Sezione: STORIA/ARTE/CULTURA/TRADIZIONI
 
                         Foto - Rosario Riggio

Versi di Calogero Riggio

 

TITOLO

 

Lu marel

==========================================================

Foto laterale

  Li corna di lu baruni sul Monte Veronica

 

 

VECCHIO ADAGIO POPOLARE

 

Li corna di lu baruni

Baruni!

 Ogni riisanu li corna ti purmisi.

A la muntagna, ppi chissu, furu misi.

 

 

 

 

Raccolta a cura di Rosario Riggio

 
 
CALOGERO RIGGIO
Nato a Caltanissetta il 16 ottobre del 19941
Titolo di studio: Terzo Avviamento Agrario
Madre casalinga e Padre zolfataio
Sposato dal 1965 a Riesi con Francesca Sinatra
Famiglia di cinque figli, tutti sposati, e 5 nipoti.

Calogero è cresciuto in Via Ruggero Settimo, quartiere Petra cchiatta, e oggi rivive i momenti del passato dilettandosi a scrivere versi.

Poco dopo sposato, nel 1967 si trasferisce da Riesi a Gela dove ha lavorato, come guardia giurata, presso la Società ENI (ANIC) per 35 anni. Ritornato ad abitare a Riesi nel 1982, si è nuovamente trasferito nel 1989 a San Donato Milanese (MI) dove ha terminato la carriera lavorativa, sempre per l’ENI. Dal 2001 è in pensione.

Da pensionato, scrive poesie per diletto: poesie del ricordo di una Sicilia e di una Riesi idealizzata e famigliare; poesie a sfondo religioso, tipiche della devozione popolare; poesie sulla vita quotidiana i vizi e le virtù che ci accompagnano.

La sua è una poesia naif. Le fonti di ispirazione sono i ricordi e i racconti del padre e della madre, la storia paesana, la devozione verso i santi.
I racconti del padre, Rosario Riggio (1906 - 1974) attorno la conca (braciere) dove ci si riscaldava e nel mentre si raccontavano li cunta (racconti) e si parlava della vita quotidiana, del rapporto padri figli e di come era dura la vita del passato: un percorso generazionale che si ripete in forme diverse ma con la stessa sostanza.
Il padre di Calogero, come tanti in quel tempo ormai remoto, inizia a lavorare a otto anni in miniera ccu lu stirraturi ‘n capu li spaddri e a undici anni era diventato capu partita. Un lavoro duro e malpagato, che consentiva a malapena d’accattarisi u’ chilu di pani: la storia di uno dei tanti Carusi delle miniere di zolfo siciliane.
Calogero ricorda, nei suoi versi, due cose del padre: un detto, che amava ripetere ai figli: lu pani jè biancu quannu si mangia, ma niuru quannu si suda e s’affanna; un gesto, che compiva ogni qualvolta andava a lavorare: girandosi verso la porta di casa, con gli occhi lucidi, alzava la mano salutando i figli. Il saluto, prima di svoltare l’angolo, tra lu curtigliu e via Ruggero Settimo, era un gesto di addio quotidiano che i minatori avevano ben radicato nel vivere il lavoro di la pirrera.
Calogero, da piccolo, non capiva il significato di quelle parole e di quel gesto angoscioso del padre: la fatica del lavoro del minatore e il rischio di non tornare a casa. Il senso di quel detto e di quel gesto era l’amore per la famiglia.
I versi dedicati a la pirrera e a li surfarara provengono dai racconti e dai gesti del padre, impressi nella mente e nel cuore di Calogero.
I racconti della madre, Crocifissa Sanfilippo (1913 - 1989) la zi’ Fissina, casalinga per tutta la sua vita, come era consuetudine in quel tempo.
Calogero ricorda alcuni particolari della madre: quando mio padre era in miniera, lei non usciva mai di casa; la ricordo sempre vestita di nero, perché ogni parente che moriva, il minimo era un anno di lutto, anche per un cugino, quindi il lutto non finiva mai; raro quando andava ad una festa o a un matrimonio; ma quella volta che gli capitava di partecipare a qualche festa si sapeva divertire, aveva la rima facile e ad ogni partecipante alla festa faceva un brindisi con parole ben rimate.

