Riesi in...poesia - Le opere, i giorni, i sentimenti


Cci vo viniri dda bbanna Riesi 

unna cci su pagliara cumu li casi e picciotti cumu li rosi

 

Poeti riesini

 

** Nota ** Tutti gli articoli di questa pagina sono stati realizzati dal  Prof. Giuseppe Paterna, tratti dal libro "Le opere,i giorni,i sentimenti" 

 

 

Dei tre comuni che costituiscono il Distretto scolastico n. 11 Riesi è quello di più recente nascita: mentre Mazzarino può vantare più di mille anni di storia e Sommatino quasi cinquecento, il nostro paese con i suoi trecentoquarantanni di vita può rassomigliare, dal punto di vista storico-culturale, a un giovanotto arrogante e presuntuoso e, sebbene intelligente e vivace, sostanzialmente immaturo. Infatti Riesi non ha storia, se non la storia, comune a tanti piccoli paesi della Sicilia e del meridione, di miseria, privazioni e sofferenze di quel ceto contadino che solo ora sta affacciandosi alla vita sociale e politica. Per fare quindi la storia di Riesi basterebbe allacciarsi alla storia del mondo contadino che è stata illustrata con grandi affreschi dai grandi della letteratura mondiale (Tolstoj, Levi, ecc.). Quasi duecento anni fa cominciò a formarsi a Riesi un altro piccolo nucleo sociale, quello degli zolfatai, che man mano s’ingrandì sino a comprendere, agli inizi di questo secolo, un migliaio di famiglie. Questo nuovo ceto vivacizzò un poco la vita del paese e determinò gli inizi di un certo progresso. Gli zolfatai prendevano la loro paga, molto misera in verità, due volte al mese: alla fine della prima quindicina e alla fine del mese, e ciò creò una prima circolazione monetaria e l’avvio del commercio al minuto, prima molto scarsa o quasi inesistente perché l’agricoltura era allora, ed è in parte ancora oggi, di tipo familiare ed autosufficiente. Infatti i contadini usavano "nchiùirisi la mancia", cioé conservavano tutti quei generi (grano, olio, vino, frutta secca ) che sarebbero serviti a sostentare la famiglia per l’anno a venire, e non avevano quasi mai bisogno di ricorrere come oggi ai panifici o ai negozi di generi alimentari. Nemmeno gli zolfatai hanno una loro precipua storia che non sia la storia, comune a tutto il mondo delle solfare, di miseria di sfruttamento e di morte. Certamente gli zolfatai riesini parteciparono alle rivolte dei fasci siciliani del 1893, sanguinosamente repressi; sicuramente parteciparono agli scioperi spesso scomposti e violenti degli inizi del 1900 contro il barbaro sfruttamento condotto dai gestori delle miniere (un esempio per tutti: nel fondo delle miniere lavoravano persino ‘carusi" di sette anni!); ma questa è una storia cui nessuno ha ancora posto mano e che forse resterà sepolta per sempre nel passato. La cultura riesina ha espresso tre pubblicazioni a carattere storico, oltre ad alcune tesi di laurea: una del Ferro del 1927, la seconda del Testa e la terza del Butera, entrambe uscite in questi ultimi anni. A leggerle tutte e tre non si scopre alcun fatto di rilevante importanza storica o qualche riflesso dei grandi avvenimenti nazionali, ma soltanto aneddoti di valore locale e lo scorrere lento del tempo in un piccolo paese minerario-contadino. Due soli personaggi riesini sono arrivati ad acquistare una certa importanza nazionale: un politico (Pasqualino Vassallo, per qualche anno ministro di Grazia e Giustizia in un governo prefascista) e un medico (il D’Antona che per i suoi meriti fu creato senatore del Regno). Allora che cosa cercare nel nostro passato? Non resta che la cultura popolare. Quella cultura popolare che si esprime attraverso la poesia degli stornelli, la saggezza delle massime e dei proverbi, la fantasia di "li miniminagli".... Forse anche questa cultura è comune a tutti i paesi vicini, e forse a tutto il meridione, ma e stata comunque rielaborata qui a Riesi, in questo paese di trecentoquarant’anni che certamente le ha dato il contributo del suo spirito e della sua originalità.


 
Tanti anni fa il contadino cominciava presto la sua giornata, molto prima dell’alba. Al passo lento dell’asino o del mulo ci volevano molte ore per raggiungere la propria terra, e il contadino doveva alzarsi perciò nel cuore della notte, e ritornava a casa al crepuscolo. La sua giornata lavorativa era quasi sempre di quattordici o anche di sedici ore e difficilmente aveva tempo per recarsi in piazza, a meno che non piovesse. Allora spendeva la mattinata a sbrigare qualche faccenda o a riparare gli attrezzi di lavoro, e il pomeriggio si recava dal barbiere o a chiacchierare con gli amici.

MATINA PRESTU

Si susi cu Iu scuru lu viddanu,

si vesti e scinni subitu a la stadda.

Poi chiama la muglieri pianu pianu

pirchì l’hav’a aiuta’.

Cu lu ‘mbraagliu rasca lu fumieri

e cu la pala inchi li zimmila.

Lu mulu tira caci PI darrieri:

li voli struppia’.

Li viertuliddi pronti cu lu pani,

lu bummuliddu d’acqua e ‘na cipudda…

s’affaccia fora pi chiama’ li cani:

attaccanu a ‘bbaia’.

Li stiddi ‘n cielu lucinu luntani

e fanu tuttu un mari di brillanti.

Chi sanu di brillanti li viddani?

Nun n’hanu vistu ma’.

Senza pinzari attacca ‘na canzuna

e volanu pi l’aria li sturnelli:

"A muri si’ chiù fridda di la luna,

pirchì ‘un mi vua vasa’?

Amuri, amuri!"

