Forum di discussione 

Torna alla Homepage

I "CERVELLONI" DI RIESI

Autore: ruggero

Come potrà mai svegliarsi il nostro paese da un certo oscurantismo quando la sua classe dirigente vegeta? Non mi riferisco ai politicanti. Non me lo sogno nemmeno. Quelli non conoscono nemmeno le proprie tasche. Figuriamoci se sono in grado di avere una certa lungimiranza nella comprensione di certe problematiche. Il mio pensiero va ad altri. Chiamo in gioco i professionisti. Dove sono? Perchè latitano? Che fine hanno fatto? Dopo avere goduto di un qualche favoritismo perchè non si rendono in un qualche modo utili? Perchè preferiscono nascondersi come i topi di fogna? "CERVELLONI", USCITE ALLO SCOPERTO!!!!! E' Ruggero Settimo che vi parla. Prendiamo le redini del nostro paese. Non lasciamole agli incapaci. Avere dei consensi clientelari non fa di loro i protagonisti della vita pubblica. Siete voi con la vostra cultura che lo siete. Siete voi e solo voi che potere far rinascere Riesi come la Fenice dalle ceneri


Autore: Mario

Bravo Ruggero anch'io la penso come te, presto, quando avro del tempo libero, ti risponderò e dirò la mia opinione in riguardo a questa tematica.


Autore: Hanghenghe

Questa è una bella provocazione-proposta. La classe dirigente, o meglio quella borghesia che dovrebbe fare da traino dove sta, cosa fa, di cosa discute. Invece di pavoneggiarsi a sfoggiare i propri averi, la propria appartenenza sociale, perchè non si mette in gioco attraverso una discussione ed elaborazione di un progetto per Riesi. Un progetto per idee guida che coinvolga la popolazione e spinga questa classe politica, molto spesso inetta, a lavorare per lo sviluppo di Riesi. Qualcosa del genere alcuni del sito hanno provato a farla e la difficoltà a portarla avanti non è poca, perchè e difficile coinvolgere nuove persone.


Autore: Stefano

A dire il vero, mi sorge un dubbio! C'è mai stata una certa borghesia, se così la bobbiamo chiamare, a Riesi? Dice bene l'amico Ruggero, quando scrive che siamo noi i protagonisti della vita pubblica e non coloro che si alteggiano per qualche consenso elettorale. Però caro amico è pure vero che siamo stati "noi" a votare e a dare la possibilità a questi pseudo politici di decidere le sorti del nostro paese e, su questa cosa, si deve riflettere molto!!!


Autore: ruggero risponde

Vedo che qualcuno ha colto la mia provocazione. A proposito (sottolineo che è un'ennesima provocazione), ma a Riesi esistono dei "provocatori"? Ovviamente nel senso buono del termine. Ci sono delle menti pensanti che hanno il coraggio delle proprie azioni? Io non ne conosco. Se per favore ne conoscete uno me lo indicate? Hanghenghe non deve arrendersi. Deve cercare aggregazioni. E non solo nel mondo virtuale. Non deve pensare di risolvere le problematiche di Riesi, solo scrivendo il proprio pensiero in un sito e coperto dall'anonimato di un nick. Che abbia il coraggio di quello che dice nella realtà e agisca come meglio ritiene. Sono convinto che troverà qualcuno pronto ad associarsi a lui. A Stefano voglio dire che una certa classe politica può essere attaccata sul piano culturale. Non importa se quest'ultima ha avuto il consenso elettorale. Questo non significa che non può essere messa alle strette. Non sono mica stati eletti dei "Padri Eterni"? Che si abbia, però, il coraggio di denunciare pubblicamente con volantini ed opuscoli vari le malefatte. Troppo comodo sparare sentenze. Forse anch'io ho fatto lo stesso sbaglio che sto facendo notare all'amico Stefano. Ma voglio ricordargli che non è col solo "mea culpa" che si risolvono le questioni.


Autore: Hanghenghe

Caro Rugero, non c'è nulla di anonimo nel mio nik perchè mi sono presentato sempre con tutti, in ogni caso mi chiamo Rosario Riggio. Per quanto riguarda l'associarsi ad altri, per qualche obbiettivo, questo è sempre stato tra i miei peniseri e infatti sono uno dei fautori dell'ASSOCIZIONE ARE, dove si è deciso di fare un punto di forza per gli "interessi" degli emigranti. Ma non ci siamo occupati solo di emigranti e infatti il programma prevede molte cose ed è aperto a nuove idee e iniziative. A tal proposito ti INVITO ad iscriverti e a partecipare a questa neonata associazione... che deve trovare il fulcro a Riesi. La tua provocazione trova in me un forte appoggio... nella speranza che qualcuno la colga e che non consideri tale richiesta la possibilità di poter insultare.. che è cosa diverva.


Autore: ARISTOTELE

In parte mi trovi daccordissimo con la tua provocazione, ma in parte non sono daccordo.La politica è fatta di uomini almeno che abbiano una certa cultura, sia politica che amministrativa, infatti oggigiorno i partiti che si rispettano, nelle loro file, hanno Professori, Dottori, Avvocati,Imprenditori,Artigiani, Commercianti, Laureandi, Ingegneri,Architetti,Geometri, Maestrine, ecc.ecc. come vedi puoi spazzare come vuoi. Adesso la provocazione te la faccio io, ma se sicuro che i professionisti, che si celano o nascondono e che non hanno il coraggio di scendere in campo sono Colti? io penso che chi ha delle capacità e non li mette al servizio della collettività, in fondo in fondo non è persona intelligente per come dovrebbe essere. Poi ricordati che ci sono professionisti a Riesi che stanno dietro le quinte, cioe' quelle persone, che hanno un certo peso, che mandano allo sbaraglio i figli o parenti, perchè il loro progetto diabolico è, quello di ottenere qualche incarico professionale, e tutto questo se sei sceso in prima persona a Riesi li paghi. Devi anche capire, che tutto cio'ì che ci circonda, deve essere appianato con le esigenze. Ti faccio un esempio, al nord, un professionista che si presta alla vita politica, la puo' fare in maniera soft e senza tanti grilli per la testa, perchè in genere si scinde l'attività politica con quella professionale, cosa invece al contrario, al sud, e special modo a Riesi, dove i professionisti sperano di percepire qualche lavoro o incarico da parte di qualche amministrazione comunale, ecco la differenza sostanziale. Condivido con te, che in questo momento persone non all'altezza della situazione, ricordati che sono sempre opinioni personali,voglio dire che negli ultimi anni circa 10 anni, a Riesi la classe dirigente, è stata sempre scadente, forse perchè i predecessori non hanno avuto il tempo di formarla, anche perchè erano persone che ci sapevano fare, e che a sua volta, non volevano mollare il potere.Rispondo anche a te che questo è unaproblematica assai complessa e che ci vorrebbe piu' tempo per spiegare, e molte piu' righe da scrivere per dire l'ampiezza del discorso. Per intanto questo è il mio modo di vedere poi magari avremo piu' tempo di approfondire, ti saluto Ciao Aristotele


Autore: Ruggero risponde

Le cose che mi si replicano credo che siano scontatissime. Non s'è, però, certo scoperta l'acqua calda nel sostenere che certi "pacchetti-voto" sono merce di scambio per ottenere incarichi a destra e a manca. Mi si consenta, comunque, di far notare un pò di illusione, quando si crede che nel Nord le cose stiano diversamente da noi. Forse li il tessuto economico permette alla gente semplice di essere libera da ogni sorta di sottomissione. Probabilmente tutto ciò induce a sbattersene o a divenire meno attenti, rispetto a noi, su alcune cose Ma ne passa dal dire che anche li non ci siano affarismi e chi ha la possibilità di gestire un qualche potere non costituisce comitati d'affari di vario genere. Voglio ricordare che lo scandalo di Tangentopoli scoppiò a Milano (chissà perchè!!!) e vide coinvolto il gotha della classe dirigente italiana (non solo siciliana e riesina). Forse qualcuno si dimentica facilmente quella scenetta che trasmime anni fa la Tv, quando la folla accolse Craxi con lanci di monetine. E gli omicidi? I suicidi! Raul Gardini, che certo non era di Riesi o siciliano, come morì? Mah! Spesso si commette l'errore di ritenere alcune problematiche peculiari alla nostra terra. Non è così!! Se si avesse un pò più di coraggio nel sostenere pubblicamente la propria opinione forse qualche piccolo gruppo riuscirebbe a costituirsi. Ma forse la cosa non interessa più di tanto e si preferisce l'autocomiserazione. Il solito modo di reagire dei meridionali. Il solito vittimismo. Basta,per favore. Che si abbia il coraggio di essere concreti e VISIBILI. A presto Ruggero


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, vorrei capire il tuo modo di fare provocazione e soprattutto quale idea hai in mente per costutuire quello che proponi. Per i comitati d'affari esistono ovunque con una differenza, a mio avviso: al nord si dividono la carne tra imprenditori....; al sud lasciano le ossa da fare spolpare ai mafiosi e al codazzo che orbita intorno. Per non parlare sempre male di Riesi, occorre dire che un po' di risveglio economico c'è, delle attività di un certo rilievo si sono fatte, la volontà di fare impresa è presente; manca un volano pubblico di servizzi e assistenza che tarda a venire e che con questi UOMINI politici che ci sono sarà dura. Forse la provocazione può essere indirizzata in questo senso, all'impegno, da parte della classe politica riesina, ad occuparsi di SVILUPPO ECONOMICO per RIESI. A dire il vero la provocazione è stata lanciata durante la lunga campagna elettorale, ma nessuno la voluta cogliere... anzi quesi nessuno.


Autore: ARISTOTELE

Pensavo che la tua modesta provocazione, andasse a parare in una certa situazione, ma invece scopro che mi sono sbagliato, vedi l'opocrisia, non atà a casa mia, mi dispiace non ti vengo dietro, ma una cosa te la dico, se cerchi la nuova classe dirigente, gli intellettuali, o i professionisti, per far si che Riesi abbia la sua classe dirigente, ad alto livello, e visto la tua doppiezza nei ragionamenti, NON TI RESTA CHE SCENDERE IN CAMPO TU PERSONALMENTE, altrimenti parlarne non si risolve niente, visto e considerato che puri li muschi ti dunanu mpacciu, apriti, scendi e vediamo le tue capacità, cosi'parliamo di meno, ma in sostanza facciamo i fatti. ciao Aristotele


Autore: ruggero risponde

E' proprio vero che la malizia non sta in chi la compie, ma negli occhi di chi osserva e vuole vedere ciò che non esiste. Questo mi fa spontaneamente interrogare su un punto: come mai Aristotele in un primo momento si complimenta per la mia provocazione (anche se dice in parte di approvare e in parte no) e successivamente conclude dandomi dell'ipocrita o, addirittura, definisce i miei ragionamenti ambigui e doppi? Vorrei innanzitutto ricordargli, dato che ha la "presunzione" di utilizzare come nick il nome di una persona importante, di conoscere bene i propositi e i ragionamenti del grande intellettuale macedone. Forse scoprirebbe che per le sue affrettate conclusioni il nick Aristotele non gli si addice affatto. Aristotele era il teorico della "dottrina del giusto mezzo", attraverso la quale indicava come etico, giusto ed utile (e non ipocrita e doppi) tutti i ragionamenti e le conclusioni dialettiche che cercavano di concilairsi in una nuova proposta morale. Non aveva la presunzione di etichettare gli altri e di ritenere se e i propri ragionamenti assoluti e certi. In secondo luogo, è forse stato il riferimento alle monetine contro Craxi ad avere suscitato la sua sensibilità? Se così è, me ne scuso, anche se personalmente credo cge al posto delle monetine a quel ladrone bastardo avrebbero dovuto lanciare delle schioppettate. Così come pure a tutti i "piccoli-Craxi" sparsi per l'Italia. E Riesi di questi ne ha tantissimi. Io non mi ritengo una persona che parla a sproposito o a cui le mosche danno fastidio. Sono solo un corretto, civile e onesto cittadino di Riesi che pretende giustizia. E non solo quella divina, anche perchè non so se c'è e onestamente vorrei vedere dietro le sbarre o incriminati tanti pendagli da forca che a Riesi "gestiscono" il potere politico indiretamente, cioè avvalendosi dell'ausilio dei tanti imbecilli che si prestano di elezione in elezione a catalizzare i consensi elettorali. Io sono disposto a scendere in campo, ma quando le conizioni giudiziarie di Riesi lo consentiranno. "Soli, come recita un motto, non si è buoni nemmeno per andare in Paradiso". E siccome io non sono nemmeno don Chiscotte non posso certo abbattere i terribili mostri-mulini a vento. Vorrei ancora ricordare ad Aristotele la fifa che ebbero tanti di quei codardi ladroni della cosiddetta "prima repubblica" in occasione delle amministrative del 1994. Poi, il mutato clima politico, sembrò cambiare le carte in regola, rivitalizzando criminali che in altre epoche sarebbero sicuramente stati linciati o fucilati da processi sommari del popolo. Aristotele, ricordati che un cittadino volenteroso scende in campo tutti i giorni, scontrandosi con l'ignoranza e il pregiudizio popolare. Non è solo con l'attività politica che si può contribuire nel rilancio del proprio paese. Ricordo che questo, prima ancora che un sacrosanto diritto, è un dovere morale di ogni cittadino, di fronte alla storia, al proprio Paese e ai propri figli. Le osservazioni di Han mi sembrano in un certo senso più ponderate e rispettose. Anche se possono apparire a chiunque giustamente opinabili. Condivido pienamente alcune sue conclusioni. Come dicevo, però, non del tutto. Finiamola una volte per tutte con questa mafia. Non la consideriamo un vero e proprio capro espiatorio. Forse nelle grandi città del Nord questa non esiste? Anzi!! Li essa si scontra e lega le proprie sorti con quelle delle altre potenti mafie dell'Est europeo e con la criminalità spicciola. Sicuramente da noi il terrore malavitoso ha un controllo sulle coscienze considerovole, ma per favore non consideriamo il Nord una specie di toccasana. Personalmente ho avuto più paura a camminare nelle ore pomeridiane a Milano, Genova, Torino e Bologna che nelle ore notturne a Palermo, Messina e Catania. E' vero si che un certo risveglio economico negli ultimi anni s'è registrato. Vorrei, però, ricordare ad Han che un risveglio economico, come lo ha inizialmente definito lui, non può essere totalmente assistito dallo Stato. E' troppo bello fare l'imprenditore coi soldi pubblici, ottenuti in finanziamento con metodi clientelari e politici. Forse Han non vive a Riesi e non immagina nemmeno cosa ha significato per molti giovani che sono andati a lavorare in un certo posto trovarsi per mesi e mesi senza una paga, con un mutuo da pagare e figli da mantenere. Molti hanno rischiato il lastrico e si sono visti costretti ad emigrare. Senza poi parlare dei lavoranti dell'agricoltura, pagati sottocosto e licenziati dopo un certo periodo, tanto c'è l'Assegno di disoccupazione, come se questo provenisse dal nulla e non dalle tasche del cittadino. Ma questo è un lungo discorso, sul quale sarà opportuno ritornare in futuro. A presto Ruggero