Tra i racconti della madre, Calogero ricorda due fatti di cronaca successi a Riesi:
il ragazzino violentato alla miniera, mai dimenticato tanto da farne una delle poesie: Tutuzzu; i fatti della la mitragliatrice visti da vicino: mi raccontava, mia madre, che all’epoca aveva sei anni che sua madre la mandò a comprare cento grammi di sarde salate a la putiia, arrivata tra la via San Francesco di Paola e via Roma, sentì gli spari della mitragliatrice, le grida e vide la gente che fuggiva. Corse a casa spaventata e in lacrime. I versi su Riesi e la mitragliatrice nascono dal quel ricordo.

Mia madre, spesso recitava poesie sul nostro paese. Una delle tante è questa:


Ottuviru, vintiquattru di lu misi
ca Bartuli fini di caminari.

Li latri a la passata furu misi
Unu direttamenti ppi ghillu
ad ammazzari.

Quannu si vitti li baddri di ‘nguddru
sulu tannu cci prisinta li so dinari.

Li banditi, ci rispusiru:
Nu’ vulimmu nè dinari nè cammisi
ca li baddri ppi tia furu purmisi
ora ca simmu di sti chiana chiana
la pruvuli a vo tagliari a ccu mori prima.

La zi’ Fissina amava rispondere in rima quando se ne presentava l’occasione o per fare la morale: un tipico modo di proporsi del tempo che ancora alberga nei comportamenti dei siciliani.

  

 

 PRIMA PARTE


1 - LA PARTENZA DI L'EMIGRATI

2 - UN RAGAZZINO RANNICCHIATO IN UNA PANCHINA

3- L'ANZIANU

4 - LU TISORU CIRCUNDATU DI LU MAREL

5 - LA MUTAGNA DI SANTA VERONICA RIESI

6 RIESI E LA MITRAGLIATRICI

7 - RIESI

8 - LA STAZIONE FERROVIARIA DI RIESI

9 - LA CITTÀ DI RIESI

10 - ISTITITUTO DON SALVATORE RIGGIO RIESI

11 - RIESI, SANTA BARBARA E LA PIRRERA

12 - RIESI MIO CHE STAI SULLA COLLINA

13 - LU SURFARARU MIRACULATU

14 - LA BARUNISSA DI CARINI

15 - MADONNA DELLA CATENA PATRONA DI RIESI

 

 

1 - LA PARTENZA DI L'EMIGRATI

A la partenza di l'Emigrati, resta
l'affettu spizzatu di li Famigli,
Parinti ,Amici e Cunuscenti.
...

Cu li lacrimi a l’ucchi, stinninu
li vrazza abbrazzannusi stritti,
e poi ci si lassa.

La furia di l'aerei, treni e navi;
li fa svaniri cumu gabbiani, ca
volanu versu dunna a vo spuntari
lu so suli.

Sbricciulannu la nostra unioni,
lu nustru affettu e la nostra società.

Si l' Emigrati scappanu e lassanu
la so famiglia e la so amata terra,
nu lu fanu ppi mali, ma lu fanu
ppi bisugnu e ppi fami.

Appena arrivanu nni la terra
scunusciuta si trovanu spaisati
disurientati, cu l’ucchi luciti e
spavintati.

Ppi furtuna trovanu sempri
qualcunu ca cci duna ‘na manu,
cu paroli di cunvurtu, facinnucci
capiri ca n’n sunu suli.

Si canuscinu, s'aiutanu, si cunfortanu
dannusi la forza di reagiri e ghjri avanti.


2 - UN RAGAZZINO RANNICCHIATO SU UNA PANCHINA

Una mattina d'inverno
con freddo, gelo e brina,
vedo un ragazzino,
rannicchiato in una panchina.
Intirizzito dal freddo,
mi fece cenno con la mano,
come se mi dicesse:
vienimi vicino.
Mi avvicinai, lo accarezzai.
Avevo capito che non aveva
la forza di parlare.
Con gli occhi tristi, mi guardò.
Pareva che mi dicesse:
aiutami non mi abbandonare.
Lo presi per la mano e piano
piano a casa mia lo portai.
Lo ristorai.
Per qualche giorno lo ospitai.
A chi di competenza lo affidai.
Dopo tanto tempo, alla
porta sentii bussare.
Un bel giovane elegante
davanti a me mi trovai.
Mi abbracciò e mi disse: sono
un giovane felice e fortunato,
ma ricordo che grazie
a te mi sono salvato.


