ovvio ) e riportate sul sito, ringrazio in particolare chi ha avuto la premura e la sensibilità di rendere noto il suo talento.....Grazie!

antonino sanfilippo
Vai in alto alla pagina
   Discussione Prossima discussione  
 Forum Locked
 Segnala ad un amico
 Versione stampabile
Salta a:
Comunità riesina nel web © 2000-02 Snitz Communications Vai in alto alla pagina
Snitz Forums 2000

Tradotto in italiano, modificato, testato, adattato e migliorato da:

Un clic qui x visitare il sito web