Autore: Hanghenghe

Ruggero: ..."Sicuramente da noi il terrore malavitoso ha un controllo sulle coscienze considerovole, ma per favore non consideriamo il Nord una specie di toccasana"... Dici molto bene quando affermi che c'è il controllo delle coscienze da parte della malavita, della mafia, come esecutrice, nel nostro caso. Ognuno di noi teme la pistola puntata sulla testa; una pistola che ci segue per tutta la vita che muta il nostro modo di vivere, di pensare e di realizzarsi. C'è stato un periodo, chiamiamolo di risveglio delle coscienza del popolo siciliano, dove la mafia veniva descritta e soprattutto appariva per quel che era e cioè crimine violento e vigliacco; un periodo di scontro alla pari tra Stato, o meglio parti di esso, e mafia; un periodo dove non si dava scampo a chi veniva preso offrendogli l'alternativa di collaborare; un periodo dove le regole omertose imposte dalla mafia sono state stravolte; un periodo dove tutto crollava e veniva messo a soqquadro con la prospettiva di una reale vittoria contro questa forma di potere di supplenza in Sicilia; insomma un periodo che lasciava trasparire un riscatto. Questo periodo è durato poco; troppo poco per lasciare traccia sulla coscienza, del popolo siciliano, tale da fare assaporare il gusto della libertà profonda. Non è stato dato tempo al tempo e si è fatta la rincorsa per ammazzare gli uomini caposaldo di questo risveglio, per seminare confusione, per intorbidire quel processo di risveglio; c’è stata la gara per normalizzare le coscienze dei siciliani. Occorre dire anche che a tutto ciò non c’è stata opposizione del popolo siciliano, anzi. Non si aspettava altro che un sorta di cambiamento gattopardiano tipico delle nostre parti. Un cambiamento che giustificasse la ripresa, e in grande stile, del modo di vivere dei siciliani, in particolare delle classi sociali più in vista che della collusione fanno il loro modo di vivere, sfruttando come sempre l’ingenuità e la creduloneria del popolo che accetta supinamente la subalternità. Infine , caro Ruggero, il Nord non è il toccasana ma almeno ti offre quello spazio di libertà profonda che ti allontana dal tiro della pistola che ci opprime: la pistola che ci segue per tutta la vita.


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Vedi carissimo Ruggero Settimo, in un primo momento mi sono complimentato con te, e devi convenire con me, che rimango sempre con la stessa idea, ma quando tu da un discorso dove si parla della inefficenza di trovare a Riesi una nuova classe dirigente mi vieni a dire, che al nord c'è piu' corruzione del sud,citando tangentopoli che è nata a Milano, beh a sto' punto devo capire ioi personalmento con quale soggetto ho a che fare, se sei veramente alla ricerca di una nuova classe dirigente, affinchè prende le redini di questo nostro paese martiriao, che ultimamente siamo in mano a nessuno, è questo lo detto migliaia di volte, o che tu ce4rchi qualche raffronto, infischiandotene, di Riesi ed aprendo il discorso a 360 gradi parlando dei politici corrotti e tangentisti che rivuluzionarono l'Italia nei primi anni del 90.Che ti devo dire sappiamo tutti che tangentopoli scoppio' a Milano tramite una cazzata di tangente appena 8 milioni, se pensi a quelle di svariati miliardi, fai tu se non sono gli spiccioli, dicevo per una tangente non pagata di soli 8 milioni un certo Mario Chiesa, fece esplodere finalmente quello che per tanti anni in Italia c'era.Di sicuro capirai la differenza tra il nord e il sud, dove abbiamo il nord che se ne frega della Omertà, che invece al sud, per cultura e caratteristica non ha eguali da nessuna parte.La verità è che mi sei sembrato uscito dalla provocazione che avevi fatto nel tuo primo messaggio, e che avevo intravisto come una bella provocazione.Caro Ruggero non è che io mi sono messo il nik di Aristotele perchè voglio emulare il grande stagista e teorico di Stagira.L'ho messo solo perchè mi piace il nome sotto forma di nik, per un suono melodico nel chiamare quel determinato nome. Cosa devo dire seconto la tua idea? che tu ti sei messo Ruggero Settimo, perchè ti senti un rivoluzionario, come tale Ruggero SAettimo che nel 1839 a Caltanissetta porto' ad una specie di rivoluzione andata poi in positivo, riuscendo ad avere quella autonomia dai potenti siciliani?vedi un nik vale l'altro,se per nik intendiamo un nome come l'altro, e non la persona famosa che aveva quel nome. Cosa vuoi che me nè importa di Craxi, per me altro che monetine avrei buttato, per me rappresenta il vero demolitore dell'Italia, a scapito degli italiani per un arricchimento suo e dei suoi seguaci, ecco perchè sono un antisocialista, contro coloro che nel dopo guerra erano l'ago della bilancia in forma numerica, e coloro i quali hanno portato l'Italia allo sfascio totale.Se proprio lo vuoi sapere li manderei all'esilio, per lungo sfruttamento agli italiani, e per associazione mafiosa dedita alla spartizione di fondi e soldi pubblici,non sto' qua a parlare della spartizione di posti di lavoro altrimenti ci perdiamo di casa, cmq lascio a te, l'interpretazione del caso. La doppiezza del tuo discorso, è che se hai delle prove vere e concrete nessuno ti obbliga a non denunciare i malfattori, o i politici riesini che durante la prima repubblica hanno mangiato e bevuto a spese della collettività, arricchendosi con il denaro pubblico.Però ricordati che devi essere supportato da prove certe, sai perchè ? perchè sono convinto che a volte le notizie li si hanno in piazza, qualcuno o per invidia o per gelosia dice, vedi quello si è fatto ricco con i soldi del comune, vedi quell'altro? quello si è fatto i soldi con i soldi delle tangenti, e cosi' via discorrendo.Sei Onesto, Corretto e che vuoi giustizia, hai le palle? trova i giusti propositi e vedrai che riesci a vedere qualcuno in galera, sempre ammesso e concesso ha realmente sbagliato, ho già detto in precedenza che nelle ultime elezioni vi erano individui in lista che rappresentavano la prima repubblica, sono scesi in campo dopo 10 anni, di nuovo a fare politica, questa è la vita, se poi la gente li vota, tu non puoi fare il resto di niente.Dico tutto cio' caro Ruggero, perchè con la politica sia rappresentativa che amministrativa, si puo' combattere, per poi se ci si riesce a migliorare la nostra società,non come dici tu, come tu steso asserisci, scendendo in campo tutti i giorni scontrandoti contro l'ignoranza e i pregiudizi, vedi quelle sono le vittorie di Pirro.anche perchè se mi consenti non tutti sono ignoranti e non tutti sono pieni di pregiudizi.Ci vuole ben altro, Se non sei rappresentativo, dentro le istituzioni, non potrai mai fare niente. Non voglio parlare delle differenze tra il nord e il sud, altrimenti non c'è ne usciamo piu'.Pero' una cosa mi sento di dirtela, vedi di scomposizionare il valore della mafia con quella della delinquenza, altrimenti facciamo una grande confusione.Un ultima cosa, se permetti io vedo diversamente come poter cambiare le cose, e per cambiarle sono convinto che devo ricercare delle cose fondamentali. Forza di volontà;Non guardare in faccia nessuno, tirare sempre dritto;costruirsi un movimento o l'appoggio di un partito politico dove si condividono le idee, che numericamente fa paura, perchè mi sono accorto con l'esperiaenza, che in politica, o nella vita socilae i Generali senza truppa non hanno mai vinto,purtroppo è cosi' vince sempre chi possiede la truppa,è la truppa nella vita odierna sono i consensi,e i consensi te lo dà il popolo,e il popolo per darti i consensi,devono trovare in te la figura del leader, che secondo loro potresti cambiare le cose, fai pure questi passaggi e vedrai che alla fine sarai nella giusta strada,che vuoi quello che si semina si raccoglie.Questa è la mia opinione, mi spiace non essere a Riesi, perchè già nel 1994 stavo iniziando a seminare, poi sono dovuto emigrare,e tutto questo l'ho creato dove mi trovo, e ti devo dire con molto successo, ma lasciamo stare il fatto di parlare di me, ci sono gli altri che lo fanno, pensiamo a te e a Riesi, se lo vorrai ad Agosto quando scendo in ferie, davanti ad una granita potremmo parlare di Ruggero Settimo rivoluzionario, il fautore, della rivoluzione socio-culturale a Riesi. ciao e a presto Aristotele


Autore: Ruggero risponde

Intendo appositamente esordire con una citazione. Mi sia concessa, non tanto per pedanteria quanto per piena accettazione del sou contenuto. "Senza cultura non si fanno dei rivoluzionari, ma al massimo dei ribelli. Un uomo senza cultura è com eun sacco vuoto, pieno di vento. Ti può fare impressione, ma, quando piove, e spesso piove sulla rivoluzione (la Rivoluzione Culturale), quel sacco te lo trovi fradcio tra i piedi, pronto a farti inciampare" Mao tse-Tung A scanso di equivoci, vorrei aggiungere che non sono un comunista, ne tantomeno un anticomunista. Sono contrario a tutti coloro che hanno la presunzione di definirsi "anti" a qualcosa. Mi ritengo (e penso di esserlo pienamente) un libero pensatore, un eclettico individuo in grado di pensare con la propria testa, senza dovere obbedire agli ordini di scuderia che questo o quell'altro partito politico impartiscono ai simaptizzanti e iscritti. E' vero che questo ti può anche mettere in una posizione di svantaggio. Non sono però d'accordo che tutto sia scontato. Checchè se ne dica (sottolineo che il mio non è un discorso di parte) le utlime consultazioni emministrative di Riesi lo hanno dimostrato appieno. Hano sancito la vittoria del personalismo e la sconfitta dei partiti politici, ammesso che tali potessero chiamarsi tutte quelle combriccole di "portatori di voti" o pseudo tali assembratisi dietro i due schieramenti filo governativi. Quale dei due effettivamente era l'espressione della Sinistra o della Destra? Io dico nessuno! A parte che entrambi avevano proposto alla cittadinanza, dopo cinque anni di veroggnosa amministrazione, soggetti poco credibili. Non mi riferisco ai soli candidati sindaci, ma all'intero entourage di aspiranti assessori, gente desiderosa e credulosa di poter essere qualcosa per Riesi. Tutta brava gente, sulla quale non ho nulla da ridire come persone. Tutti amici. Ma per favore, senza un minimo di cultura e lungimiranza!!! La lista "Amando Riesi" proponeva per lo meno individui più credibili, non solo agli occhi della cittadinanza riesina, ma anche dell'opinione degli altri siciliani. Ripeto che tutti gli altro erano brava gente, ma l'essere bravo non basta. Per la soluzione delle gravi problematiche di Riesi ci vogliono persone preparate culturalmente. Individui che conoscono le leggi e le sanno interpretare. Non è sufficiente il buon intento di volere fare qualcosa. Così come dobbiamo finirla di dire che "tanto si possono nominare gli esperti". La politica a chi conosce le leggi e ne ha sufficiente conoscenza. Possono essere antipatici alcuni nuovi assessori della nuova amministrazione. Sempre meglio però delle altre squadre! Ripeto che io non sono stato un sostenitore della lista "Amando Riesi", tuttavia non posso non giungere a queste conclusioni. Per quanto rigurda l'ammonimento che mi sono permesso, esso è scaturito dal tono eccessivamente duro che ho intravisto. La truppa è il popolo e il popolo può essere risvegliato con esempi di efficienza, onestà e coerenza. Meglio di quella truppa di "portatori di voti" che hanno sancito il crollo tanto della CdL quanto dell'Ulivo. Chi a Riesi si ritiene davvero di Destra o di Sinistra non dovrebbe chiedere l'immediato commissariamento delle sezioni dei vari partiti politici alle segreterie nazionale e convocare delle nuove costituenti? Ma questo è un altro problema. Parlare di Ruggero Settimo in questa sede diventerebbe certo troppo vasto e ripetitivo. Se ne potrà certo fare qualcosa di persona ad agosto. Sappi, comunque, una cosa: io non sono il fautore di nessuna rivoluzione socio-culturale a Riesi. Magari, se le condizioni lo permetteranno, potrei anche diventarlo. Prima di allora mi limito ad affilare la spada. All'amico Hanghenghe potrei dedicare pagine e pagine. Non mi venga però a dire che la gente nel Nord è libera perchè chissà quali condizioni vive. La realtà, certo diversa da quella meridionale o riesina, per molti aspetti è analoga a quella del nostro caro paese. Anch'io, per vari motivi, ho vissuto per qualche tempo nel Nord. Non intravedevo nessuna differenza di fondo tra l'affarismo che regge e muove tutto il tessuto economico delle due diverse parti dell'Italia. Occorerebbero due divesi metodi di valutazione, due diversi criteri. Credi che la gente sia davvero così libera come credi? Forse si, ma di incolonnarsi come caproni negli stessi supermercati, stadi, strade, stradine, etc. etc. Nel preciso momento in cui qualcuno tenta di opporsi alla marea allora viene falciato. Nessuno mi ha mai puntato una pistola. FOrse perchè non ho mai pestato i piedi a qualcuno. SOno, tuttavia, convinto che nel preciso istante in cui dovessi farlo mi ritroverei di fronte a tutta una serie di problematiche. Quella sorta di spada di Damocle che hai chiamato pistola sappi che ti si punta automaticamente contro se decidi di essere scomodo, nel Sud come nel Nord come in ogni altra parte del pianeta. La gente è libera sino a quando non rompe gli affarismi di qualcuno e, come si usa solitament dire a Riesi, "vive e lascia vivere", alias "fa i propri porci comodi e permette di farlo anche agli altri". Ora vi saluto. A presto Ruggero


Autore: Hanghenghe

E no, caro Ruggero, non puoi generalizzare con la laconica definizione che per comodità di sintesi possiamo definire: Tutto il mondo è paese. Certamente non esiste la libertà pura, la libertà a misura d’uomo, la libertà che ognuno di noi vorrebbe; ma una libertà condivisa e codificata, come per esempio quella garantita dalla Costituzione, che dovrebbe poter essere attuata in egual misura da tutti e in tutta ITALIA, attraverso: l’affermazione di quei principi che bisogna conquistarsi; il contrasto di chi questi principi di libertà viola. Nord e Sud hanno problematiche comuni, ma differenze peculiari che consentono a popolazioni diverse organizzazioni sociali diverse; e qui non possiamo negare l’evidenza, cioè, una differente capacità di organizzazione sociale: al Nord si ha una maggiore (maggiore non assoluta) partecipazione, condivisione e libertà che consente alle popolazioni di organizzare la propria vita sociale all’interno delle Istituzioni; al Sud, in Sicilia nel nostro caso, l’organizzazione della vita sociale è mediata da un corpo non istituzionale ma para-istituzionalizzato e cioè la mafia. Mafia, in senso lato, che della libertà fa scempio con le conseguenze di sviluppo della vita e dell’organizzazione sociale evidenti, perché la pistola puntata sulla nostra testa è un peso che ci opprime. La differenza puo’ apparire troppo netta e forse lo è, ma in ogni caso permane, e la consolazione della generalizzazione è poca cosa per nascondersi, o meglio nasconderci, dietro la definizione: Tutto il mondo è paese. Forse la differenza sta in questo e cioè: se tutto il mondo è paese, nel malaffare, ogni paese reagisce in modo diverso per contrastarlo. La mafia, come malaffare, non esiste certamente solamente in Sicilia, ma come la difendiamo e proteggiamo noi , o meglio come la difendono e proteggono da noi, non esiste da nessun’altra parte: In questo siamo DOC.