3 - L'ANZIANU

L'anzianu havi davanti,
tantu passatu
ma picca futuru.
jè lintu di musculatura;
ma riccu di saggezza,
esperienza e cultura.
Nu’ pensa ca la morti,
s'avvicina;
ma pensa ca jè utili
ancora: a putiri trasmettiri,
tuttu chiddru c’avia succissu,
ni ‘stu munnu.
Sapinnu ca la basi
di lu futuru.
jè la storia passata.


4 - LU TISORU CIRCUNDATU DI LU MAREL

Lu tisoru, circundatu di lu mari,
jè la ma terra! la Sicilia!
Ppi putiricci arrivari:.
navi, traghetti, aerii
a usari.
E nni lu futuru, ccu lu trenu e la
machina cci putissimu arrivari.
Si ‘sta terra, vai a visitari
sicuramenti ti fa ‘ncantari,
ti fa viniri la voglia di ristari,
ppi lu profumu, di l'acqua
di lu mari, di l'arbuli di aranci,
e limuni.
Di li festi tradizionali:
Natali, Pasqua, e di la Festa
di lu maturlu ‘n schiuri,
La Sicilia jè terra di tisori,
specialmenti: di lu sutta suolu.
Meravigli e ricchizzi
a la luci di lu suli.
Pirsunaggi, passati a la storia.
Pueti, musicisti, rignanti.
Arte, cultura, musei.
Da nu’ diminticari lu
meravigliusu fenominu naturali:
lu vulcanu.
Ca ccu lu sò gettu forti
di lava incantescenti
ti fa stupiri, sembranu
fuochi artificiali!
La Sicilia jè la terra di lu suli.
Nu’ nn’é sulu mafia
ma lu tisoru circundatu di lu mari.


5 - LA MUTAGNA DI SANTA VERONICA
-Riesi

La muntagna di Santa Veronica,
jè lu specchiu di lu paisi.
China, di vigneti, ficudinnii,
d'arbuli di minnuli, ulivi;
è siminata di fumintu e favi
ca quannu la vidi pari n'artari.
Un timpu fu abitata di li trojani.
N'omu chiamatu Antenore;
riccu, ccu tanta cultura e tantu talentu;
ccu la crita di la muntagna;
un'industria crijani.
Tanti pirsuni fici travagliari:
facinnu vasi dicurati di valuri;
giarri, piatta, lumeri, fiaschi,
bummula e quartari.
Di tutti li costi di lu mediterraniu
li fici arrivari.
Prima di muriri, la tomba di crita si fici fari.
Sutta la terra di la muntagna si fici sippilliri;
ccu tutti li so’ maregni doru e lu so tesoru.
Ca fina a oj li tombaroli nunn’ariniscinu a truvari.


6 - RIESI E LA MITRAGLIATRICI

A tutti i lavoratori caduti per le lotte
dei diritti del lavoratore.