           

Arriva fina fina n’atra vuci,

n’atra canzuna vola ndi la notti:

"Amuri si’ chiù dura di ‘na nuci,

e nun ti fa’scaccia’.

Amuri amuril"

E n ‘atra vuci canta di luntanu,

mentri li stiddi spriscinu a livanti:

‘Amuri amuri dunami la manu

e nun ti ni scappa’.

Amuri, amuri!"

Lu mulu fa la strata a lu sò passu

e lu viddanu canta e ci arrispunni:

" Amuri ‘un ti scanta’ cà nun ti lassu,

ti vuogliu marita’.

Amuri, amuri!"

Ma agghiorna e si fa subitu matina

e lu viddanu arriva a la sò terra:

si scorda li chitarri e li viulina

e si ni va a zappa’.

 

 

 

Come s’è visto, i contadini cantavano. Tutti cantavano: i carrettieri nei loro lunghi viaggi solitari; gli zolfatai che si recavano in miniera al terzo turno; gli innamorati che con chitarre e violini e mandolini portavano dolcissime serenate alle loro belle E tutti creavano momenti di vera poesia. Perché cantavano? Per vincere la solitudine e la disperazione o per alimentare la speranza di una vita migliore? Oppure per un motivo più pratico? Cioé per vincere la paura e per avvertire eventuali malintenzionati che chi passava in quelle notti solitarie era solo un povero carrettiere o un contadino o uno zolfataio che andava a guadagnarsi il pane? Ma comunque cantavano, ed erano stornelli appresi a memoria o stornelli improvvisati lì per lì per gareggiare con l’amico. Ora non si canta più: si va in macchina, e alla radio qualcuno canta per noi.

 

STORNELLI CONTADINI

 

"Mà sogira mi dissi: "Va’ travaglia,

‘un fari mali a pàtiri a mà figlia!"

I’ ci inchìu la casa di paglia:

"Curcativicci vui cu vostra figlia!"

Sintiti chistu sceccu pirchi arraglia:

hiavi la cuda longa e si ‘mpiduglia.

I’ ci lu dissi a la 'gnura Catalla

si mi duna la figlia ‘n gabella

ca a la stasciuni ci la riennu a paglia.

Ora ca vinni lu misi di Maiu

sientu cantari schetti e m ‘arricrìu.

Grapi la porta quantu ti taliu,

ora ca thaiu vistu mi ni vaiu.

Bedda, chiù bianca assai di la ricotta,

chiù middicuta di ‘na ficu fatta

e si piccatu fa’ a dòrmiri schetta

la tò billizza cu l’argentu appatta.

I’ d’oru ti la fazzu la falletta,

firriatedda cu liri di carta;

pi tia cent’unzi puozzu fa’ di detta

pirchì l’amuri iè bellu e mi cumporta.

           

Bedda, ci vua viniri a lu Riggieddu

pi ghiri a fari l’erba a lu cavaddu?

Cuomu iè fari ca la notti ‘un duormu

pinzannu sempri a tia, botta di sangu.

Schetta nun t’appi e maritata t’appi,

basta ca t’appi e cuomu t’appi t’appi.

La schetta quannu dormi dormi sula,

si vota e svota ndi li sò linzola.

Lu sangu di la schetta vuddi e balla

cuomu lu fuocu di la furnacella.

C’è cu’ si mancia li pirnici e l’ava

e tu curnutu ‘sta scalora cruda.

E l’acidduzzu ndi la riti ‘ngaglia

cuamu ‘ngagliaiu i’ cu vostra figlia.

Di piettu mi l’acchianu ‘sta muntata

pi taliari a tia, facci pulita.

E tanti cani misi attuornu all’uossu,

biatu chiddu ca si teni arrassu.

‘Nnuccenziu ci lu dissi a Bastianu:

carta passata macina mulinu.

 

 
"Natali, lu friddu e la fami", oppure "Sàrbati du’ tarì pila simana di San Paulu". Ma i contadini, almeno i più, avevano la "mancia ‘nchiusa" e potevano festeggiare la Natività con spirito sereno. La sera della vigilia si accendevano grandi falò nelle strade per riscaldare la grotta di Betlemme e per illuminare la via ai Re Magi in cammino, mentre le donne in cucina preparavano i dolci caratteristici di cui si va perdendo il ricordo: li mastazzola, li gnucchitti, li sfinci, ecc I bambini intanto cantavano:

 

SUSI PASTURI

 

Susi’, pasturi, ‘un dormiri chiù

cà pi nuatri nasci Gesù.

Susi’, pasturi, ‘un dormiri chiù

cà pi nuatri nasci Gesù.

A la Notti di Natali

c’è la festa principali

cà nascì lu Bamminieddu

‘n mienzu a un voi e un sciccarieddu.

Susi, pasturi, ‘un dormiri chiù

cà pi nuatri nasci Gesù.

Aspittatimi tanticchiedda

quant’arrivu a lu pagliaru:

iè piglia’ ‘na puddastredda,

‘n agnidduzzu intra un panaru,

lu tumazzu intra un cufinu

pi purtalli a lu Bamminu.

Susi, pasturi, ‘un dormiri chiù

cà pi nuatri nasci Gesù.

           

Susi, pasturi, ‘un dormiri chiù

cà pi nuatri nasci Gesù.

C’era ‘na vota ‘na vicchiaredda,

un n’aviva chi ci purta’.

Ci purtà lu scarfaturi

pi Maria e lu Signuri.

C’era ‘na vota un picciliddu,

‘un n’aviva chi ci purta’.

Ci purtà ‘n arancitieddu

pi Maria e lu Bamminieddu.

C’era ‘na vota un cicuriaru,

nun aviva chi ci purta’.

Ci purtà cicoria amara,

ca iè bella e nun iè cara,

e si misi a cucinare

cà Maria avia a manciari:

pi lavari li vudedda

a la Santa Madunnedda.