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

La cultura rivoluzionaria a volte per vicessitudini o per motivi ambientali, non è stata intesa come la intendi tu.Nei suoi contenuti.Le rivoluzioni che ci sono stati sono state nella maggioranza dei casi delle rivoluzioni, intesi come liberizzazione da qualcuno o da qualcosa.Molte volte il popolo carente di quella cultura di innovazione socio culturale, ma credenti in una rivoluzione di un forte cambiamento, senza nemmeno sapere per quale motivo si rivolta.Avallando a volte rivoluzionari, che dopo aver preso le redini del comando, si sono poi mostrati PAZZI.Di esempi c'è nè sono a decine.Le rivoluzioni culturali, egregio amico mio non sono mai stati dettati da rivoluzioni populistiche, ma da movimenti formati da uomini che con le loro idee e i loro credi che hanno rivoluzionato il sistema di vita, logicamente dettati dai periodi storici che hanno vissuto.L'Umanesimo, L'Illumisismo Francese dove la ragione spradoneggiava sul sentimento e su tutto cio' che non era reale, per finire poi con i fautori del nostro Risorgimento italiano, ecc.ecc. queste sono le rivoluzioni culturali, non quelle di Mao,Hitler, Stalin e cosi via dicendo. Tutto questo nei nostri giorni, non avrebbe quell'effetto che hanno avuto nei secoli addietro, dettati per le vicessitudini storiche del periodo. Invece siamo daccordo sul fatto che bisogna creare la nuova generazione, che si è allontanata dalla politica, bisogna creare la nuova classe dirigente, facendo ricreare le sensazioni, che un buon politico deve avere, fa niente a chi appartiene se di destra o di sinistra, l'importante è saper formare i nuovi dirigenti, da potergli affidare le sorti del nostro Paese.Giovani che devono imporsi e sapere essere capaci di questo compito assai difficile. Comunque in ogni caso chi si occupa di politica deve avere dei riferimenti e dei punti fermi,ma questo non significa che l'appartenenza a qualche partito o movimento, debba obbligatoriamente dire, che ognuno non pensi con la propria testa.Tutto al piu' mette al servizio degli altri il suo pensiero a tutti nelle sue preposizioni. Altrimenti come faranno i liberi pensatori? non possono secondo me fare politica, tranne che non inventano un nuovo partito, anomalo, per le sue caratteristiche, cioè fondano il partito dei cani sciolti, e sai benissimo i cani sciolti che fine fanno, senza avere nessuna identità, e senza avere un seguito, perchè i liberi pensatori non aggregano, altrimenti che liberi di pensiero sono?? una volta parlai di quelli che non sono nè carne nè pesce. Tu parli delle ultime elezioni riesine, dove tu asserisci che ha vinto il personalismo, questa evidente è la tua opinione, che io non condivido, ognuno ha la sua chiave di lettura. Una cosa mi sento di dirti che Carrubba lo ha fatto vincere Miccichè, e ti spiego in due motivazione del perchè. La prima perchè il Carrubba è stato rivalutato dalla scadente amministrazione del Miccichè. tanto è vero che nei giorni delle elezioni a Riesi c'era voce che la gente surrurrava, megliu lu tintu pruvatu, ca lu nuvu a pruvare.La seconda che gli uomini di Miccichè con lui in testa, dovevano vendicarsi dalle persone che lo fecero cadere anticipatamente, non facendogli finire il suo mandato, è questo per un politico è molto grave, non avere la fiducia degli stessi tuoi uomini, e come essere pugnalati alle spalle.Quindi il poacchetto dei voti pro-Miccichè, che non sono pochi sono andati a rafforzare la candidatura del Carrubba in fase di primo turno, avendo poi l'ago della bilancia all'interno dell'amministrazione Carrubba, il fatto è dimostrabile oggigiorno, con la non votazione favorevole alla elezione sia del Presidente che dal VicePresidente, del Consiglio Comunale, ti sei chiesto come mai la Giunta Carrubba forte di 12 consiglieri non riesce ad far eleggere questi nominativi istituziuonali?? Guarda che sono ragionamenti che ho fatto dopo le elezioni, non adesso che si stnno avverando le cose dette da me in precedenza.Tutto questo non è la vittoria del personalismo, ma la vittoria dei tatticismi e di calcoli matematici, per poi avere il controllo per tutti i cinque anni della intera amministrazione, si hai capito benissimo, senza quei due, sarà difficile amministrare, in quanto non avranno mai la maggioranza, e quindi tutto passerò solo se lo vorrà l'opposizione, con qualche franco tiratore. Questo è arrivismo, ed è sete di potere, ricordati le parole di Don Giulio Andreotti, lui dice ed ha ragione di dirlo, che il potere logora chi non c'è l'ha. Mi parli della giunta Carrubba come se fosse chissà che cosa, ti posso assicurare, e qui mi assumo le mie responsabilità civile e penali, che vi sono persone, che magari sapranno espletare il compito affidatogli, a livello amministrativo, ma viva Dio, ci sono persone che non sanno nemmeno cosa significa il saluto, che non salutano nessuno, cosa voglio dimostrare? che ci sono persone che si sentono colti, intelligenti ed aristocratici, e con la rivoluzione culturale che tu vuoi, non ci azzeccano proprio niente.Vuoi qualche nome e cognome?? te lo faccio,ripeto mi assumo le responsabilità di rito, parlo ad esempio del l'ex direttore didattico Baglio, quello nemmeno alla moglie saluta altro che le persone, ed a questo punto rappresenta le istituzioni, non ricordo se oltre ad essere assessore e pure vicesindaco.Altro che cultura, la cultura vuol dire anche saper stare in mezzo alla gente,chi ha carenza di socialità con l'essere umano, ha gravi handicap di socializzazione, è questa è una delle componenti essenziali della cultura. Visto che mi citi Mao, voglio citarti Mussolini, lui diceva che non basta essere bravi, bisogna essere i migliori, come puoi notare la bravura è una cosa che tutti possono conseguirla, ma essere i migliori non è cosa di tutti, quindi loro possono avere quella marcia in piu' che tu volevi, e che possono indubbiamente dare qualcosa di piu'. Tu dici, il popolo puo' essere risvegliato, dalla coerenza, onestà,efficenza, allora mi spieghi come mai il popolo ha votato Carrubba?? Visto che nel suo primo mandato L'INEFFICENZA:(dicono ha lasciato un buon fondo cassa, quindi per chi sa amministrare i soldi devono essere spesi per migliorare),la non CORRUZIONE, (chissà, a scoprire le carte cosa esce fuori),LA COERENZA: (beh è sotto gli occhi di tutti ha cambiato piu' assessori lui che tutte le amministrazioni da 50 anni ad oggi), vedi questi sono stati interpretati in maniera esemplari dal popolo. Carissimo RUGGERO SETTIMO, alias Rivoluzionario, continua ad affilare la spada, quando sarà affilata al punto giusto saro' curioso, di vederti all'opera, sai a parlare è una cosa,all'atto pratico è un'altra cosa.Sai scrivere non ti scontri contro niente,in pratica invece hai tanti muri da superare, tante montagne da scalare, e una burocrazia italiana, che non ha eguali da nessuna parte del mondo e quindi da appianare. Non entro in merito dai sistemi di vita tra il Nord ed il Sud. l'ho ribadito nelllo scorso mio mex,per intanto ti saluto a risentirci ciao Aristotele


Autore: Ruggero risponde

Indubbiamente in certe cose siamo DOC, ma non solo in quelle negative. Ricorda che se il Nord e l'Italia intera (non voglio dire in mondo per presunzione) hanno raggiunto certi traguardi in parte lo devono anche a noi siciliani, e perchè no anche a noi riesini. Se noi siamo come siamo, riuscendo a garantire determinate cose in parte è stato possibile grazie al nostro modo d'essere. Ricorda che la mafia non è solo un modo di fare, ma anche un modo d'essere, quello che consente d'essere spesse volte malleabili e duttili e meno intransigenti. Una volta su Tele Centro Sicula sentii intervistare l'avvocato Alessi, il padre della DC col gelese Aldisio, il quale a novantanni suonati sosteneva lucidamente che la mafia è anche un modo d'essere, frutto di un lungo retaggio storico-sociale. Senza fare del facile sociologismo faceva rivelare come tutti noi siciliani siamo in un certo senso mafiosi, ma non nel senso descritto demagogicamente e stupidamente da fenomeni da baraccone come films tipo "La Piovra" o "Il commissario Montalbano". Siamo mafiosi nella misura in cui cerchiami di renderci autogiustizia, laddove lo Stato latita. Lo Stato affarista, guidato a partire dalla fine del secondo conflitto mondiale da burocrati e politicanti affarsisti di tutti i partiti. Quello Stato che ha illuso col falso mito della democrazia raggiunta i siciliani e gli italiani in genere di essere riuscito a garantire benessere e progresso a tutti, anche a costo di far rivivere a noi siciliani quel fenomeno fenomeno migratorio che invrece non avremmo dovuto rivivere. Hai mai letto il testo dello Statuto di Autonomia Regionale? Ti invito a farlo. Ti accorgereai come è rimasto sempre inapplicato. E non mi dire che chiusero le zolfare, paralizzando in tal modo la nostra economia, perchè c'erano degli sprechi e la forte concorrenza americana. Ci poteva pur sempre essere la riconversione. Ma i sindacalisti della GCIL parlavano anni fa di tutto questo ai minatori? NO! SI limitavano a dire riconversione, riconversione. E quei poveri diavoli battevano le mani con la promessa di laute pensioni, abbracciando quella causa governativa in parte approvata dal consociativismo social-comunista. Ma davvero poveri diavoli, che per un certo periodo di tempo sono stati economicamente niente male, mentre poi hanno vissuto sulla loro pelle il dramma dell'emigrazione, vedendo emigrare i propri figli nel Nord. Non era forse quella una sorta di pistola puntata? Non era mafioso l'atteggiamento statale? Non era forse comodo e mafioso il signor Agnelli (nordico e non siciliano) trovarsi nei propri stabilimenti non della semplice manovalanza? Devi sapere che nelle zolfare siciliane c'erano tante maestranze: elettricisti, tornitori, fresatori, meccanici specializzati, etc. etc.. Non erano certo tutti picconieri e carusi. Dove andarono a lavorare questi diavoli? Vedersi costretti ad emigrare non era come una sorta di pistola puntata alla tempia? Chi volle tutto ciò? Di certo non i siciliani!!!!!!! Sai quanti abitanti faceva Torino alla fine della seconda guerra mondiale? Sai quanti ne fece nel decennio successivo? Sai quanta speculazione edilizia ci fu attorno a tutto ciò? Sai quanti paesini che nemmeno erano segnati sulla carta geografica divennero cittadine dormitori con chissà quale storia? QUando accadeva tutto questo Riesi aveva una consolidat atradizione storica. Pur fra tanta miseria e desolazione aveva dato i natali a illustri personaggi. Voglio ricordarteli qualora l'avessi dimenticato: Giuseppe Jannì (sindaco nel 1870), lo scopritore del citrato cristallizzato; Antonino D'Antona (nominato senatore per meriti professionali nel 1881), fautore col celebre Cardarelli di Napoli di una grande clinica che da quest'ultimo prese nome. Potrei fare tanti altri esempi. Ora vorrei chiederti come spieghi il fatto che persone che sono vissute tra il terrore mafioso e la desolazione sono riuscite a spiccare tra tante nate e cresciute il quello che tu consideri, consentimelo, il "mondo della libertà". La vera libertà non è quella che ti permette di essere nelle condizioni di dire e stradire a tuo piacimento. Secondo me, è ben altra cosa: è potersi alzare la mattina libero da ogni sorta di legge e leggina che ti vincola a tante di quelle piccole e assurde cose che solo in Italia esistono (almeno in modo così esagerato). Solo quando vivrò in un Paese più tollerante e liberale, in cui tutti quei cappi che cinquantanni di socialismo reale confuso con uno strano senso della democrazia verranno meno, non mi sentirò più con quella strana pistola puntata addosso. Ma mi rendo conto perfettamente di come sia del tutto impossibile che improvvisamente scompaia quel maledetto e fottuto consociativismo, o perlomeno una metà delle sue conseguenze. Sino ad allora penso che tutti noi, siciliani, italiani e riesini ci sentiremo minacciati da quella pistola che porta all'inevitabili morte sociale