La Duminica dill’uttu di nuvimmiru dill'annu 1919
Tutta L'Italia jera in campagna eletturali;
ppi lu cuvernu ca s’avia a fari.
Lu P.P.I. si presinta ccu tanti pruposti.
Una di li tanti fu la Riforma Agraria e Tributaria
(Cunsistiva di livari la terra a li prupietari:
improduttivi e sfruttatari e dalla a li contadini,
Ca la sapivanu cultivari.)
Di sta proposta nasci la scintilla.
Li Rijsani ccu la collabburazioni di li Mazzarinisi
partiru ppi lu figudu di Palladiu, ppi illu a occupari
Unu di chisti, a vuci ata si misi ha gridari,
ccu sti prupietari nu’ si po’ cchiù campari,
la gabella nu’ la ma cchiù pagari.
la terra jè ppi ccu la cultiva e ppi lu cultivaturi;
no di li prupietari, ca n’hannu sfruttatu.
Tutti d'accordu, a vuci ata si misiru a gridari: si....
Amuninni a lu paisi, cci jammu ad'armari
e facimmu na rivoluzioni.
Mentri li cundadini, a lu paisi stavanu pp'arrivari;
li surdati, a l'angulu di la chisi di la matrici,
la mitragliatrici, jru a piazzari.
Li cuntadini, tutti a la chiazza si jru a truvari:
battinnu li manu e a vuci ata si misiru ha gridari:
abbassu li prupietari improduttivi è sfruttatari.
La massa, si cumincia a’ acitari, facinnu:
ricungula e a murmuri ari, picchì du mumentu a l'atru
lu signali pp'attaccari s’avianu a dari.
Lu vili tenenti, di li surdati, s'insuspittini e detti
subbitu l'ordini di sparari.
In pochi secunni, successi lu mispattu.
Sangu interra ca biulava, uttu murti e tanti firiti.
Li surdati, scapparu ppi la via, pinzannu c'avianu
fattu na pazzia.
A lu tenenti, lu insiguiru, e a lu puziddru lu jru a pigliari
Di vili e assassinu si fici ammazzari
L'indumani, in tutta l'Italia li giornalista pubblicare:
A RIESI È SCOPPIATA LA RIVOLUZIONI DEI CONTADINI.
Duranti la notti arrivanu surdati di Palermu, vidinnu tuttu
ddru massacru, c'èra genti ca ciangiva e cu trimava.
U’ surdatu s'avvicina a unu di chidri ca stava trimannu
dicinnucci: nunn’aviri paura, simmu cca ppi darivi aiutu.
Lu cundadinu, cu un pruverbiu cci arrispusi:
cu sa scadatu ccu l'acqua calla temi l'acqua fridda.


7 - RIESI

Riesi, terra scurdata e mai cultivata.
Di li Saracini e poi di L'arabi fusti
abbitata e cultivata.
Dopu timpu, di nuvu abbannunata.
Ni l'annu 1647 fusti ripinzata.
Fusti edificata e pupulata.
Agricultura, pirreri di surfaru e di issu
furu avviati.
Genti di tutti parti arrivati.
Lu figu di Riesi, na città jera divintata,
ricca di cultura e capitali.
Fu ‘na città difficili a guvirnari:
ribbillioni, lotti, scioperi, ppi cunquistari
li diritti umani; pirchi la genti viniva
trattata cumu l'animali.
Ma ccu lu timpu li cosi si cumnciaru
a giustari. Lu figu di Riesi na città
ranni divintani.
Ma nni l’ultimi cinquantanni si cumincia
a svutari.
Li giovani tutti a lu nord si nn’appiru
acchianari: curpa di lu travagliu
ca cuminciò a mancari


8 - LA STAZIONE FERROVIARIA DI RIESI

Nill’annu 1906, fu prugittata,
lu troncu di la ferruvia, Canicatti,
Riesi, San Michele di Canzaria.
Nill'annu 1911, fu cuminciata.
Nill'annu 1914, fu cumplitata,
ma mai avviata.
Lu scopu di la ferruvia, jera ppi lu
traspurtu di lu surfaru, di la pirrera
e ppi li surfarara pentolari ca duvianu
jri a travgliari.
Sfurtunatamenti, nill'annui 1915-1918
scuppia la guerra muntiali.
Li binari sappiru a scippari;
all'intustria bellica sappiru a dari.
ppi l'armamenti militari.
Dopu la guerra li travaglia furu di nuovu
ripigliat, ma ccu rittimi rallintati.
Nill'anni 1929-1933, cci fu la crisi muntiali.
lu surfaru persi lu so valuri, ppi causa
di la concorrenza americana.
La sfurtunata ferruvia e la stazioni di Riesi,
fu abbannunata. Mai avviata e inaugurata.
 