 

CARNEVALE

 

 Un clic con il mouse qui: LI DUDICI MISI DI L'ANNU 

per collegarsi con la pagina approrpriata


Veniva presto la Pasqua, antichissima festa contadina, che prima ancora di venire assimilitata alla liturgia e alla tradizione cristiana, simboleggiava il risveglia della natura, la resurrezione di tutta la vita sulla terra e la speranza dell’eternità dell’uomo. La tradizione riesina offre diverse versioni di la "Santa Cruci", il canto popolare raccolto già dal Pitré agli inizi di questo secolo, e un paio di queste hanno trovato spazio in diverse pubblicazioni a carattere locale (vedi la Storia di Riesi di G. Testa); e inoltre una bellissima nenia pasquale, forse comune a paesi viciniori, che merita senz’altro di apparire in questa nostra ricerca.
  

"LU iuovi SANTU"

 

Ora ca agghiorna già lu iuovi santu

la Bedda Matri si misi lu mantu.

Ora ca iè lu venniri matinu

la Bedda Matri si misi ‘n caminu.

E scontra a San Giuanni pila via:

"Unna curritì, o cara mamma mia?"

"Vaiu circannu a lu mà santu figliu,

intra ogni strata e intra ogni curtigliu".

           

"Va iti ndi la casa di Pilatu

ca lu truvati strittu e ‘ncatinatu".

Tuppia forti ndi li purticatu

"Chissa iè la matri di ddu sbinturatu!"

S’affaccia Giuda ‘nfami e tradituri

"Ti lu manciasti pi trenta dinari!

Chissi trenta ‘un t’hanna puti’ bastari,

si lu sapia chiossa’ ti n’avia a dari"

 

Ma passata il triste inverno e la primavera, veniva il tempo della mietitura, che era la migliore occasione di lavoro per tutti i braccianti poveri e senza terra.

 

LI MI TI TURA

 

A giugnu cuminciaru a la marina

e ghieru a tra vaglia’ li mititura;

si misiru a li spaddi ‘na sacchina

cu ‘na pignata e quattru muccatura.

Ci ieru mititura riisani,

di Sumatinu e di Cartanisetta,

ci ieru quasi tutti li viddani,

puru di Enna e di Calascibetta.

E la matina prestu ddà a la chiazza

li capurala vinniru a taliari:

ittavanu vilenu, no sputazza,

pariva ca si ni ivanu a spagliari.

"Tu vieni, tu si’ buonu a tra vagliari

tu no, tu nun si’ buonu, nun ti vuogliu;

vi dugnu menza lira e lu manciari:

quattru sarduzzi cu l’acitu e l’uogliu".

Ristaru scunsulati ‘ssa matina

li genti ca nun appiru travagliu,

ma sina ca lassaru la marina

si chiusiru la vucca cu u stuppagllu.

E l’atri cuminciaru a tra vagliari

mentri lu suli divintava forti,

ora lu callu li facia sudari,

e tutti bistimmiavanu la sorti.

Scruscivanu li rini ndi li spaddi,

li vrazza ci pisa vanu un cantaru:

forsi iera mie gliu ‘n guerra cu li baddi

ca no muriri pi ‘ssu pani amaru.

           

Ddi spichi su ‘chiù duri di ‘na mazza!

e di lu primu suli 'nsina a sira

vulavanu li faci, e ndi li vrazza

c’era la morti pi dda menza lira

La sira finarmenti cu lu scuru

turnavanu paisi pi manciari

ddi qua ttru sardi cu lu pani duru;

e poi si ni ivanu a curcari.

Mintivanu la giacca pi chiumazzu,

lu tascu ‘n capu l’uocchi pi difisa,

la terra ci facia di matarazzu,

e pi linzuolu c’era la cammisa

e lu paisi divintava un liettu,

e li banchini ieranu divani,

e cu’ paria padduottula e cu’ friettu,

durmivanu accussì, cuomu li cani

strincivanu li vrazza ndi lu piettu,

stinnivanu li gammi luonghi ‘n terra,

lu maritatu 'n faccia di lu schiettu

runculiava ca paria ‘na serra.

E lu 'nnumani sempri a primu suli

accuminciava arrieri dda canzuna:

abbiati all’antu 'n fila cuomu muli

invanu tutti appriessu a la spurtuna.

Davanu mussu tutta la iurnata

pirchi a la festa di la Bedda Matri

putianu fari chjna la pignata...

‘ccussì li picciliddi ieranu satri.


 
Era faticosa la vita del contadino ma più dura e pericolosa la vita dello zolfataio. lì lunedì mattina andava a piedi in miniera (ed era più di un’ora di strada!) e ritornava il sabato pomeriggio; portava con sé il cibo della settimana: un paio di pani, qualche sarda salata, poche ulive e aglio e cipolla; appena fuori del paese si era levato le scarpe, se le era legate attorno al collo ed aveva fatto tutta la strada a piedi. In miniera gli incidenti di lavoro erano quotidiani e le disgrazie mortali frequentissime. Comprensibile quindi che il sabato pomeriggio lo zalfataio, appena rientrato in paese, cercasse i suoi amici e andasse a sbronzarsi in qualche bettola o in qualche casa privata.
 

LU SABATU DI LU SURFARARU

 

Ogni simana ddi quattru cumpari

sempri ‘na tavulidda ivanu a fari;

ogni simana, a lu sabatu sira,

quannu turnavanu di la pirrera.

C'era zi’ Peppi lu scarcaraturi

sò frati Roccu, lu pirriaturi,

cera Cristofalu, lu picunieri

e don Liboriu, lu magazzinieri.

lvanu tutti dritti a la putia

unna, un carrubu, ppi 'nzinga, pinnia.

Iu ci iva appriessu pirchì avia a taliari

unna mà nannu si iva a 'mbriacari.

Iera picciddu ma ci pienzu ancora

picchi l’aspittava sempri ddà, fora.