Autore: ruggero risponde

Mi sembra di essere stato totalmente frainteso. Ho fatto esordire il mio ragionamenteo con una frase di Mao perchè ne condividevo il contenuto, a prescindere dall'idea politica di questo personaggio. Non perchè fossi dalla sua parte e contro un'altra. Ho anche scritto che sono contrario agli "anti". Ora se quasi risentiti mi si replica alla citazione con una frase di controparte, debbo dedurre che chi lo fa è di per sè un "anti", in questo caso un anticomunista. E, citandomi di controparte una frase estrapolata da un intero discorso del Duce, mi induce a pensare che le sue considerazioni non sono obiettive, ma di parte. Allora cerco di invertire le cose partendo da un'altra citazione: "Ogni Rivoluzione ha tre momenti: si incomincia con la mistica, si continua con la politica e si finisce nell’amministrazione. Quando una Rivoluzione diventa amministrazione si può dire che è terminata, liquidata. Noi dobbiamo impedire che la politica scivoli nell’amministrazione. Occorre che vi sia chi vigili con intransigenza alla luce di questa verità. Questa è la Mistica. E la Mistica è più del partito. E’ un Ordine". Forse è questa la Rivoluzione migliore alla quale ci si riferisce? Quella che induceva a ritenere che "tutto è nello Stato e niente è all'infuori dello Stato"? Alla faccia del pensiero liberale! Allora aveva davvero ragione Croce quando ammoniva l'amico Gentile per aver accettato pienamente quelle posizioni mistiche ed autoritarie che annullavano la libertà dello Spirito, facendolo diventare Mistica. Questo è il contrario della rivoluzione culturale e sta all'opposto di quella bravura di cui tanto parlavi. Ora siccome la citazione è proprio del Duce e la frase "tutto nello Stato......" nel massimo ideologo del regime fascista (Gentile), ministro della Pubblica Istruzione nel primo Gabinetto Mussolini, mi torna davvero difficile conciliare quell'idea della bravura che il Duce aveva con quella sua strana idea dello Stato, dell'amministrazione e della Mistica. Ma questo non lo voglio giudicare io. E' la storia a farlo. Sull'Amministrazione Carrubba non avevo espresso chissà quale giudizio positivo. Avevo solo scritto che mi sembrava la più adatta a rivestire l'incarico designatogli dal popolo. Non mi interessa fare fantapolitica, cercare di capire perchè Carrubba ha vinto o perso. So solo una cosa: all'interno dell'urna ho trovato davvero delle serie difficoltà ad esprimere il mio consenso. Non dico cosa ho votato e quali sono le mie idee politiche. Faccio però rivelare per l'ennesima volta che il mio imbarazzo era duplice sia nel caso fossi stato un elettore della CdL che dell'Ulivo. Io non voglio fare nomi sulle persone. Non sono nessuno per giudicare il mio prossimo. "Chi è senza peccato scagli la prima pietra". Sicuramente, per quanto antipatico possa o non possa essere il direttore Baglio (io sinceramente non mi pongo il problema, chissà perchè lo fanno gli altri), è una persona valida. I numeri stanno dalla sua parte. Nella vita ognuno sa fare un mestiere. C'è chi grazie alla formazione e mentalità acquisite durante l'apprendistato culturale e profesionale sa fare delle cose o pensare dipoter fare delle cose e chi invece sa fare altro. Io, da semplice cittadino, mi vedo meglio rappresentato (anche perchè quei numeri sono una garanzia) da un Baglio che qualcuno infidiosamente considera antipatico che da un camionista, portantino, inferiemiere, barista, operaio. Non tanto perchè queste siano persone meno intellegenti. Non lo penso affatto. Quanto piuttosto perchè non sono soggetti che nella loro vita abbiano percorso strade formative e professionali che oggi possano proporsi come alternativa nell'amministrazione del paese. Dall'impasse in cui oggi si trova Riesi si può uscire solo in un modo, delegando ai capaci e professinisti la soluzione di situazioni che comportano conoscenze dettagliate e lungimiranza culturale. Cose che solo chi ha trascorso la propria vita a conoscere può avere. E poi tranquillo! Sappi che Carrubba non ha la maggioranza dei consiglieri, ma solo 10. Se evidentemente non s'è ancora eletto in Presidente e vice-Presidente del Consiglio ciò deve far riflettere positivamente su Carrubba. Dimostra che non vuole cedere ai ricatti dell'opposizione. COme finirà? COn una bella richiesta da parte del SIndaco del COmmissariamento del Consiglio. Ma sono sicuro cha ad una simile soluzione non vi si giungerà. L'opposizione, o nmeglio "l'armata di Brancaleone" sono convinto che non farà arrivare Carrubba a tanto. Rischierebbe di perdere la propria poltroncina politica. Può puormettersi una simile cosa? Io limerò e affilerò sempre le mie armi, per sguainarle nel momento opportuno, allo scopo di farla pagar cara a qualcuno che sta davvero rompendo le scatole. A presto


Autore: Hanghenghe

Caro Rugero, il tuo è un discorso che vuole apparire campanilista a difesa dei siciliani e riesini che lungimiranti, famosi, operosi, hanno fatto la loro parte in ogni luogo e in ogni dove, a Riesi come in ogni altro posto della terra. Come non essere d'accordo: Il Nord Italia, la Germania, il Belgio, eccetera, sono tali anche grazie all'operosità di questi migranti. Questo riconoscimento gli è dovuto e gli e stato attribuito dalle Città e dagli stati ove questi sono presenti. Il punto però non è questo, ma la forma mentis, ormai storicizzata, che noi abbiamo e che si traduce in passività e accettazione di tutto quello che ci propinano, non sempre, per carità non generalizziamo. Come al solito generalizzi: “Siamo mafiosi nella misura in cui cerchiamo di renderci autogiustizia, laddove lo Stato latita”. Autogiustizia? Non mi pare che si possa fare tutto questo senza passare per le grinfie della giustizia appaltata alla mafia per delega di un certo “Stato”. Non generalizzare la mafia a sistema mafioso da accomunare ad un modo d’essere di una popolazione, la Sicilia, perché questo e quel che vogliono farci pensare: mafiosi, ribelli, autonomi.. ma de che? Citi l’Avv. Alessi, il padre della D.C. gelese: “la mafia è anche un modo d'essere, frutto di un lungo retaggio storico-sociale”. Cosa di sputarici di la facci.. altro che citarlo. Sarà stato un modo d’essere per lui, o meglio per il sistema di potere, per il suo modo di esercitare il potere. Un potere fuori dalle regole dello Stato con la supplenza del potere mafioso, la pistola puntata sulla testa, a controllo dei siciliani: campiri erano e campiri sono. Un forma di controllo, pena la morte, il ricatto, la minaccia che ha permesso e che permette di essere solo un feudo di consenso in cambio di qualche spicciolo e di grandiose promesse. Far passare la mafia ad un modo d’essere del popolo siciliano è una caricatura, una delle tante caricature in uso per giustificare, il modo d’essere, questo si, di una certa classe dirigente, baronale, accattona, che si collude per interesse e incapacità ad andare oltre. Lo sfruttamento del Nord della forza lavoro del Sud non è opera della mafiosità di questi, ma dell’incapacità e mafiosità nostra, della nostra classe dirigente. Per quanto riguarda le zolfare e la loro chiusura tramite una vera e propria campagna acquisti, non posso che darti ragione sulla mancata riconversione e sullo sperpero di denaro che è stato fatto per tamponare il collasso economico del territorio… collasso che è arrivato puntuale e che ha visto un ondata migratoria di non poco conto. Ma una cosa, più che altro una sensazione, da figlio di surfararu, te la voglio trasmettere e cioè che non c’è stata una vera lotta operaia, di li surfarara, non perché si sono fatti abbindolare da chissà quali sindacalisti socialcattocomunisti, ma perché molti di loro avrebbero preferito l’emigrazione dei loro figli piuttosto che lasciargli un lavoro in miniera… un futuro in miniera. In ogni caso lo zolfo è sempre lì, è una ricchezza conservata, e la riconversione è sempre possibile se questa è economicamente vantaggiosa; sta ai potenti a valorosi politici locali, alle menti geniali dell’economia siciliana, fare delle valutazioni economiche per rilanciare l’economia dello zolfo, diretta e indiretta. Rilanciare la vecchia miniera e la nuova miniera. Caro Ruggero, una rivoluzione ci vuole i Sicilia: Rivoluzione culturale antimafiosa – ANTI – e questo anti deve penetrare nelle menti dei giovani che si faranno vecchi con la cultura dell’ANTI… ANTIMAFIA! come modo di fare e come modo di essere. Un Rivoluzione, come quella del 1968 non per i contenuti politici ma come modalità, che parte dalle scuole, coinvolge le altre classi sociali, e spazza via prima di tutto una mentalità, e chiede e impone l’ATIMAFIA dello STATO, l’ANTIMAFIA della SOCIETA' CIVILE. Altro che assoluzione politica di Totò Cuffaro… che schifo… non Totò Cuffaro, ma la sua assoluzione senza spiegazioni, senza domande, senza perchè. Assoluzione piena, dalla alte cariche dello STATO, al sistema di informazione, al… Siamo al nichilismo, all’accettazione, al siamo tutti mafiosi: chi vota per idee interesse, eccetera; chi fotte e strafotte a sbaffo; chi minaccia, ricatta e ammazza; chi il potere vero esercita. No, caro Ruggero, non siamo tutti mafiosi. Io mi sento solo di essere SICILIANO! Nel bene e nel male e con la cultura dell’ANTI- che non devi confondere con l’appiattimento e l’accettazione di tesi a prescindere.


Autore: Ruggero risponde

Nel citare l'avv. Alessi intendevo parafrasare un concetto peculiare a tutti gli studiosi di mafia degli ultimi duecento anni. Non ho fatto elogi o apologia alla mafiosità. Ho cerato di far notare come la mafiosità sia qualcosa di ben diverso dalla mafia. Quando ho scritto che condividevo la posizione del considerare un certo modo d'essere di tutti i siciliani, sostanzialmente postulavo la differenza di fondo tra la "mafiosità" e la mafia propriamente detta. Non intendevo sovrapporrre le due diverse cose. Tu dici che sia cosa di sputare in faccia ad Alessi. Io non lo credo affatto. Non sono stato un suo elettore, ne tanto meno un suo sostenitore. Debbo , comunque, prendere atto di una sacrosanta cosa: uomici come lui, Aldisio, Alessi, Scelba saranno stati si politici discussi, ma hanno almeno impedito alla Sicilia e all'Italia intera di cadere nelle grinfie di chi avrebbe voluto farci diventare un Paese dal socialismo reale. Libera me domine! Pensa un pò che strano paradosso storico avremmo vissuto. Saremmo usciti dal giogo della dittatura nazi-fascista per passare a quello stalinista. Insomma, dalla padella alla brace. Meno male che ci sono stati uomini come loro che l'hanno impedito. Te l'immagini proprio un Togliatti, che negli anni del terrore stalinista fece assassinare persino i comunisti esuli in U.R.S.S., capo del governo al posto di De Gasperi? Ti immagini quanti e quanti crimini nel secondo dopoguerra si sarebbero registrati in Italia? E chissà quanti italiani e italiane oggi si troverebbero in giro per il mondo, non come i nostri emigranti, ma come tanti di quei tanti disperati "morti di fame" che ogni giorno scappano dall'Est europeo, l'inferno terrestre che i compagni avrebbero voluto per noi italiani. Se c'è stato un grande prezzo da pagare per evitare tutto ciò, meglio così. Lo sai come fu invece denazisitficata la Germania o defascistizzata l'Italia del Nord? Forse no! Con bombardamenti a tappeto che non risparmiarono niente e nessuno, nemmeno l'inerme popolazione civile. Su tutto il resto che scrivi ci sarebbe davvero tanto da dire. Anche io mi sento SICILIANO e stop, ma senza "cultura del sospetto". La scienza mi ha insegnato che al sospetto o ipotesi deve sempre seguire l'indagine e la dimostrazione. Non teoremi astratti. Quelli erano tipici dei tribunali inquisitori della Controriforma. Oggi la magistratura deve finirla da comportarsi alla stregua dei Gesuiti cinquecenteschi o seicenteschi. Se l'on. Cuffaro è reo di qualcosa, come tutti i grandi potenti, non credo che abbia commesso qualche errore solo ora che è Presidente della Regione. Avrebbe potuto commettere reati anche molto tempo prima. Come mai i giudici attraverso i mass media ci comunicano di condurre questa o quell'altra indagine contro il potente politico di turno? Forse perchè questo è reo d'aver impedito a qualche "innocuo e innocente" compagno di vincere le elezioni? Ma per favore finiamola. Io mi pongo invece un inquietante interrogativo: come mai i giudici se la prendono con alcuni politici solo quando questi vincono le elezioni? Se sono "birbanti" lo sono sempre. Perchè allara non li arrestano? Ecco la malizia dei giudici. Con questo con voglio delegittimare l'operato della magistratura italiana, ma ridimenzionarlo si. Hanno perfettamente ragione la Lega o FI quando propongono di fare eleggere direttamente dal popolo i PM come si fa negli USA. ATTENTO NON MI DIRE CHE SONO DI DESTRA SOLO PERCHE' HO SCRITTO QUESTO. QUESTA POSIZIONE DEL RESTO E' CONDIVISA DA ATTENTI E ACUTI INTELLETTUALI DI SINISTRA, QUELLI CHE NON SCHIAMAZZANO NELLE PIAZZE ED OPERANO ATTIVAMENTE. Ritiene credibile gente come Moretti che, sino a quando c'era Veltroni a ricoprire la carica di Ministro degli affari culturali, prendeva soldi a destra e manca e faceva il cineasta del cazzo con le sovvenzioni degli italiani? Cosa ci trovi in questo di così diverso tra il mafioso atteggiamento di quanti a Riesi si sono adoperati e si adoperano per un qualche incarico e il sodalizio ministeri/attori, artisti, uomini di spettacolo? Un rincoglionito come Biagi che, anzicchè starsene a godersi la pensione, deve rompere i coglioni e togliere il lavoro ad un giovane. Perchè è un intellettuale? E chi lo stabilito che lo è? Il suo antiberlusconismo? AHhhhh!!! Allora siamo messi davvero bene. Basta parlare male del governante di turno e allora siamo nel giusto. QUesta è una mentalità cnrta da '68. Anche perchè quello non fu solo una stagione di successi. Chi ha mai stabilito che lo fu? I COMUNISTI, che giudicavano ignoranti e stupidi chi non stava con loro. Il solito atteggiamento stalinista: o con me o contro di me. A presto


Autore: Vittorio

Ho seguito il vostro dibattito ma ad un certo punto mi sono stancato, troppa costruzione, poca realtà e come al solito il voler dimostrare di essere più di quello che si è. Ma la cosa che mi ha disturbato è la classica mentalità siciliana. Avete parlato di pistole puntate, di spada di Damocle sulla testa,…..ma nessuno ha parlato dell’orgoglio di essere persone oneste e corrette. Non basta affermarlo per esserlo, i fatti sono quelli che contano. La paura di pestare i piedi a qualcuno non deve in nessun modo condizionare la vita dei siciliani, il fare il proprio dovere, in questo rientra anche la denuncia dei ladri e dei truffatori, è un dovere di ogni cittadino e quindi di ogni siciliano. Per troppo tempo i siciliani hanno fatto dell’omertà una regola del “quieto vivere”. La mafia c’è perché noi la alimentiamo con il nostro voto (che non è politico), con le nostre richieste di “favori, con i nostri favoritismi, con i nostri lecchinaggi. Capisco che non è facile fare tutto ciò, ma è necessario farlo sia per la nostra dignità sia per quelli che ci guardano, le nuove generazioni che necessitano di punti di riferimento e di certezze. L’affermazione della nostra dignità deve essere alla base di ogni nostra azione, anche se questo comporta qualche “difficoltà”. Vittorio


Autore: Hanghenghe

Finalmente Ruggero ha espresso il suo concetto "RIVOLUZIONARIO" Annacquare per disperdere. La diluizione delle cose in un marasma di concetti, teoremi e come sempre, visto che ci sta a pennello, di anticomunismo, il prezzemolo per giustificare di tutto di più. Questo è: democristianità, in senso politico, allo stato puro, rielaborata, e in grande stile, in forzaitalianità. L'Emilia Romagna, la Toscana, l'Umbria, la Sicilia Sud Orientale, e molte altre zone d'Italia dove i COMUNISTI hanno governato, per decenni, non mi pare hanno portato cultura del sospetto... e forse è il caso che ti documenti. Dici, come è giusto che sia: "La scienza mi ha insegnato che al sospetto o ipotesi deve sempre seguire l'indagine e la dimostrazionenti".Aggiungo la ripetibilità. Di sospetti, ipotesi, teoremi, intercettazioni telefoniche, fotografie, testimoniamze, eccectera, ce nè sono a bizzeffa tutte suffragate dalle indagini con assassinio di chi ha veramente indagini le ha fatte, e questa è una prova, una evidenza; quello che manca sono le dimostrazioni e la la divulgazione delle dimostrazioni acquisite, a cui non si puo' avere il piacere di arrivare perchè la mafiosità, che tu ami citare, del gotha siciliano, della democristianità, commutata in forzaitalietà, le dimostrazioni non volgiono far conoscere. Io non giudico e siccome un po' di scienza la conosco non posso che ricordarti che se l'evidenza diluita diventa sospetto da dimostrare e di conseguenza opinabile; se poi aggiungiamo i di soloni, prezzolati, preposti a questo lavoro la cosa diventa politica e tutto viene utilizzano in nome dell'ANTI. Anticomunismo sia inteso. Con sta storia ci pigliano per il culo da cinquantanni, anche Portella della Ginestra è anticomunismo, ed è amaro constatare che ancora il tema è portante per la coscienza e la salvaguardia della mafiosità siciliana.