9 - LA CITTÀ DI RIESI

Di na cullina fusti custruita.
Ricca d'industrii e di agricultura
fusti ‘na vota.
Strati stirrati e chini di lardichi
furu aggiustati.
A la linia dunna lu trenu cci avia a passari
si cci fici la villa cumunali.
Unna lu stirru di lu paiisi si jva a biari:
la statua di patri Piu si cci pusani.
Lu paisi di Riesi ‘na bella città divintani.
Ora sta a nuatri cumu putilla curari.
Tinilla pulita jè la prima cosa di fari.
Lu vantalismu lu duvimmu evitari.
Si la città di Riesi nna ma gudiri:
rispittammu chiddru ca si fici jiri;
pirchì oj jè timpu di crisi: e tuttu
chiddru ca si distrudi nu’ c’èla
possibbilità di rifari.


10 - ISTITITUTO DON SALVATORE RIGGIO RIESI

Li duj di frivaru dill'annu 1926
Li carusi di Riesi jappiru fattu un'omaggio
Di Don SALVATORE RIGGIO
Omu di vasta cultura, bravu pridicaturi.
Attirava la genti ppi cumu pridicava,
la Santa Missa, ccu li so paroli pirsuasivi.
Propietariu di terri e di casi.
desi a l’opera di beni tuttu chiddru ca pussidiva.
Creani, un'0rfanotrofiu ppi accogliri
l'urfaneddri di lu paisi.
Ppi tuttu ciò: dunà lu palazzu dunna stava,
ccu tanti casi.
Uttu monachi e ‘na madre supiriora;
ppi educari li carusi fici arrivari.
Rimasi cuntentu e filici.
Lu quattru d'aprili dill'annu 1932,
a l'età di 86 anni vinni a mancari.
Tuttu stu beni fu rivoluzionatu e mudificatu.
Oggi c'è lasilo ppi tutti li carusi.
Corsi di ricamu e musica di pianu,
ppi tutti li picciutteddri cumu li rosi.
Cu voli cusiri, cu voli arraccamari
eccu lu piano forti voli sunari.
Nill'istitutu di Don Salvatore Riggio,
si po’ ghjri a ‘mparari.


11 - RIESI, SANTA BARBARA E LA PIRRERA

Oh Santa Barbara.
Simmu li surfarara di
Riesi, Summatinu e
Ravanusa.
... Ca ti parrammu ni’
l'annu 1950
‘na cappella nti lu
villaggiu di la pirrera,
Trabia-Tallarita ti
didicammu.
Ppi essiri prutetti,
quannu jntra la pirrera
travagliammu.
Angora simmu in vita
e ti ringraziammu,
di li nustri cumpagni
ca su’ mparadidisu cu tia:
li famigli e nuatri cumpagni
ni lu pinsiri sempri l'avimmu.
Ti ricurdammu di pruteggiri
tutti li minatura di ‘stu munnu,
ogni attimu e ogni secunnu,
finu ca ncasa ad abbrazzari la famiglia si nni vannu.


12 - RIESI MIO CHE STAI SULLA COLLINA

Non mi nascondo,
che canto sempre
la canzone che sarà
perché somiglia tanto
... al mio Paese.
Paese mio che stai
sulla collina, disteso
come un vecchio
abbandonato.
Dico abbandonato,
perché io e come tanti,
per bisogno ti abbiamo
lasciato.
Che sarà della nostra,
vita chi lo sa.
Si nessuno di noi lo sa,
se ritornerà,chi lo sa,


13 - LU SURFARARU MIRACULATU

‘Na sira d'invirnu, saluto la famiglia,
nisciu di casa, ppi ghiri a la pirrera,
a travagliari,

... Mentri ppi la via m'avviaju, si misi
a chioviri forti, cu lampa e grannuli,
vintu, acqua e trona..
Arrivaju di la scinnuta di la Taddrarita
la citalena s'astutani, ccu lu lustru di li
lampa cuntinuaju a caminari,

Lu vintu jera assai forti, ca mi trattiniva,
pari ca mi diciva, giratinni nu’ ci jri
a travagliari sta sira.