C’era ‘na tavula, pronta, cunzata,

cu quattru uliveddi e cu la ‘nzalata,

tumazzu duru cu tecchia di pani,

un piattu di pipi e di milingiani,

quattru sarduzzi, poi quattru carduna,

e, ppi finiri, du belli miluna.

Fina a la guerra, a lu quarantatrì,

si divirtivanu sempri accussì:

      

"Ora ca aviemmu ormai satra la panza,

forza, picciuotti ‘na bella romanza.

Ora ca ‘un ci n’è chiù intra la vutti,

chiù forti, picciuotti, cantammu tutti...

‘na bella rumanza a lu santu Nué

ca ddà ‘n paradisu fa sempri lu re...

e ‘na rumanza pirchì la rigina

ha statu e sempri iè donna Catina...

e ‘na rumanza sta puru ppi mia,

e ppi l’amici, e poi puru ppi tia....

basta, picciuotti ora basta cantari,

nisciemmu fora ca iè ghiri a urinari.

 Porca miseria, chi iè bruttu stu scuru,

vo’ diri ca m’appuoiu di stu muru.

 Mamma, cadìu! Chi nuddu m’aiuta?

Allura fazzu ‘na bedda durmuta.         

Ora i duormu e si veni ma flgliu

iddu mi spinci e lestu mi ‘ddivigliu.

Cuntentu i accussì ‘un c’è statu mai,

‘cussì scurdaiu tutti li mà guai!"

 

 

 
Col tempo le condizioni di lavoro e di vita migliorarono un poco ma poteva capitare, e capitò effettivamente nel dopoguerra, sia negli anni venti che negli anni cinquanta, che qualche disperato pensasse di rapinare gli zolfatai delle poche miserie che portavano con sé in miniera.
 

ABBUCCATI

 

‘Na notti si ni ieru a la pirrera

quattru picciuotti cu lu capumastru.

Cantavanu "tarà tarallallera,

iè peggiu ca si ghissimu all’incastru!"

Avianu li piedi scazi e nudi,

li scarpi ‘nturciuniati a la sacchina,

avivanu cipuddi e agli crudi

e pani friscu fattu di farina.

La notti iera friddusa e ‘nnivulata,

nun c’era né la luna e né li stiddi,

e ghiera ‘ccussì forti la ilata

ca sta vanu ammucciati anchi li griddi.

Currivanu ddi cincu surfarara,

strincivanu la testa ndi lu cuoddu....

cantavanu "La vita quantu iè amara"

e avianu li piedi sempri a muoddu.

Ma appena ca arrivaru a la "Purtedda"

spuntaru du banditi ‘nfaccialati,

armati di pistole e di cutedda

ca dissiru: ‘Sparammu o v’abbuccati?"

Di cursa ddi picciuotti s ‘abbuccaru

e tinniru la faccia sempri ‘n terra.

Li latri tutti cosi ci livaru

e subitu sparieru ndi ‘na serra.

Rubaru li cammisi cu li magli,

rubaru li scarpuna e li cazetti,

rubaru li cipuddi e puru l’agli,

e li sicarra cu li sicaretti.

Ddi quattru surfarara cu lu mastru

ristaru scazi e nudi ‘ssa nuttata,

eppuru... si ni ieru ddà all’incastru

pi ghirisi a buscari la iurnata.

 
Mentre si recavano in miniera, a piccoli gruppi, gli zolfatai del terzo turno, che era quello notturno, spesso cantavano stornelli; ma erano pochi gli stornelli d’amore, erano quasi sempre stornelli di scherno e di rabbia.
 

STORNELLI D’AMORE E DI RABBIA

 

Vinni a cantari di ‘sta cantunera 

a la raggiazza di ‘na putiara.

Hiavi ‘na figlia ca iè ‘na bannera 

ca iè lu sbìu di li surfarara!

A tia mi raccumannu, lampiuni, 

quannu passu di cca lustru m’ha’ fari!

Vinni a cantari cca, sangu di Cristu, 

pi dari la risposta a chissu crastu!

Cuomu ti chianciu, figliu Marianu, 

li donni ti purtaru a lu distinu!

Pi ghiri appriessu a tia persi li sceccu, 

ora dimmillu tu cu cu’ accravaccu.

Quand’havi ca l’addievu ‘sta lattuca 

e n’atru s’ha manciatu la ‘nzalata.

Tò ma’ ié lavannera lavapanni 

to pa’ ié zappaturi zappa vigni.

Vinni a cantari un pedi di canzuna, 

tintu lu marranzanu e cu’ lu sona.

iè ‘nutili ca t’allisci e fa, cannola, 

lu santu là di marmaru e nun suda.

C’è cu’ si mancia lipirnici e l’o va 

e tu, curnutu, ndi ‘na paglialora.

Curnutu cu li corna hiacchi hiacchi 

unna ci fanu li nida li cucchi.

Cu li tò corna ci facissi un ponti 

‘ccussì ci passu i’ cu la mà amanti.

Di vintinovi siemmu iunti a trenta 

e cuomu veni la cosa si cunta.

Mamma, chi l’havi nìuru lu cori 

lu prisidenti di lu tribunali.

Lu libru di li ‘nfami t’accattasti, 

la prima nfamità mi la facisti.

Cu’ dici ca lu carciaru iè galera, 

a mia mi pari ‘na villiggiatura.

 

Galera mi ni iè fattu vintun annu, 

a mia m’hanu parutu vintun gnuornu.

Tutti l’amici mia ‘nfami e carogna: 

iddi si la manciaru la castagna.

La fimmina iè chiù duci di lu piersicu 

ma dintra iè chjna di vilenu ‘ntuossicu.

La fimmina là ‘na musca cavaddina 

ca duna ardenti assai li muzzicuna

i’ti mannaiu littri a tanti banni, 

aspiettu la risposta ca nun vinni.

Quannu i’ ti vuliva tu nun vulisti, 

ora ca tu mi vua ci la sbagliasti.