Autore: Hanghenghe

Vittorio il tema è da costruzione, non abbiamo mica le prove? Le avessimo... heheheh... STUMMM!! In ogni caso già è dificile essere quel che si è... figurarsi voler apparire chissà che cosa. La pistola puntata sulla testa dei siciliani, è sottointeso quelli onesti che lavorano e che sottostanno per il quieto vivere, e non per mafiosità come Ruggero cita... ci sarannno anche quelli per carita. In ogni caso perchè rinunciare, per ripicca, a scrivere... partecipa anche te magari mi sbaglio... o si sbaglia Ruggero, oppure Aristotele, o ci sbagliamo tutti ed è una semplice illusione. La mafia è un illusione! E i morti? Mah! Morte di causa sconosciuta e suicidi.


Autore: ruggero risponde

Forse in parte ha ragione VIttorio. Ma vedi, caro VIttorio, in queste polemiche pro o filo comuniste, democristiane e/o mafiose mi ci sono visto tirare per i capelli. Han, come vedi, mi ha persino dato del democristiano e forzista. Io che la DC l'ho combattuta. Io che non condivido molte cose del berlosconismo. Speravo solo che Han comprendesse il mio eclettismo, il mio vedere le cose buone e cattive in tutte le cose. Non parto dalla pregiudiziale che i comunisti, i fascisti, i nazisti o gli integralisti mancino i bambini. Mi sembra solo che Han dica quasi: "Tutti gli altri sono stupidi e cattivi. Chi non è comunista (e penso che lui lo sia) non ha capito nulla dalla vita....." BEh questo è puro ed autentico ragionamento partigiano, poco obiettivo e scientifico. Lui che mi cita regione o parte dell'ITalia governate dai rossi forse sconosce un pò la storia. Associa il benessere di quelle regioni al comunismo. DImentica (o forse non sa) che quelle parti erano benestanti, rispetto a noi, già molto tempo prima che nascesse il comunismo. Le grandi riforme che hanno portato al risveglio dell'agricoltura padana sono cominciate durante il periodo di MAria Teresa d'Asburgo. Quelle regioni che hanno vissuto l'età comunale hanno sempre avuto nel proprio DNA qualcosa di diverso dai noi siciliani. DIco e sottolineo diverso, non migliore o superiore. E poi se volsessi fare dei ragionamenti maliziosi potrei anche fargleli. Se è vero che in Italia si è andati avanti a colpi di tangenti, lui e davvero così inguenuo da escludere dal tangentalismo le regioni rosse? Allora mi spieghi il fatto delle COOP rosse corrotte che pagavano tangenti. Mi spieghi come mai Raul Gardini morì. Dove pagava le tangenti questo signore. Di erto non a Palermo o alla mafia siciliana. MI spieghi le traversie del gruppo Ferruzzi. Mi spieghi che nesso c'è tra lo scandalo ENIMONT (LA supertruffa italiana per eccellenza) e i politici romagnoli. Dato che lui è comunista potrebbe saperne qualcosa. Mi spieghi infine come mai i rossi in molte di quelle regioni che governavano hanno perso, Bologna città in prima linea. Forse un motivo ci sarà. E per favore non lo riconduca al solo ad un presunto rincoglionimento della gente, al conflitto di interessi di Berlusconi o a chissà cosa. Io nel Nord ricco e produtitvo (il Triveneto) ci sono stato. HO visto come ragiona la gente e non c'è nulla di tutta quella dietrologia tipica da cultura sospettista. Han di consiglio di essere meo legato agli stereotipi partitici. Sii più libero di pensare con la tua testa e lascia andare tutti quei teoremi che poi si sono rivelati del tutto privi di fondamento. Anch'io penso di conoscere un pò di scienza. E proprio di questa mi avvalgo per ragionare, libero da quello che gli opinion-leaders dei vari partiti politici (da sinistra a destra e viceversa) tentano di voler inculcare alla gente dal pulpito di uno spazio televisivo o giornalistico. Caro Vittorio, ti prometto che in futuro sarò lieto di uscire dallo schema di ragionamentoin cui misono fatto inavvertitamente trascinare e di intraprendere una nuova via. Se ne potrà parlare in seguito. Non sono incoerente e non intento affatto allontanarmi dal tema con il quale ho dato vita a questo forum di discusssione: "I cervelloni di RIesi". TI assicuro che parlerò delle vicende politche che conosco e degli eventi che posso analizzare e indagare. Ma non mi avvarrò di cultura del sospetto. Non getterò fango su persone o cose che sconosco. Non sono abituato a parlare o scrivere per sentito dire, ma per conoscenza diretta delle cose. A presto Ruggero


Autore: Hanghenghe

Mi sembra solo che Han dica quasi: "Tutti gli altri sono stupidi e cattivi. Chi non è comunista (e penso che lui lo sia) non ha capito nulla dalla vita....." . Questo virgolettato non è il mio pensiero, ma una tua deduzione. Ti assicuro che non ho la presunzione di sentirmi intelligente ne tanto meno di pensare che gli altri sono stupidi perché non la pensano come me o perché non sono comunisti... di comunisti stupidi ne è pieno il mondo, come di criminali. Sei tu che ti sei buttato sull'anticomunismo per giustificare scelte, azioni e fatti della storia siciliana.Sei tu che hai tirato fuori la storia della mafiosità, come modo di essere dei siciliani, e se permetti questo è uno stereotipo per eccellenza. Sei tu che accusi me di essere COMUNISTA e quinti tarato. Cosa vuoi che ti risponda che lo sono? Lo sono!, e magari aggiungo che lo sono diventato, oltre che per formazione familiare, per lo schifo democristiano, in senso politico, che vedevo in paese durante i mitici anni ottanta. Per quanto riguarda la democristianità commutata in forzaitalietà mi riferivo ad un modo di essere, particolarmente in voga in questo periodo, e non al fatto che tu sia democristiano o di Forza Italia. Devi convenire con me che usi il linguaggio tipico del forzaitaliota, tuo malgrado, nel giudicare: comunisti, sospetto, eccetera. Mi pare che gli argomenti che hai citato sono all'ordine del giorno della politica di questa destra, e se ci permetti deduco che viaggi sulla stessa linea d'onda, almeno per gli argomenti trattati, non è mica un reato e solo una opinione; la tua opinione. Per le regioni "rosse" certamente non sono tali per i comunisti, ma sicuramente per tre ordini di fattori: la terra fertile, le idee, la capacità degli uomini che si sono organizzati al meglio nel corso dei secoli; ma non scordare che la forma organizzativa dell'economia, basata sullo schema socialdemocratico degli ultimo tenta quaranta anni, di quel territorio è stato un esempio di modello economico studiato e copiato in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti: idee e uomini capaci risolvono e realizzano. IDEE e UOMINI. E magari l’avessimo copiato solo in parte noi in Sicilia ANCHE SE IL RAGUSANO SI è MOSSO SULLA STESSA LINEA D’ONDA; e li ragusani sono partiti da sotto zero: idee e uomini hanno creato lo sviluppo in quella zona. Da noi, in buona parte, ci sono solo uomini, e uomini d'onore, che di IDEE, oltre a fottersi le briciole, non ne hanno mai avute per la SICILIA, e le risorse le abbiamo e a maggior ragione oggi nell'era della globalizzazione e del turismo mondiale. Io capisco la tua caparbietà nel difendere la sicilianità, che non devi confondere con mafiosità perché sennò faccio il comunista tarato, ma devi convenire che siamo un popolo di creduloni, ingenui che aspetta la manna dal cielo, che si fa abbindolare dal primo pirla (il riferimento a milanese è puramente voluto), ieri come oggi, che promette, promette, promette e soprattutto che ci affida il compito si salvare l'ITALIA dal COMUNISMO. Ora il comunismo non c'è più, la missione è compiuta. Sarebbe ora di cominciare a farci i caxxi (x = Z) nostri, per la nostra economia, per il nostro benessere, per la Sicilia. Che pena vedere questi parlamentari siciliani, n'autabussi chinu di parlamentari C.d.L, che non è in grado di fare un caxxo (x = z) se non fare da tirapiedi a Berlusconi e alla politica di Bossi. Infine dici che ragioni con il metodo scientifico ma ti voglio ricordare che, nella ambito delle opinioni, non esiste la scienza ma la convinzioni dettate da mille ragioni di cui molto spesso la maggior parte non sono neanche tali. Lo diceva Aristotele, (il filosofo non Arturo che in realtà dovrebbe mettersi il nik Seneca perché gli è più appropriato), che ci sono due campi: il dimostrabile e l'opinabile.. Ora è mia convinzione che molto spesso si confondo le cose, anzi si invertono, trasformando ciò che è dimostrabile in opinabile con il principio della diluizione. Bè… sei uomo di scienza e sai come funziona questo principio. Ora ce chi questo stravolgimento lo fa con scienza (Scienza delle Comunicazione) e coscienza, e chi lo fa perché va di moda e di conseguenza è come un vestito da indossare. E per chiudere: Mi raccomando se vuoi trovare il sale concentra e non diluire perché in questo modo tutta l’acqua diventa buona. PS: Aspetto ancora la tua provocazione da indirizzare ai “cervelloni di Riesi”, quella cha hai fatto è solo una proposta di provocazione, e se è di mio gradimento ti seguirò. Così cambiamo discorso.


Autore: Hanghenghe

Ruggero ancora non ti sei qualificato e visto che la prima cosa che mi hai fatto notare è quella di scrivere dietro un nik ti invito a farlo. Sai... tra scienziati non ci devono essere misteri. E ora ai "cervelloni di Riesi".


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Azzo appena manco un giorno, e mi ritrovo tante botta e risposta, magnifico, ha fatto bene il web master a mettere nel sito una pagina, che ha preso il nome di "FORUM DISCUSSIONE", ebbene queste dialettiche di diversa concezione non fanno altro che confrontarsi sulle opinioni, idee e quant'altro.L'argomentazioni, fatte in questi giorni, sono assai complessi, basta parlare di mafia, e giu' ci vogliono libri interi, basta parlare di onestà, chiarezza e trasparenza, e se vogliamo cercare il pelo dell'uovo, ci vogliono mesi, solo a parlarne e citarne nei fatti succeduti negli anni, quindi lascio immagginare cosa ci vuole per uscirne fuori da questo discorso,non parliamo cosa ci vuole a parlare delle differenziazioni, tra il Nord e il sud, un abbisso per certi versi sia da una che dall'altra sponda, a secondo di cosa si parla.Immaginatevi a parlare poi di rivoluzione culturale, cosa mettiamo in piedi. Adesso io non voglio fare polemica sulla storia di Croce e Giovanni Gentile, so solo che parlando di Giovanni Gentile, e visto il nostro campanilismo di sicilianità,possiamo dire che in tutto il secolo, l'Italia non ha avuto un ministro alla istruzione come lui, sono le carte che parlano, non cose che posso dire io a favore, perchè sarei di parte. Questi confronti servono sicuramente a migliorare il grado culturale, del sito, su questo non vi è alcun dubbio in merito. Caro Ruggero, ed adesso anche Vittorio, alla fine quello che conta non sono fantastiche storie utopistiche che mettiamo su un tavolo, ma bensi' sono le cose reali, quelli che viviamo tutti i giorni. Adesso voglio farvi una provocazione visto che parlate di omertà tutti e due: a Vittorio dico come mai siamo un paese di omertosi, parlo di Riesi e Sicilia compresa, ed abbiamo il maggior numero di pentiti??? A Ruggero dico, visto che parlavi di Alessi, Aldisio, ecc, perchè non hai citato, MANTIONE, TRAINA, ED CALOGERO VOLPE, GIUSEPPE GENCO RUSSO,ecc.ecc.????????????? quelli oltre a fondare la Democrazia Cristiana, hanno inventato il sistema clientelare, che ancora oggi vige in tutta la Sicilia e special modo a Riesi, o forse ci siamo dimenticati chi a Riesi ha ricevuto i posti di prestigio?? nelle banche, posta,comune, Provincia, regione, Inps, Inail, e non è il caso che faccio l'elenco perchè davvero lunghissimo.A te le conclusioni,caro Ruggero la realtà e ben diversa dalle teorie, fidati. saluti a tutti Aristotele


Autore: ruggero risponde

Voglio ricordare di essere un libero pensatore. Un uomo eclettico che ha finito di credere nelle "menzogne del XIX e XX secolo" nell'esatto momento in cui s'è accorto di rischiare di ragionare con gli schermi stereotipati dei partiti. Ribadisco che non sono di sinistra, nè tanto meno di destra (anche perchè poi bisogna vedere cosa sono queste due cose effettivamente). Sono solo un SICILIANO, anzi un RIESANO, fiero della propria storia. E sono anche consapevole delle profonde contraddizioni di fondo che lacerano la storia del mio popolo, ma sono un SICILIANO, di fatto e non di nome che vive ed opera in trincea, cioè a Riesi. Venite a battervi qui se avete coraggio, invece di sputare quelle sentenze tipiche da gente delusa perchè non è riuscita ad integrarsi nel proprio paese d'origine. Scriveva tempo fa un grande pensatore, di cui preferisco non fare il nome per non peccare di pedanteria, "di tutto cio di cui non si può parlare meglio che si taccia". Meglio non dire nulla quando si conoscono poco e niente certe cose. Gentile è stato sì con Spaventa, Jaia e Vera uno dei più grandi personaggi del neoidealismo italiano ed europeo. Ma attenzione. Uno che sostiene "tutto nello Stato e niente all'infuori dello Stato" ha una strana concezione dello Stato. E già, ma quello pensava al corporativismo dei grandi gruppi industriali, infischiandosene del pensiero fascista sansepolcrista, che era repubblicano, democratico, anarchico e filo-socialista. Il Fascismo mussoliano, quello di potere insomma, negò l'individuo e attribuì valore solo alle rappresentanze corporative. Come si può negare quest'evidenza. Non a caso, gli stessi uomini del Fascismo sfiduciarono il DUce nell'ultima seduca dl Gran Consiglio, quando riproposero all'ordine del giorno il ripristino dell'artico 5 del liberale Statuto Albertino: "Il Re nomina e revoca i ministri" (non più dunque la monarchia democratica, parlamentare e liberale). Il Fascismo du un'invezione politica di quei potentati che vollero gattopardescamente cambiare casacca dopo il 1922, allo scopo di arroccarsi attorno a certi privilegi. ALcuni "cervelloni" di Riesi fanno la stessa cosa anche oggi. Cito su tutti un esempio. Una famiglia aveva puntato su diversi fronti. Tanto uno dei suoi membri sicuramente avrebbe vinto. Un fratello era stato proposto candidato sindaco dell'Ulivo,; contemporaneamente un altro fratello si candidava in una lista civica; ed infine un terzo vevina proposto come assessore nella lista della CdL. Alla faccia delle apparenze. Queste persone credevano che il popolo non s'accorgesse di tutto. Che stupidità! Che illusione! Ma non voglio perdermi in queste inutili e sterili polemiche. Preferisco rimanere legato al tema in questione. Prometto in futiro di cambiare tiro e non cedere ad inutili provocazioni


Autore: Hanghenghe

E ora Aristotele ti mangia... hehehehehehe. Ruggero!... che provocazione. Ma non è più facile pensare che ogni fratello ragioni con la propria testa? Senza arrivare a conclusioni di samia di potere familiare con strategie macchiavelliche degne di un romanzo popolare? Tutto qui? Pensavo ad una vera rivoluzione del pensiero ad una sorta di Copernico riisanu. Ne destra ne sinistra, ma semplicemente qualunquista. Qualunquista provinciale. Parli di mancanza di integrazione e insoddisfazione... ma come ti permetti di accusare chi ha dovuto emigrare? Chi ti credi di essere? Sentenze e non provocazioni sono le tue. Citi:"di tutto cio di cui non si può parlare meglio che si taccia". Chi jè na minaccia? Non si può parlare? E cu jè stu filosofo? Totò Riina? Mah! Presuntuoso si.... non libero pensatore... perchè i liberi pensatori dialogano... non sentenziano. PS: Non ti sei ancora presentato.