Ma lu bisugnu di jri a travagliari forti
jera, cu forza m'avviaju, versu la pirrera.
Arrivu a Tallarita, mi mittu ni la gabbia e
sutta terra mi nni calaju, arrivu a lu livellu
e nisciju, mi livu li robi vagnati e li stinniu.
Nudu cumu mi fici matri natura ristaju.

Mi pigliu la citalena, ppi farimi lustru
e ppi la galliria m'avviaju, cadi ‘na frana
e sutta sippillitu vivu ci ristaju.
Furtunatamenti un sutta vuotu si furmani.
Mi misi a gridari ajutu vinitivmi aiutari,
ccu ‘na petra battia, ma capiu ca nuddru mi sintiva.

Persi li spiranzi e dissi murtu sugmu.
Pinzaiu a la famiglia e mi vinni la forza
e lu curaggiu, nu m'arrinniu, ccu la pretra
di cuntinu battiva e ajutu gridava, fina ca
stancava e m'addrummisciva.
Persi l’orientamentu nu’ sapiva lu jurnu e l’ura.

Ogni tantu ‘na goccia d'acqua nni la facci
mi stiziava aprija la vucca e mi dissitava.
Ma cu ddrà petra sempri battia e ogni tantu aiutu
gridava, mentri ccu lu dormi-veglia mi truvava
na vuci luntanu sintia, mi misi a battiri cu la petra,
gridannu aiutu, sugnu vivu vinitimi a pigliari.

Si apri un bucu e du’ vrazza mi vitti avvicinari,
mi piglia mi tira fora e mi porta nchianu,
mi dittiru succorsu e mi rianimaru,
dopu un po' di timpu
a la luci di lu suli mi purtaru, abbrazzu la famiglia,
ccu tanta gioa e ccu tantu amuri,
ringraziannu la Madonna, Santa Barbara e lu Signuri


14 - LA BARUNISSA DI CARINI

Laura, a l'età di 14 anni
jeratu ancora carusa.

... A lu Baruni di Carini
fusti purmisa.
.
La to famiglia troppu
carusa, Ti maritani.
Senza capiri cchi jera
l'amuri e cu cci putia
essiri nni lu to cori.

To maritu, Baruni,
Luduvicu Carini,
havia troppo impegni
di travagliu e ti trascurava.

Lu timpu manu manu ca
passava, ppi Ludovicu
La stanza lu to cori si apriva.

Mentri ‘na sira cu Luduvico
ti amoreggiavi, to Patri
vi trova in fraganza, a tutti
Dui v'ammazzani.


15 - LA MADONNA DI LA CATINA

Dedico questa poesia alla
commemorazione fatta a Torino
sabato 9 luglio 2011

Oh Madonna Di la Catina!
Ca cumbatti l'odiu di tutta
l'umanità.
Si sempri vigili e prisenti
‘Na notti di friddu e timpurali.
Tri guardij e tri prigiuniri
chjni di friddu e tutti vagnati;
nni la to’ Chiesetta di campagna,
si vinniru a riparari.
Li guardij li facisti addurmintari.
Li prigiuniri nnucènti, sutta li
to’ piedi si misiru a prigari.
Oh Madunnuza, tu sa’ ca simmu
‘nnucenti e la liggi nni voli ‘mpiccari”.
La Madonna scinnì di l'artari,
cci leva li catini e li fici scappari.
L'indumani matina li guardij,
si svigliaru e li prigiuniri nu li
truavaru,
vittiru la Madonna ccu li catini
nni li so manu.
Li guardij, tutti spavintati si misiru
a gridari: Ah, miraculu! Ah, miraculu!
La nutizia si sparsi in tutta la Sicilia.
Oh Madonna di la Catina, ca ppi Riesi
fusti una di li primi a fariti Patruna.
La To’ Immagini e di Gesù bamminu;
fu sculpita di n'autori scunusciutu.
Fatta di ‘na bellezza splendida e incantata.
Di li Riesini nu sarai mai scurdata
ti fistiggiammu tutti l'anni. Pelligrini
ti vininu a truvari ppi grazia ricivuta
o disidirata.
Si ricurdata di l'emigrati ca ti festeggianu
unna lu distinu l’ha purtati.



SEGUIRANNO ALTRE PARTI DI 15 POESIE