Prima d’amari a tia n’amava cientu 

e a tia ti tiniva pi billimientu.

Quannu mi maritaiu n’a viva n’unza, 

ora ‘mmeciu n’haiu ‘na lira e menza.

Mi maritaiu pi vidiri guai, 

e maritatu ni vitti chiossài.

Quanni nascìu i’ nascìu chianciennu, 

la malasorti mi piglià di tannu.

Si tu la vua capiri lu capisci, 

innò pigli li ‘mbro gli e ti ni niesci.

Surfararu lu vuogliu e no viddanu, 

di sita mi l’ha’fa’ lu fallarinu.

Zappa viddanu cu li corna 'n terra, 

lu carrittieri ci ioca a la murra.

Sugnu appuiatu di ‘sta cantunera, 

mi spagnu ca mi cadinu li mura.

Taliu ‘n terra e vidu ‘na lumera 

ma dda picciotta mi mannà ‘n galera.

Mi voli cu li vrazza a la turtura, 

ma si mi spusa ci puortu bannera.

Tu riesti schetta e pierdi la vintura 

a mia la malasorti e la svintura.

 
Negli ultimi tempi, prima che le miniere fossero definitivamente chiuse, gli zolfatai andavano alla miniera in tre turni: il primo alle sei di mattina, il secondo alle due del pomeriggio e il terzo alle dieci di sera. Gli zolfatai giovani e da poco sposati si rodevano dalla gelosia al pensiero della moglie giovane e bella lasciata sola in casa per tutta la notte e nacque così la leggenda di "La sciorta di li curnuti". Ma qualche caso, anche se non molto spesso, capitava effettivamente, l’ultimo una trentina d’anni fa circa, e finiva sempre in sparatorie e omicidi.
 

LA SCIORTA DI LI CURNUTI

 

Iè scuru, su’ li deci dì la sira,

l’aria iè friddusa, tira vientu forti:

lu surfararu ‘un parra, ma suspira

cà penza quant’é brutta la sò sorti.

Cala lu tascu vasciu ndi la frunti,

si minti ndi ‘na spadda la sacchina,

strinci lu cintu di ‘n atri du’punti

e strinci e si cummoglia la pittrina.

Na canniledda adduma sularina

‘n capu lu cummidinu, e va a finiri;

lu surfararu pianu s’avvicina

e poi l’astuta cà si n’ha vi a ghiri.

La citalena iè ‘n manu, già addumata,

ma prima di iri a grapiri la porta

vo’ dari a sò muglieri ‘na taliata

ca dormi ndi lu liettu e pari morta.

           

Iè bedda: pari fatta cu lu meli,

la vucca fatta pi lu vasa vasa;

puru s’a vissi ‘n cuoddu setti veli

iè fimmina ch’è lustru di la casa!

Suspira e penza mentri ca talia.’

"Iè stari ‘na nuttata a la pirrera

e lassu sula ‘sta muglieri mia.

Talè ch’è bedda, pari ‘na bannera!

Mischina, puviredda, è cunnannata

a stari sula, senza cumpagnia.

E cuomu fa a passari la nuttata?

Sa’ cuomu soffri la mancanza mia!"

Poi nesci e si ni va pi la so strata,

mentri l’amuri si ci squaglia ‘n piettu.

Strumenti dda carusa spurtunata

hiavi l’amanti già dintra lu liettu!


 
Molti anni fa, l’amore, persino, quello romantico di due giovani che passeggiano al chiaro di luna e mentre sognano una vita in rosa si scambiano casti baci e dolci e furtive carezze, a Riesi era un’astratta realtà, se non addirittura un concetto praticamente sconosciuto. E’ vero, c’era qualche fortunato giovanotto che, a furia di interminabili passeggiate diurne e romantiche serenate notturne, riusciva ad attirare l’attenzione della ragazza che sospirava dietro le finestre accostate.
 

STORNELLI D’AMORE

 

Cu’ ti lu dissi ca stasira ‘un viegnu?

Grapi la porta cà staiu arrivannu!

lè bellu oi, iè bellu dumani,

iè bellu ma maritu quannu veni!

Bedda, ca si’ chiù bedda di Iu mari,

li tò billizzi, tu, a cu’ l’ha’ lassari?

Rosa di cientu pampini virmiglia,

po’ stari ndi ‘na grasta di tirraglia.

bedda la matri ca fici ‘ssa figlia:

ci attocca a lu valuri ‘na midaglia!

Tu si’ ‘na rosa ddà a mienzu li giglia:

li giuvini pi tia fanu battaglia!

           

Quannu nascisti tu nascì ‘na rosa,

l’aduri si sintia ndi la mà casa!

Tu si’ la menta e ghi lu putrusinu,

l’amuri ni faciemmu di luntanu.

I’pi l’amuri tua di notti viegnu,

nun mi ni curu si chiovi e mi vagnu.

La vua sapiri dunna sugnu misu?

‘N capu ‘na cima e ‘n terra nun ci puosul

Tu misa dduocu e i’ di cca ti vìu:

cuomu un canuzzu a la catina abbaiu!