Autore: ruggero risponde

Il qualunquismo non so cosa sia. Se sai cos'è sono disposto ad imparare. Io non ho sentenziato nulla. Mi piace osservare quel precetto evangelico "chi è senza peccato scagli la prima pietra". Quindi, hai proprio toppato. Non sono il tipo di persona che credi. Mi da solo un certo fastidio sentir dire di Riesi, della Sicilia, dei riesani e siciliani cose poco gradevoli, con quell'autorevolezza da gente che si ritiene progredita e finalmente libera da chissà cosa. Ma cosa credi che qui la gente non stia in prima linea? Che accetti supinamente le logiche di potere, considerandosi ormai arresa? Riesi e la Sicilia avranno si delle enormi problamiche, ma per cortesia non releghiamoli in quell'angolo di vittimismo come usano fare con toni presuntuosi tipi alla Cammilleri. Le mie erano e sperano di essere ultraprovocazioni che accendino dibattito e discussione. Chissà quanti riesini avranno seguito i nostri dibattiti, senza però intervenire. IO mi rivolgo a loro, sperando di cuore che si diano una mossa e contribuiscano nel dibattito. A presto


Autore: Gli"scienziati della politica"

Ed eccomi finalmente a parlarvi di un tema che mi sta particolarmente a cuore: gli "scienziati della politica". Leggendo quest'espressione si potrebbe anche rimanere colpiti in senso positivo. Qualcuno, specie se non è di RIeisi e non conosce certi eventi, potrebbe dire: "ma ci sono a RIesi degli scienziati (della politica ovviamente)? Mah! da parte mia, vi assicuro che ci sono solo soggetti che con la scienza non hanno nulla da dividere. Forse sono scienziati solo nelle loro piccole cramonie, troppo impegnate a cercare di capire come faranno il prossimo inciucio di turno. Non è possibile ritenere che individui con le ridotte capacità mentali facciano scienza. D'acocrdo che genio e sregolatezza spesso sono peculiari di chi fa scienza, però.......In questo caso, scusate il gioco di parole, non è proprio il caso. Meno male che il nuovo sindaco npn cede alle lusinghe degli avversari, preoccupati soltanto di garantirsi una poltroncina, ora come presidente o come vicepresidente del Consiglio. E' vergognoso leggere ogni giorno sul giornale che questi uomini di acuto intelletto non abbiano nemmeno l'acume e intelligenza di capire di esagerare, di darsi una calmata e regolata. Ora che è stata aperta la nuova stazione dei Carabinieri speriamo che vengano aumentate le unità. Auguriamoci che un maggiore e più severo controllo del paese possa garantire prosperità e benessere alla popolazione. Ma, soprattutto, che i carabinieri indaghino sull'operato di tanti di quei poveri e illusi diavoli politicanti che si credono i cervelloni della politica riesina, senza poi conosce le cose come effettivamente stanno. A presto Ruggero


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Mi sà tanto, che tu la storia dei nulla-appartenenti, non la conosci,ho sempre parlato in questo sito delle persone che non sono nè carne e nè pesce, se vai a rileggerteli, forse capirai qualcosa. Andiamo con ordine,lasciamo stare il fascismo, ho sempre sostenuto che la storia è arbitra, ma in ogni caso il fascismo è morto è sepolto con la caduta di Mussolini, adesso viene il professorino e ci viene a dire, cosa è successo al Gran Consiglio,nessuno te lo ha chiesto, anche perchè fuori argomento, a quello che ci siamo interposti in questi giorni. Dopo aver condiviso qualche tua provocazione, ad un tratto è arrivata la tua ipocrisia, veramente mi sto' chiedendo dove vuoi arrivare,sei peggio dei farisei altro che libero pensatore. L'ignoranza a volte porta a conclusione avventate, forse accecate, da remori di confronto, o non so' cosa altro pensare,la puerilità dei contenuti preposti specie sulle argomentazioni personali, ti contraddistingono, che sei un ipodotato mentale in quanto dici fesserie gratuite. Tu dici che persone hanno lo scopo di arroccarsi per qualche privilegio, quale? e da chi? non mi pare che nella mia famiglia avessimo bisogno di privilegi? non abbiamo mai chiesto niente a nessuno, e quantomeno non siamo i leccaculi di nessuno, anzi per certi versi è stato al contrario. Saresti piu' preciso di quali privilegi parli? se li sai dille. Una cosa è risaputa, anche perchè la mia famiglia a Riesi la conoscono tutti,anche perchè siamo una famiglia normale, che ha sempre lavorato, e si è sempre messa a disposizione della collettività, se un giorno ci conosceremo, te li elenchero', ma siccome so' che tu mi conosci già lo saprai.Ed è anche risaputo che nella mia famiglia, ogni suo membro ragiona con la sua propria testa, svolgendo anche la politica, per la causa che crede, ripeto senza mai chiedere niente a nessuno, forse a casa tua esistono questi problemi, di raccomandazioni, o qualche leccheria culistica, a servire qualche d'uno che ti ha fatto qualche piacere, da noi queste cose non esistono, noi non dobbiamo dire grazie a nessuno, se non alle nostre capacità.Hai mai pensato che se nel caso mio fratello quello proposto alla candidatura di sindaco avesse accettato, gli altri ci saremmo messi in disparte? caro pensatore, di cose storte,in ogni caso le persone scese in campo erano solamente due, uno che ha voluto confrontarsi con la collettività, ed c'e' riuscito perchè è stato eletto con il suffragio dei suoi elettori, e l'altro che per tuanorma sono io, quindi il sottoscritto,facende parte di uno schieramento politico, perchè il sottoscritto fà politica tutti i giorni, dimostrabile, e non come te, che non sei ne carne ne pesce, chi lo sà che tu fai politica? il tuo libero pensiero? allora possiamo stare tranquilli.dicevo il sottoscritto è dal 1985 iscritto prima al MSI e poi dal 1995 ad AN.sono stato proposto come eventuale assessore, sempre ammesso e concesso che la CdL, vincesse le elezioni. Ora tu mi vorrai cortesemente se non vorrai essere preso per Handycappato,DIRE, quale articolo di legge vieta a due fratelli di essere candidati a due schieramenti diversi? specie uno dei due era in effetti il candidato, l'altro era preposto ad assessore,rappresentando il proprio partito di apparteneza, Mi spieghi di quale APPARENZE parli? tutti quelli che ci conoscono sanno che siamo con l'ideale di una fazione politica, che è di DESTRA,mentre un mio fratello fin da piccolo ha intrapreso l'ideologia di sinistra, ma questo è un reato?, è stato anche per 10 anni consigliere comunale, nei DS,come nel 52, lo fu mio zio nel MSI, e come l'altro mio zio lo fu nel 1960 sempre nel MSI, e per tanti anni segretario del MSI a Riesi, sono fatti risaputi,il mio gemello in prov. di Bergamo è assessore di AN, dal 1994 ad oggi, Mi vuoi spoiegare quale è il tuo problema?? Invidia?? Gelosia?? non ti sei chiesto che se qualcuno ti propone assessore, vuol dire che ti vuole nella sua squadra?? e che per lui sei considerato all'altezza della situazione,dacci le tue genarilità almeno la prossima cercheremo di fare proporre la tua persona, sempre ammesso e concesso hai le capacità, perchè a parlare è molto facile, ad agire, che ci vogliono gli attributi. Di quale STUPIDITA' parli??della tua forse??di quale ILLUSIONE parli??se alla fine mio fratello è risuscito ad essere eletto consigliere comunale, entrando nei 20 su 244 candidati.Vedi la libertà di pensiero e di azione dove stà? se pensi che se fossimo attaccati alle polrone, ci saremmo concentrati tutti su uno, e magari ne usciva piu' reafforzato, e forse avremo preteso qualche incarico in piu' come fanno gli altri, ma tutto questo non appartiene al DNA della mia famiglia,noi andiamo a ricoprire le poltrone solo se gli altri c'è lo chiedono, perchè sanno le capacità che ci stà dietro, noi non barattiamo se abbiamo i voti o no. Quindi carissimo invidiosetto fammi il santo piacere,di fare altri tipi di provocazione, non spingerti a farli a livello personale, anche se devo essere sincero, non volevo nemmeno risponderti per non mettermi ai tuoi bassi livelli culturali. Proprio cosi' quando si parla di rivoluzione culturale, e poi si scende a queste bassezze, stiamo tranquilli, che siamo usciti fuori dal seminato, mi sà tanto che hai tanta strada in salita da fare, specie su quella comportamentale. In ogni caso parlare di persone o di famiglie, senza dichiararsi a casa mia, mi hanno detto sempre che è un comportamento da vigliacco, ecco questa è cultura di comportamento, celarsi dietro un nik, cosa vuoi che persiste, nulla, altro che libero pensatore.In genere i liberi pensatori escono sempre allo scoperto affinchè le sue idee, ed il suo pensiero vengono condivisi dall'opinione pubblica, sempre ammesso e concesso che dica cose basate, e non di fantautopie come mi sà che vai raccontando in giro. P.S. Se hai qualche problema a livello personale con me, ti do con piacere i miei e-mail, -- arturo@areamediaweb.it oppure info@testacostruzioni.com Sempre se lo vorrai , ad agosto saro' lieto di incontrarti ti avevo già invitato a farlo precedentemente,cosi' almeno ti posso battezzare per la seconda volta, visto e considerato che quando ti sei battezzato il prete , senza farlo apposta si è dimenticato di metterti il sale nella zucca, e forse per questo hai queste disfusioni mentali. Comunque non disperarti solo alla morte non c'è rimedio, rimedieremo ad agosto, magari con qualche maquillage a tre visto che l'amico Hanghe ha anche delle disfusioni con te.Io sono sicuro che ci incontreremo, perchè come dicevamo prima i liberi pensatori, in genere per crescere hanno piacere ad confrontarsi, in alternativa rimangono uomini senza palle,con una grossa affezione e con la sterilità e della pochezza forza interiore al confronto diretto, e chi non si confronta, vuol dire che è limitato, sia nei pensieri che nell'intelletto,e questo è grave per uno come te che sei un libero pensatore, che si propone come il messia che vuole cambiare le cose, pensa prima a farti uscire gli attributi, e poi a cambiare le cose. ti saluto e sempre a tua completa disposizione Aristotele


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, la tua presunzione però è esagerata se credi che basti la residenza per sentirsi autorevoli difensori della riesinità o sicilianita che dir si voglia. Sta facinnu tutti cosi tu. Altro che provocazione... sei la conservazione, di un modo di essere e di fare del siciliano classico da stereotipo televisivo, che produce solamente orgoglio. L'orgoglio di sentirsi chissà che cosa. Progrediti? chi la mai detto? Anche la tua deduzione nei confronti degli emigranti è uno stereotipo classico: chissu vinni/jè di la... e sapi tutti cosi iddru... cu si cridi di essiri. Posizione arroccata e difensiva è la tua... altro che provocazione. PS: Non ti sei ancora presentato.


Autore: Hanghenghe

Ora mi devi spiegare, carissimo Aristotele, quali sono le disfunzioni che ho... heheheh... Così mi curi. PS: Quantu si lungu... partisti di to catanannu e solo per pietà nu ci dicisti la carriera dei tuoi ponipoti.


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Parlavo di disfusioni di ordine, incomprensione nella dialettica con Ruggero Settimo, tutto qui, mica hai disfusioni di altro tipo, ma in ogni caso gli altri te li spiego quando vai a fare visita a la Zi Lina a la petra chiatta. in ogni caso proporrei di Mettere Ruggero sotto forma di abbunatu all'olio, in modo tale di conservarsi in maniera, che sia il solo sostenitore della rijsanità nel mondo. Caro Hanghe ti ho parlato solo dei parenti che sono stati eletti a consigliere comunali a Riesi dal dopoguerra in poi, peccato che non è stato eletto mio padre nel 46 per soli due voti, a scapito di Gesu' Puzzanghera, che si fece votare secco, mentre mio padre fece dare alla sua famiglia anche il voto al tizio di nome Gesu'.Era solo per far capire che nella mia famiglia, chiunque sia stato lo schieramento politico, la si mastica dal lontano 1946 dal dopo guerra. Non parlo durante la guerra perchè si era sotto un regime,non parlo di altri miei fratelli insigniti dal Capo dello Stato,non ci teniamo, come tanti a mettere CAV,. prima del nome, queste sono differenze,non parlo di cugini, che hanno dato lustro a Riesi scrivendo ben due libri su Riesi, con medesime insigne dal Capo dello Stato, per i meriti culturali, non parlo di altre cariche prestigiose, altrimenti diventerebbe un vanto che non serve a nessuno, ognuno sa quanto l'avi longa si dice a Riesi. Arturo Graf diceva: se si è qualcuno la gente si ricorderà che sei qualcuno.Sempre lo stesso Arturo Graf, asseriva:se non ci fossero tante pecore non ci sarebbere tanti lupi. ciao e a presto Aristotele


Autore: ruggero risponde

Allora è proprio vero quel motto che recita: "Vuoi provocare la suscettibilità di una persona? Dille in faccia la verità". Se qualcuno s'è risentito di quanto ho scritto non se la deve prendere. Capisco che la verità brucia o, in taluni casi, può anche offendere, ma è il prezzo che bisogna pagare se si vuole "giocare" con gli altri altrimenti ci sono i solitari. Mi viene ancora in mente un altro motto riesino: "U sceccu ca s'avanta nunna mai stati bonu". QUanti io, io, io, io, io. Ma le sono le opinioni degli altri che contano, almeno in politica. Uno può anche credersi in Presidente della Repubblica. In Italia, da quando una legge ha imposto le dimisisoni di tanti malati dai nosocomi in cui erano internati, circolano tanti di quei mentecatti che......... E, poi, ci sarà pure un motivo se la CdL ha perso le elezioni. Facciamo seriamente delle riflessioni sulla squadra che pretendeva di guidare Riesi e di risolvere tante di quelle problematiche che l'affliggono. Ma era davvero in grado di gestire la cosa pubblica? PER FAVORE!!!! Bisogna guardarsi un pò più allo specchio ed avere l'onestà intellettuale di fare autocritica. Ma come si può! Per cortesia, la gestione e l'amministrazione della cosa pubblica soo due cose molto serie. Non basta la militanza in questo o in quell'altro partito per essere la persona giusta. Ci vogliono le idee e la lungimiranza che un uomo istruito e colto può avere. Non tanto perchè superiore a chi non ha studiato quanto piuttosto perchè il risultato di un lungo iter. Quando alcune persone trascorrevano il proprio tempo a bighellonare per le strade del paese, rompendo le palle al prossimo e non comportandosi coerentemente all'etica del suo cosiddetto partito, ce n'erano altre che stavano sedute a casa ad imparare, a confrontarsi con gli altri, ad acquosire competenze, conoscenze, capacità. Non credo personalmente che con tutte le tue buone intenzioni avresti avuto le stesse capacità nell'amministrare la cosa pubblica che può per esempio avere un avvocato (di fatto e non di nome come quelli di certi partiti politici di RIesi) come Enzo Vitello. Io sono fiero che lui metta a disposizione le sue capacità,e ti posso personalmente assicurare che di te ne fa 1000, al servizio della collettività. Tu cosa avresti saputo fare? Non eri nemmeno in grado di gestire un'agemnzia assicurativa e....... e pretendevi di gestire il paese? Sappi che nei partiti ci sono soggetti con competenze governative e persone con competenze pratiche, insomma più adatte ad altro. Tutti non possono essere tutti. Per favore, che si abbia il coraggio di guardarsi allo specchio e di stare al proprio posto. Ma forse tu sconosci la modestia, tu che vanti chissà quale sangue blu quando tutti sappiamo cosa eri e sapevi fare quando ti trovavi a Riesi? Credi proprio di essere diventato migliore degli altri solo perchè, nel trasferirti, qualche parente ti ha permesso di mettere un tozzo di pane in bocca? E no! Vedi caro Han che ho perfettamente ragione nel pensare in quel modo che tu mi hai attribuito sui riesini emigrati (TI ASSICURO CHE PERO' NON LO PENSO). Ti sei accorto come ho colto nel segno? Non ho mai insultato nessuno, ma in compenso ne ho ricevuto tanti. Ecco l'aspirante assessore di RIesi. Il trombato assessore neofascista dovrebbe tenere bene in mente la lezione di un suo maestro. Altrimento che ex missino è? Sosteneva ALmirante che "vincere è convincere!". Non credo però che il politicante trombato abbia gli argomenti per farlo. ANzicchè convincere, insulta i propri interlocutori di turno. ora il sottoscritto ora Han e magari chissà quante altre persone ha infangato. Ma pazienza. Han devi sapere che li può arrivare quell'omino tutto grande e grosso con le ridotte capacità mentali e culturali che crede di sapere e risapere, vantandosi e dei meriti altrui. Lui che a Riesi ha fallito tutto e non ha dimostrato nulla, in tutti i sensi. Non a caso un vecchio motto riesino recita: "Arra ccu arra 'nsimia ccu li tua". E chi è AN a Riesi? NIENTE! E mai lo sarà finchè gente della sua intelligenza pretenderano di guidarlo. Caro Han, ti invito a rileggere tutte le mie risposte, Rischi di fraintendere tutto e di non capire il messaggio di fondo dei miei interventi. Anche se non contivido di te molte posizioni radicali da centro sociale o da vetero comunista (E NON PERCHE' SIA DI DESTRA; NON LO SONO AFFATTO), considero le tue esternazioni intelligenti e degne di rispetto. Ho appositamente scritto intelligenti e non più intelligenti di qualcun altro. Perchè l'intelligenza non è una qualità che ci proviene per diritto divino o per quello che abbiamosaputo fare nella vita noi altri, bensì dal nostro quotidiano comportamento, certo non fatto DAI SOLI EVENTI DEGLI ULTIMI DIECI ANNI (E poi vorrei davvero vedere quanto fumo c'è in quelle posizioni e quanto arrosto). Non è importante che io vi dica la mia identità. Qui poco importa! QUello che conta sono solo le idee. SE CI SONO!!!!!!!


Autore: Vittorio

Ruggero i tuoi discorsi sono degni di un vero “SIGNORE” e di uno che effettivamente ha il coraggio di farli………..si.. sotto mentite spoglie però…..nascosto dietro un nick. Questa è la tua sicilianità? Questo è il tuo modo di essere RIJSANU? Aristotele volevi un mio parere su perché siamo un paese di omertosi e di tanti pentiti? Se i risani sono come Ruggero trovati da solo la risposta. Ti dico solo che le “palle” non sono attributi molto comuni a Riesi e i discorsi di questo pseudo-intellettuale lo dimostrano. Vittorio


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

E nfunna dici lu marzannisi??' Grande illustre professorino da quattro soldi,voglio solo dirti con tanta pacatezza, che a me personalmente, non mi hai niente affatto scalpito la mia suscettibilità, in quanto dici bene, chi è abituato a stare in società di queste bassezze come le tue dimostranze, sono all'ordine del giorno.Tu dici che è il prezzo da pagare se si vuole giocare. Ma se mi consenti bisognerebbe giocare alla pari, se no' c'è faziosità nel tuo intendo.perchè facile attaccare una persona che si conosce, mentre dall'altra parte tutto questo non puo' avvenire in quanto ha l'interlocutore anonimo, è da perfetto sconosciuto. Modestamente non mi sono mai vantato, e con chi? poi? con te che nemmeno ti conosco, magari ti potrei conoscere, sai le risate,ho solo risposto e lo faro' sempre ,alle tue provocazioni, di intellettuale, come se Riesi se non ci fosti tu bisognerebbe inventarti.A volte non ho cosa pensare, mi viene da pensare che forse hai fatto brutta figura con me in passato? perchè poi dovresti accanirti contro di me? non ci sono altre spiegazioni,visto che mi conosci alla perfezione, mi dici che non ero in grado di gestire nemmeno una agenzia di assicurazioni, ma tu hai visto mai i miei mod.740? lavori all'ufficio tasse per poter verificare tutto questo?volevo solo ricordarti che era il mio secondo lavoro, e che nel giro di due anni e mezzo avevo portato a 300 milioni il portafoglio vita, e a 250 milioni il portafoglio del RCA, vorrei vederti all'opera te, se riusciresti ad assicurare una sola macchina, io penso non sareste in grado di farlo, e poi ricordati che ho avuto questi risultati, con tutte le agenzie che ci sono a Riesi, e non sono pochi al rapporto abitanti-agenzie. Cosa ne sai se ero o no in grado di saper amministrare la cosa pubblica? se in questo momento modestamente, lo dico non per vanto ma per rispondere ALLE TUE DEFICIENTI DOMANDE,sono responsabile della provincia di Bergamo per AN, per lo sport,al dipartimento nazionale di AN,amministro una cooperativa di servizi, con 10 dipendenti,sono amministratoire di una impresa edile con 14 dipendenti, piu' tutte le squadre che girano attorno, sono cose che puoi farti dire dai riesini che sanno, e che vivono qua, perchè di cazzate qua se ne sono dette tante ed ora è l'ora di finirla, ma chi credi di rappresentare?almeno sei capace di rappresentarti te stesso?e poi non ne sono certo che Con rispetto parlando anche perchè io Enzo Vitello non lo conosco personalmente, se lui è in grado parlo politicamente di farne 1000 di me? forse di te ci credo, ma di me vacci piano, forse sarà in grado di fare qualche arringa rispetto a me, in quanto lui avvocato, ma stai certo e sicuro che non vuol dire essere avvocati, e sapere interpretare bene la politica, tranne la parte legale, della amministrazione, che è fatta di leggi. Dicevo forse lo puoi comparare con te, in quanto denoto una grossa defezione di inferiorità della tua persona, nei confronti della società civile. Se domandi in giro chi è venuto a trovarmi sà la mia storia, che sono partito dalla gavetta, e quello che mi sono creato è frutto solo ed esclusivamente delle mie capacità. magari un domani potrei andare male, sai con il commercio non c'è mai da stare sicuri, ma ti posso assicurare che non devo dire grazie a nessuno,non so tu se devi ringraziare qualcuno, non so che lavoro fai, se qualcuno ti ha messo a lavorare, e come tutti tali, sprunii, sai come mi dice mio padre, cu nun ie' imparato a braghe tutto si caca, cosi' ho la sensazione che sei. Cosa fai? ah dimenticavo sei il solito CONIGLIO, che si nasconde,ed ho imparato una cosa, se una persona si nasconde vuol dire che deve celare qualcosa, sai visto che ti piacciono i proverbi come si dice? ariu nittu nun si scanta di li trona.Questa è la verità oggettiva mio caro allustrato pensatore libero, libero di pensare ma non libero di attaccare a livello personale, senza che dall'altra parte puo' avere il diritto sacrosanto di difendersi, se non a livello generale, parli di che sono stato trombato, allora ti dimostro che come al solito incalzi solo bagianate, giusto per usare un termine educato,Il trombato in genere è colui il quale era in carica,e che poi non è riconfermato, hai capito la differenza caro pensatore libero? io ero soltanto uno proposto, come erano gli altri 24 aspiranti assessori. Sai poarlare e sparlare delle persone, lascia il tempo che trova, in quanto al sottoscritto non puo' avere fatto solo un baffo, sono abituato a cummattiri con persone come te, che hanno bisogno di sfogarsi scrivendo cazzate, attaccando le persone, e non uscendo poi allo scoperto, forse per paura, forse perchè al confronto diretto sanno che fanno malafigura, oppure persone che con gravi affetti di inferiorità usano questi mezzi per poter forse uscire, a confrontarsi con la società civile. Mi viene in mente, proprio in questi giorni ho avuto rimostranze di affetto e di stima, in quanto molte persone vorrebbero che io riprendessi in mano la società sportiva del mio paese, in quanto lo gestita con successo, per 5 anni, poi per motivi di lavoro ho dovuto lasciare, perchè non si puo' arrivare a tutto,e parlo che sono gente bergamasca fuori per certi aspetti al nostro sistema di vita, di carattere, e via discorrendo. Cmq resta memorabile aver portato 3 anni fà la Fiorentina al paese, e aver dato all'Inter due ragazzini, che adesso ben figurano nelle giovanile dell'Inter, è questo le persone del paese non lo dimenticano.Altro che libero pensatore, nella vita sono i fatti che ti fanno condividere l'orgoglio, per quella determinata cosa, che hai fatto per la collettività dove abiti. Visto che citi il maestro Giorgio Almirante, da cui ho dedicato il mio circolo di AN, in quanto sono presidente di circolo, per verificare collegati con www.an.bg.it da li potrai vedere che modestamente non racconto cazzate, ma quello che dico, e la voce della verità e non mi sono mai nascosto, fin dalla mia prima apparizione nel sito di Riesi, tutti hanno sempre saputo chi sono, anche se conil nik di Aristotele. Dicevo che da Giorgio Almirante ho imparato,una cosa da lui, lui sosteneva che nella vita, bisogna convivere con tutte le categorie, compresi gli handycappati e gli ipodotati mentali,perchè diceva lui, loro purtroppo sono stati sfortunati nella vita,è questa non è una colpa, essere nato contro natura.Poi mi spiegherai in che cosa ho fallito? mica il dottore mi ha prescritto che dovevo lasciare il segno a Riesi, in certi sensi il segno per certi aspetti lo lasciato, e forse anche a te, visto che sei mio avversario, e non dire che non sei ne di destra ne di sinistra, so solo che mi sei contro è questo mi è sufficiente, per dire che per accanirti contro di me hai avuto di sicuro lasciato qualche segno, non so' di quale natura o entità. In rovescio della medaglia mi dirai invece dove tu sei stato eccelso, laddove io ho fallito,ma forse corre troppo dimenticavo, che sarà dura, i Conigli senza attribbuti hanno paura di uscire allo scoperto. Sono curioso di sapere le tue vicessitudini quotidiane,il tuo lavoro,il tuo grado di intelletto sviluppato che tu adoperi nella vita sociale di una comunità come quella riesina. Se uno dice io..io..io..io.. è solo perchè si comporta come tale, e come tale è considerato.Altrimenti dovremmo essere tutti come te io no..io no..io no..io no..io no..In ogni caso ancora una volta esci fuori argomento, attaccandomi a livello personale, che ti consente con la tua ignoranza comportamentale, perchè mi sà tanto che il bon ton, non sai dove stà di casa.giusto per una questione di parcondicio, sarei curioso di sapere di cu ti dicinu?????? sai le risate che mi dovrei fare. Da quando si capisce fino ad adesso di idee non nè hai dato, l'unica cosa che hai fatto , sono solo attacchi personali comportandoti da anonimo coniglio. senpre a tua completa disposizione Aristotele


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Vedo che Vittorio ha colto il fatto con grande saggiezza, come si puo' estirpare,l'omertà quando si attacca una persona e non si trova il coraggio di dire le proprie generalità, e poi si parla di rivoluzione culturale ahahahaha ehehehehe accussi mancu li cani randagi si è capaci fari nesciri, anchi pirchi' nun ci su chiu' l'ancagliacani. Un saluto a te Vittorio Aristotele


Autore: Hanghenghe

Caro Ruggero, sulle idee e posizioni si può essere radicali e senza mezze misure, se è il caso. Quello che non capisco è l'attacco personale e da chiunque arrivi. Un conto è giudicare la posizione politica, un idea, un proposito e tutto quello che può riguardare il pubblico; un'altra cosa è giudicare il vissuto di una persona, i suoi fallimenti e successi, la sua vita. Cedimi questa è presunzione gratuita e spero che questo discorso venga chiarito. Questo livello di provocazione, anzi insinuazione, non m’interessa e per quel che mi riguarda il discorso finisce qui, se si continua su questo livello. Provocare per stimolare e non insinuare per offendere. Spero che Aristotele non ti degni di una risposta perché, credimi, non la meriti. Certo il buon AR è fine come la lama di u ‘m pragagliu quannu rispunni alle offese, e spetta a te, che ti reputi della categoria degli uomini di scienza, ponderare la risposta, diluire - in questo caso si - la verbosità, per condurre la discussione alla provocazione di partenza… La tua discussione. Perché l’hai aperta tu, con una domanda che merita certamente risposte. Come merita analisi e risposte la perdita il Bordello (alias Casa) delle Libertà Riesino che poteva soltanto vincere visto i precedenti. Come merita analisi e risposte la scelta del candidato sindaco del centro sinistra riesino, alias il piliggiu in senso politico, della politica riesina, che pare essere il tuo pupillo se non ho capito male… ajajajajajaja… il centro stringe. Come merita analisi e risposte la VITTORIA di LINO CARRUBBA. Di discussioni da fare se ne possono trovare, inventare, quante ne vogliamo, ma per le accuse c’è sempri la chiazza, il telefono, eccetera. Con l'anonimato è troppo bello dire le magagne, o presunte tali, degli altri. Presentati ca ti pisammu cumu si dici a Riesi... ehhehehhe...e non fare il furbetto.... visto che hai esordito con questa frase nei miei confronti: ..."Hanghenghe.... Non deve pensare di risolvere le problematiche di Riesi, solo scrivendo il proprio pensiero in un sito e coperto dall'anonimato di un nick"... Di cui peraltro ti ringrazio.