 

 

 
Ma l’amore romantico, nato dagli sguardi e dai sospiri e favorito dalla dolce musica notturna di chitarre e mandolini, era una eccezione, la regola era un’altra. Intanto, alla fine della prima adolescenza, i sessi venivano rigorosamente divisi. Le ragazze, appena accennavano, a diventare donne, venivano "ritirate", venivano cioè chiuse in casa da dove potevano uscire in determinate occasioni soltanto se accompagnate dai familiari. Allora, come ci si sposava? Ecco: secondo la regola allora in vigore, il padre del giovane, quando riteneva fosse giunto il momento, adocchiava una ragazza e la valutava attentamente dal punto di vista della salute, della moralità e della dote. Se riteneva positivo l’esame, si presentava al padre di costei e contrattava accanitamente il matrimonio soppesando capi di biancheria (a sei, dodici, a diciotto, ecc.) contro tumoli di terreno e contro case di abitazione. Quando tutto era definito, ne dava annunzio all’interessato: "Figliu, vidi ca ti fici zitul". Avveniva quindi la "canuscenza": una sera, tutti vestiti a festa, il giovane e i suoi familiari si recavano a casa della ragazza e stavano qualche ora seduti a una parete mentre lei e i suoi familiari stavano seduti alla parete di fronte; mentre i fidanzati si scambiavano sguardi prudenti e furtivi, gli altri chiacchieravano del più e del meno tenendo in mano un bicchierino di rosolio. Questa la regola, la tradizione, ma, come capita in ogni tipo di società, c’era sempre chi contravveniva alle regole e voleva fare di testa sua. lì giovane che decideva di far da sé o che per motivi diversi viveva un amore contrastato, aveva tre possibilità per realizzare il suo sogno d’amore. Tre istituti matrimoniali, illegittimi ma sempre presenti nella secolare tradizione, :"La fuitina","la vasatina" e "la ‘nchiuti na". La Fuitina è la fuga romantica, e non, che ancora si pratica qualche volta nel mondo, ma la vasatina non esiste più, è stata sepolta dall’avanzare del progresso nell’oblio del passato.
 

LA VASATINA

 

C’era un picciuottu Iuongu e sciluccatu

ca nun s’aviva ancora maritatu.

Iera viddanu scazu e puvirieddu

ma nun sapia pistola né cutieddu;

iera viddanu e nun a viva nenti

si ni iva a tra vagliari ndi li genti;

‘un si scantava mai di Iu tra vagliu,

né di la pala né di lu ‘mbraagliu.

Ma ndi lu cori sua c’era ‘na spina:

iera suliddu senza la spusina.

La notti si girava ndi lu liettu

pirchì pinzava sempri ca iera schiettu;

lu iuornu firriava lu paisi

cu l’uocchi apierti e cu li naschi tisi;

e firriava puru di matina

pirchì vulia truva’ ‘na signurina;

e firriava puru a tarda sira

mentri ittava lacrimi e suspira.

E finarmenti vitti ‘na carusa

ca nun si misi a fari la fitusa:

ci scaccià I’uocchi, ci mannà un surrisu,

mentri ca iddu stava tisu tisu.

La vitti, la talià, ristà alluccatu ,

cuomu un citruolu ddà ristà ‘mpalatu.

Ma di ‘stumentri arriva don Gaitanu

ca cumincià a gridari di luntanu:

‘E tu, gran piezzu di cicuriaru,

vulissitu ndi mia fari pagliaru?

Tu, ca si’ figliu di ‘na panittera,

vulissitu addatta’ di ‘ssa pittera?

Si tu pritienni a chissa pi mugliera

mi fazzu quarant’anni di galera.

Scappa, vattinni ascuta, dammi retta,

sinnò ti sparu un cuorpu di scupetta!

Lu poviru picciuottu spavintatu

vutà li spaddi e subitu ha scappatu.

Scappà curriennu cuomu un cuniglieddu,

persi li scarpi e puru lu cappieddu.

Si ‘nchiusi intra e cumincià a pinzari

chi fari pi putirisi spusari.

lddu pinzà, pinzà chiossa’ d’un misi:

pinzà di fari all’usu di paisi!

E pi Natali, all’ura di la missa,

si misi a caminari cuomu un fissa;

si misi a caminari fina all’otta

ca avia a passari dda bedda picciotta;

e quannu finarmenti idda arrivà,

ci afferra un vrazzu e... ‘n frunti la vasà.

Ah, chi successi cu ‘ssa vasatina,

paria ca c’era guerra ‘ssa matina:

La figlia s’ammuccià dintra ‘na porta,

la matri cadi ‘n terra cuomu morta

e subitu currì tutta la genti,

ca cu la fudda ‘un si vidiva nenti;

currì lu preti cu lu sacristanu,

mentri ittava vuci don Gaitanu:

Curriti, genti, a ma figlia vasaru,

l’anuri d’omu a mia mi livarul

I’ ci iè, sparà a ‘ssu piezzu di curnutu,

e l’è ghitta’ d’un fuossu assai funnutul

Ma ci firmà la manu lu parrinu:

"Ascuta a mia, piezzu di cretinu,

ormai lu fattu iè fattu, iè stabilitu

ca cu’ la vasa s’ha v’a fari zitu.

Ormai tò figlia iè già sdisanurata,

la vua lassari sula e scunzulata?

Purtamuli di cursa a maritari,

‘ccussì cu Diu si vanu a curcari!"

 
Nel patrimonio culturale dialettale non manca la stigmatizzazione del matrimonio d’interesse del giovane che per avidità di soldi e di "roba" sposa la donna vecchia o storpia o brutta; oppure della giovane e bella che sempre per interesse sposa un vecchio; oppure del povero che sposa una ragazza "chiacchierata" e che viene tacitato con un "dammuso" e qualche tumulo di terreno
 

lera zitu cu ‘na carusa

assai bedda e pittitusa;

nun aviva doti e dinari,

nun la vosi chiù spusari!

Mi truvaiu n’atra picciotta

rissurata e puru dotta;

nun aviva doti e dinari,

nun la vosi chiù spusari!

E truvaiu ‘na picciuttedda

chiù salata di ‘na sardedda;

mamma mia, quant’era brutta:

puru aviva la nasca rutta!

Mamma mia, quant’era fitusa:

sempri ladia e ‘ngummurusa!

a talialla faciva vilenu

ma ci aviva assa’ tirrenu!

Mi faciva vummicari

ma ci aviva assa’ dinari!

E mi dissi: "Trasi, trasi,

sugnu patruna di vinti casi!"

E pinzannu a li miliuna

mi misi a darici vasuna!

Mila purtaiu ndi ‘na campagna,

fici lu liettu cu quattru ligna.

Aviva la facci di ‘na castagna

e li gammuzzi cuomu ‘na signa!

E pinzannu a li miliuna

Mi misi a darici vasuna!

           

Ti maritasti e ti pigliasti un viecchiu

chiritollalleru chirichitollalla....

Li matarazza su’ di peddi di cunigliu

chiritollalleru chirichitollalla....

Iu tavulinu è tuttu di castagnu

chiritollalleru chirichitollalla....

la cascittina ié chjna di farina

chiritollalleru chirichitollalla.

e li panara su’ chjni di racina

chiritollalleru chirichitollalla....

e lu vinu arriposa intra la vutti

chiritollalleru chirichitollalla...

ma si ti vasa inchj di vavi tutta la casa

chiritollalleru chirichitollalla....

e si t’abbrazza ci tremanu gammi e vrazza

chiritollalleru chirichitollalla....

ti maritasti e ti pigliasti un viecchiu

chiritollalleru chirichitollalla!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Ma, come si è già ricordato nelle pagine precedenti, c’erano invece giovani coraggiosi e intraprendenti che affrontavano qualunque sacrificio, e anche qualche colpo di coltello o di pistola, pur di realizzare il loro sogno d’amore. C’era chi sceglieva la "fuitina" o la "vasatina", ma la "‘nchiutina" era il modo più sicuro e più eccitante per arrivare all’amore e al matrimonio.
 

LI MUTANNI

 

‘Na sira caminava pila via,

iva a ‘ccatta’ un sicarru pi ma nannu,

quannu vicinu propriu a la putia

mi capità pi nenti un gran malannu.

Du’ vecchi, misi a mienzu la vanedda,

gridannu ca parivanu scannati,

facivanu sbutari li vudedda

ca mancu cientu diavuli dannati.

Currivu pi capiri ‘ssi vuciati

e puru pi aiutari, si sirbi va,

ma ddi du’ vecchi sta vanu abbrazzati:

una gridava e l’altra la tiniva.

"Chi fu? Cu’ fu? Chi cosa vi successi?

Ci su’ muorti ammazzati ferimenti,

o fussi pi quarcosa di ‘ntiressi?

Oppuru ‘ngannarii, o tradimenti?"

‘A quali ca a ma figlia cunsumaru!

‘Ssa povira carusa è ruvinata!

Un puorcu, un dilinguenti, un picuraru

a ‘st’ura l’ha vi già sdisanurata!

Tu t’ha ristari, -e mi tiniva forti-

tu Iu vidisti a chissu malandrinu

ca ‘nchiusi e sbarracà tutti li porti

e trascinà a ma figlia ‘n cammarinu.

           

Tu lu vidisti e ci l’ha’ di’ a la genti

chi cosa mi purtà la malasorti.

I’ nun ci potti fari propriu nen ti

e ssu curnutu merita la morti!

Avia nisciutu propriu allura allura

pi fa’ un discursu a ‘sta cummari mia,

quannu 'ssu figllu di mala svintura

passà friscannu a mienzu di la via;

apprufittannu ca iera vutata

‘nfilà la porta di la casa mia

e si ‘nchiuì a ma figlia svinturata.

Aiutu, cà m’acchiana la ‘tasia!

‘Stumentri, tra ‘ssi vuci e chissi affanni,

a lu barcuni s‘affaccià ‘na testa

ca, svintuliannu un paru di mutanni,

gridà ch’era finuta ormai la festa.

Vidiennu ‘ddu barcuni e ‘dda mutanna,

la vecchia si scurdà di lu ma vrazzu;

allura apprufittannu di ‘ssa manna,

mi ni scappaiu di cursa cuomu un razzu.

E sappi, doppu mancu ‘na misata,

ca ‘un c’erano né sciarri e mancu offisi:

iera ‘na ‘nchiuitina priparata

pi farisi lu ‘nguaggiu senza spisi!


 
La grande famiglia patriarcale, tipica delle società contadine, in cui diverse generazioni di figli e nipoti stavano sottoposte all’autorità di un solo membro anziano della famiglia, da noi probabilmente non è mai esistita. E ciò forse perché la piccola e media proprietà contadina cominciò a formarsi molto tardi, soltanto nella seconda metà del secolo scorso quando cominciò, di fatto, il disfacimento del sistema feudale. Fu il mezzadro, sottoposto al gabelloto e sorvegliato dal campiere, che con lo scorrere del tempo e con il variare delle condizioni sociali e politiche, riuscì poco a poco a trasformarsi in agricoltore diretto, proprietario di piccoli e medi appezzamenti di terreno. E il mezzadro era il capo, stimato e rispettato, del suo piccolo nucleo familiare, non di un grande dan, perché la società feudale e semifeudale non poteva consentire l’esistenza nel suo seno di grandi clan familiari possessori di un potere antagonista al potere baronale. lì mezzadro però amava molto la sua famiglia e curava moltissimo i rapporti con i parenti con i vicini e con gli amici. Una prova è evidente ancora oggi: i funerali più seguiti, quelli che hanno un corteo più numeroso e affollato, sono sempre quelli dei coltivatori diretti (i cosiddetti "cuticuna"). lì contadino quindi ama la sua famiglia, ama la sua casa e ci abita volentieri; non esce spesso e quando esce lo fa soltanto per necessità di lavoro o per curare i rapporti con i parenti. Con un po’ di fantasia, si può immaginare così la famiglia di un contadino in un tardo pomeriggio di primavera: il capofamiglia è nella stalla a provvedere alla sistemazione notturna degli animali; la moglie è davanti all’acquaio con piatti e stoviglie e pentole; una ragazza è seduta vicino alla finestra e ricama sognando e sospirando un capo della sua biancheria da sposa; una donna anziana, seduta da un’altra parte, fa dondolare lentamente, per mezzo di una cordicella, una culla appesa a un angolo tra due pareti, e intanto canta con voce bassa e dolce una nenia antica....
 

Quant’é bieddu mà figliu ndi li fasci,

chiù bieddu s’ha v’a fari quannu crisci.

E quannu iè ranni mi lassa li fasci...

a lu mari a lu mari su li pisci.

Lu Bamminieddu quannu all’acqua iva

tutti li carusieddi si purtava

e quartari e bummuledda ci inghiva.

Signiruzzu, calàti, calàti,

ca i’ cantu e vui l’addummisciti.

L‘addummisciti tri voti a lu iuornu

sira e matina e puru a manziucrnu.

Bieddu mà figliu e cu’ l’ha v’a vattiari,

           

San Gisippuzzu lu nomu ci havi a dari.

Lu nomu ca ci misi ci ‘rristà

cà Turidduzzu miu s’ha v’a chiama’!

Scinni suonnu, e vienici ‘ntuornu,

sira e matina e puru a manziuornu.

Quant’è bieddu mà figliu a lu matinu

cu I’uocchi lucenti di un Bamminu.

Ha v’a cogliri ‘n campagna rosi e hiuri

pi purtalli a sò parrina e a Iu Signuri,

cà sò parrina l’ha v’a purta’ pi’ manu

pi fallu addivintari un ben cristianu.

 

 
I ragazzi sono fuori, nella strada, e giocano spensieratamente…
 

Una dui e tri 

Pirricuni si ni i 

si ni i ‘n capu li casi 

a manciari li cirasi 

li cirasi ci ficiru dannu 

Pirricuni si ni iva cacannu 

si ni iva cacannu viola viola 

cuomu l’acqua di li cannola!

 

A li qua ttru cantuneri

ammazzaru a Cavaleri

e cu un piattu di maccarruna

ci inchieru li sacchittuna!

 

Luna lunedda 

lu pani a fedda 

lu vinu a cannatedda 

quattru scocchi di zagaredda!

 

Surciddu, pirchì chianci?

Mi mannà la mà patruna.

Ci vua stari cu mia?

Quantu mi duna?

Un pani, tecchia di pasta

e lignati la notti.

Nonzi, ‘un mi cummeni!

 

 

 

           

Chiovi chiovi gattaredda 

cu li surci si marita 

e si piglia a Margherita 

cu li cazi di sita! 

Tringhi e trin gola 

si’ bella e si’ mola 

e si’ mola maritata 

quantu corna porta la crapa?

(si risponde cercando di indovinare il mumero delle dita altrui che premono sulle proprie spalle)

E si quattru avissitu dittu 

lu tò nomu forra scrittu 

intra un pignatuni strittu 

Tringhi e trin gola 

si’ bella e si’ mola 

e si’ mola maritata 

quantu Corna porta la crapa?

 

Dumani ié duminica 

ci tagllammu la testa a Minica 

Minica nun c e

la tagllammu a lu re 

ma lu re iè malatu 

la tagllammu a lu surdatu 

lu surdatu iè a la guerra 

panza all’aria e schina ‘n terra!

 
Più tardi comincerà a fare buio, rientreranno tutti a casa e seduti attorno al braciere acceso ascolteranno il nonno o la nonna che li ammaestra con proverbi e massime educative, e stuzzica la loro intelligenza con "li Miniminagli".
 

Lu viscuottu va a cu’non havi hanghi

Iri a tavula e nun manciari iri a liettu e nun durmiri, aspittari e nun viniri su tri cosi di muriri.

Tiempu e maluttiempu nun dura tuttu tiempu.

Ogni tinta petra serbi a la mura glia.

Pi canusciri ‘n amicu prima ci ha’ manciari ‘nsiemia ‘na sarma di sali.

Inchi la panza e ghinghila di spini, terra vacanti nun paga patruni, si sta’ spranza di la carità di li parrini ti va’ a curchi sicuru all’addiuni.

Cosa ca ‘un ti apparteni nun spiari quannu veni.

Diu ni scanza di l’uomini sbarbati e di li fimmini varbuti.

Spina ca nun ti pungi modda cuomu la sita.

Lu riccu ié riccu pi diri: abbon’é, lu poviru iè poviru pi diri: nenti ié.

Falla cuomu vua, sempri iè cucuzza.

Quannu nasci un figllu abbufulutu ammazzalu e vattinni carzaratu.

Cu’ hiavi un malu vicinu hiavi un malu matinu.

Uocchi ca atu fattu chianciri chianciti, cà si nun chianciti, lacrimi ittati. Chi giuva essiri bedda, si’ mugileri d’un picuraru:

‘na sira intra lu liettu, cientu siri intra un pagliaru.

Cu’ hiavi lu poviru pi parenti si cunzuma e nun fa nenti.

Quannu la forza cu la ragiuni cuntrasta la forza vinci e la ragiuni nun basta.

Quannu li poviri s’ammazzanu li ricchi s ‘abbrazzanu.

Campana ca nun senti a prima vuci vo’ diri ca lu discursu nun ci piaci.

Cu’ scecchi caccia e fimmini cridi lustru di padarisu nun ni vidi. 

Lu mariuolu si canusci all’uocchiu e lu malatu pari a lu stinnicchiu.

Anzi un dia vulu cent’unzi ca un minchiuni cientu grana.

Cu lu drittu nun ci fari attu cu Iu stuortu nun aviri cuntattu.

Cu’sta spranza d’atru e la pignata minti va pi arriminari e ‘un trova nenti.

Mantieniti pulitu e nun fari sprazzi cà tinta iè la petra ca nun piglia lippu.

Penza la cosa mentri la fa’ cà mentri iè pinzata iè meglia chiossa’.

Casa quantu sta , vinu quantu vivi, terra quantu ni vidi.

Lu liebbru ci dissi a lu cunigliu nuddu arricchisci cu lu sò tra vagllu.