Autore: Hanghenghe

Fregato sono arrivato in ritardo...


Autore: ruggero risponde

Caro Han, è vero che ho scrito che non è giusto celarsi nell'anonimato di un nick, ma è altrettanto veritiero che io ho aperto questo forum di discussione con l'intento di parlare o stimolare dibattito. Non ero interessato a conoscervi o a farmi conoscere. Non erano le nostre identità che intressavano. Siete stati voi a insularmi e a pormi delle domande che andavano ben oltre. Vedi, per esempio, il neofascista cosa mi scriveva nel suo primo messaggio. Vedi, invece, cosa mi scrive nel suo ultimo messaggio. Credi proprio che avessi tutto il piacere di essere tirato in ballo in un'inutule diatriba? Il neofascista, se aveva da dire qualche cosa, la diceva e basta, senza però trascndere. E' stato lui che di volta in volta ha fatto degenearre la discussione. Se il tema del forum erano i "cervelloni" cosa mi interessava Mussolini, il fascismo, le sue grandi gesta. L'autocelebrazione, tra l'altra, è una cosa di bassa lega che non merita considerazione. Io pensavo che i miei interlocutori discutessero e non insultassero. Che mettessero da parte le loro simpatie politiche o almeno si sforzassero di appiccicare etichette con troppa facilità. Ho citato Mao (PUR NON ESSENDO UN COMUNISTA E PUR AVENDOLO ESPLICITAMENTE DETTO) e mi si è replicato con Mussolini. Poi tu, Han, mi ha dato del democristiano e forzista (E TI HO DETTO CHE NON LO SNO NEPPURE). Allora mi hai scritto che ero di Destra ( E ANCHE IN QUESTO CASO TI HO CHIARAMENTE DETTO CHE TOPPAVI). Così come sbagli se giudichi Carrubba il bene o il male. Io sinceramente non mi pongo nemmeno il problema. Ho semplicemente fatto notae che non mi vedevo adeguatamente rappresentato dalle persone dei due contrapposti schieramenti politici nazionali. Ho semplicemente scritto che nella squadra assessoriale di Carrubba c'erano tecnici e professionisti di tutto rispetto che gli altri schieramenti non avevano. Non a caso, qualcuno dice di essere in grado di saper leggere e interpretare le leggi e di saper far funzionare la cosa pubblica alla stregua di chi per professione svolge determinate attività. Anche se certi personaggi possono essere antipatici a qualcuno sono chiare le seguenti cose: 1) L'assessere Cutaia è un primario abbastanza stimato che mi pare abbia ricoperto incarichi di Dirigente Sanitario; 2) L'assessore Giambarresi riveste attualmente una carica di funzionario presso il COmune di Canicattì; 3) L'assessore Vitello è un giovane, ma già valido e affermato penalista del FOro di Caltanissetta; 4) L'assessore Baglio è stato per anni Dirigente Scolastico; 5) L'assessore Volpe si è distinto nella vita social paesana per la sua attività di sindacalista della CISL; 6) L'assessore Capizzi in passato si è già distinto come valido assessore alla Sanità e attualmente anche per la sua disponibilità al servizio della gente ORa vi chiedo, egregi "cervelloni" risentiti, descrivetmi le caratteristiche professionali e le abilità degli assessori delle altre liste. Vediamo se riuscite a convincermi. Un semplice cittadino che si vedeva questa squadre concorrere con altre minori come non poteva rendersene contoo


Autore: luigi

ehhhhiiiiiiiiiiiii........ma avete messo le dita nella presa della corrente?????????.............come siete skizzati!!!!!!!!!!..........su kon la vita.........saluti a tutti


Autore: LAURA

CIAO CIPOLLONI. HO LETTO E TROVATO INTERESSANTE LE VOSTRE DURE POLEMICHE. CHISSA' SE NON POSSONO TORNARE UTILI A TUTTI. BACI


Autore: Giulio

E' bello sentire la gente che si ama! E Ruggero l'ha dimostrato..... ama tanto Arturo! Non sarà un corteggiatore respinto???????????????????????????? Giulio


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, nessuno è tenuto a identificarsi. Ma quando si accusa in prima persona forse è il caso che ci si identifichi per dare all’altro la possibilità di difendersi. Non voglio fare l’arbitro, ne tanto meno tirarmi fuori dal gioco forza delle provocazioni in cui ci siamo messi, ma da qui a particolareggiare il vissuto di una persona, e con giudizi di merito, ce ne passa. Un conto è darsi del fascista, del comunista, del forzaitaliota, eccetera, giudizi generici; un altro è dare giudizi sulla vita privata di chicchessia. Ti ho accostato al pensiero democristiano-forzaitaliota, in senso politico, perché le tue affermazioni sono state accostate a personaggi e a politiche ascrivibili a queste correnti di pensiero politico che in ogni caso permangono nell’area centerodestrista. Ora capisco che anche il semplice accostamento al democristianforzaitalianismo è difficile da digerire, e per questo me ne SCUSO, ma in ogni caso le tue affermazioni: tali sono e tali rimangono. Anche se le hai fatte da libero pensatore. La mia risposta era riferita alla corrente di pensiero e non all’appartenenza politica in senso stretto. Per carità, le sovrapposizioni ci sono in tutti noi, mica siamo degli automi. Ogni corrente di pensiero, politica e non, trova dei punti di condivisione trasversali, e ci mancherebbe altro. La cosa infastidisce pure me, che etichettato come “COMUNISTA”, ogni cosa è da ritenersi tale e di conseguenza contro. A me personalmente, poco importa sapere chi sei, se sei schierato, o sei un libero battitore che giudica le scelte o le singole posizioni in campo… fin quando non dai giudizi di merito sulle persone, sul proprio vissuto, senza che questi hanno alcun interesse pubblico. Per quanto riguarda questa giunta, e la persona di Carruba in particolare, non mi risulta di aver espresso giudizi, almeno in questa pagina del forum, ma ho solo detto che la SUA vittoria, è materia di discussione, scalzando, e a suon di bastonate, gli schieramenti politici classici presenti a livello nazionale. Mi interessa discutere sul perché ha vinto, e perché gli altri hanno perso amaramente; ma nel merito politico delle cose, e non giudicando il vissuto delle persone. Per quel che mi riguarda la giunta Carruba puo’ vantare professionalità e impegno, ma ci andrei cauto nel fare l’equazione: professionisti = politici preparati e soprattutto disinteressati. La decisione politica prescinde dalla conoscenza tecnica: la Politica decide gli obiettivi, le priorità; la competenza tecnica ha altre funzioni che sono quelle di consulenza e di realizzazione dei progetti, delle idee e dei propositi politici. Sono livelli diversi che richiedono conoscenze e capacità di decisione diverse. Io sono dell’IDEA che la conoscenza politica deve essere di tipo umanistica e non tecnicistica. L’una, ovviamente, non esclude l’altra. Ora, se Carruba puo’ vantare una squadra con curriculum umanistico e tecnico di rilievo, spero che sia stata questa la chiave di lettura dell’elettorato, quello di opinione in particolare, che ha portato alla vittoria questo schieramento. PS: Sono dell’idea che bisogna battersi per le proprie ragioni e lasciare la verità a chi crede.


Autore: ruggero risponde

Han, forse non ti sei accorto che un certo tipo di attacco personale non l'ho intrapreso io. Quando ho parlao di quella famiglia che aveva tre fratelli in tre diversi schieramenti nemmeno sapevo di attaccare il neofascista. Non sapevo che fosse lui. Quando gli ho citato Mao è stato luiche mi ha detto che non capivo nulla, citandomi come esempio positivo Mussolini. Da li è nato tutto. Bastava che lui chiarisse pacatamente le cose e che non si permettesse di darmi lezioni di perferzionismo e non ci sarebbe stato nulla di personale. Lui s'è risentito, come mai? Perchè? La mia buona fede stava nel fatto che non sapevo che la famiglia in questione fosse la sua. Perchè non è intervenuto pacatamente. Lui non mi ha solo spiegato le sue ragioni, ma lo ha fatto aggredendomi. Lui, a quel punto, s'è presentato e con orgoglio fascista s'è messo a fare io io io io io io io io. Per quanto riguarda te, caro Han, devi smetterla di appiccicare le etichette al prossimo. Ti ripeto che IO NON SONO NE DI DESTRA NE DI SINISTRA, ma ammesso per assurdo che fossi assimilabile ad una delle due posizioni non mi si può criticare con toni di un certo tipo. Ricordati che essere della DC o di FI non è mica un reato. La devi finire di giudicare male soo chi apaprtiene ad un certo schieramento. Essere un ex democrtistiano o un forzista non è mic aun reato come tu sostieni. Se lo fai sbagli. Stalin considera stupidi, criminali e percolosi al popolo coloro che non stavano dalla parte sua. Il fatto che nella DC o in FI ci siano state o ci sono delle mele marce non ti autorizza a fare di una sola erba un intero fascio. Non lo sei culturalmente, moralmente e intellettualmente. Ecco che poi hanno ragione coloro che non ci scrivono, limitandosi a leggere e a ridere dei nostri inutili battibecco. QUalcuno magari risponde dall'alto del suo pulpito. Han, ti faccio lo stesso rimprovero che mi hai mosso qalche giorno fa tu. Scendi dal piedistallo. Non considerarti superpre agli altri. Non considerarti nella parte giusta solo tu. Non considerare erranti quanti la pensano come te. Per quanto riguarda Carrubba, devi sapere che io ho solo espresso un''opinione sulla sua giunta. Mi sa che la storia ci insegna che solo dove c'è stata ignoranza c'è stata poverta e dittatura. Ti invitavo a riflettere sulle squadre. Le altre sai di che erba erano. Sai quanti incapaci, politicamente e tecnoicamente c'erano in giro. Io non ho giudicato male gli aspiranti assessori delle altre due squadre solo perchè nono erano con Carurbba. Mi sono limitato a dire che non erano preparati, in ogni senso, a gestire Riesi. Tu sai che in paese ci conosciamo bene tutti. Ebbene, se determinate persone non solo all'altezza di certi compiti siamo in grado di poterlo dire, no? Fortunatamente Riesi non è una grossa città dove non ci si conosce. Sappiamo dove può o non può arrivare un soggetto, perchè possiamo conoscerlo direttamente, personalmente e dai suoi gesti e atti. Se un individuo non è nemmeno in grao di gestire il proprio privato o il proprio lavoro è agli occhi di tutti. Se individui di questo tipo hanno la pretesa di proporsi come personaggi pubblici, viene da riflettere. Non pensi? A meno che una tua visione universalistica e internazionalistica non ti pone nelle condiozioni di pensare, spero e mi auguro di no, che chi ha studiato e ha delle precise competenze tecniche (QUELLE DI CUI RIESI IN QUESTO MOMENTO HA BISOGNO E NON DI PAROLAI POLITICANTI SENZA COMPETENZE E CPACITA') sia alla stregua di chi invece nellapropria vita s'è dedicato solo a fare altre cose, sviluppando attitudini diverse. Ognuno di noi può ed è utile alla collettività in cui vive. In diversi modi possiamo far si che RIesi cambia. NOn è candidandomi e andando ad occupare certi ruoli che faccio del mio meglio. E' nella vita di ogni giorno , nel mio piccolo, nei miei modi di pormi con gli altri, nel lavoro. Insomma, è nel senso dell'onore verso se stessi e la società in cui si vive e produce, nell'onestà, operosità e laboriosità che si contribuisce a far rinscere RIesi. Io, per esempio, riconosco di non avere competenze tecnico-giuridiche per sapere gestire o leggere un bilancio. Questo non significa che non posso dare il mio contributo, anzi....Se faccioil mio dovere di cittadino onestamente e con dignità e onesta posso contribuire gli stessi amministratori. Invece no! L'io sono, l'orgoglio riesino porta tanti modesti individui a dire: "quelli non sono formati politicamente, hanno sanno competenze tecniche. Sno io che debbo guidare RIesi. IO ho idee politiche (COme se gli altri non ne avessero). E se non arrivo a certe cose, mi faccio colaborare degli esperti". COllaborare? Ma allora si riconoscono eplicitamente i propri limiti. Finalmente Riesi ha esppresso una classe dirigente di profesionisti. Quelle che in paese è sempre mancata. FOrse la loro competenze e preparazoine non credi, caro Han, che può esserci utile? Vedi chi eranoi gli assessori della passata amministrazione. Per favore, basta! Il tecnicismo non è certo il toccasana dei vari problemi. Ma sino a quando una nuova generazione non veràà fuori, potrà per lo meno traghettarci verso qualcosa di migliore. Io sono abituato apensare che per giungere sull'altra riva del fiume sia meglio andare con una barca che con una canoa. Non me ne vorrai, ma non posso accettare l'idea che in questi dieci anni ha messo in ginocchio il paese: "ma guarda quello, io sono migliore. Io ho le idee e quello solo la laurea. Chi si crede di essere. io posso gestire RIesi perchè faccio parte di questo o quell'altro partito, mentre quello no". Così siamo andati molto indietro. Non è ora, a prescindere dalle idee politiche, di invertire la tendenza e scegliere persone più efficienti e capaci?


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, non ti ho mai contestato reati di associazione, ma ho solamente, e provocatoriamente..., provocatoriamente..., provocatoriamente, messo in risalto alcune tue affermazioni, in particolare quella sulla mafiosità in essere dei siciliani. Concetto di democristiana memoria e forzaitaliota continuazione per giustificare un certo modo di organizzare la politica e perseguire gli obiettivi. Continuerò a farlo in ragione dei miei convincimenti, che non sono verità, perché personalmente mi infastidisce l'etichetta di mafiosità in essere: in quanto siciliano. Etichetta che ti porti dietro e che ad ogni occasione ti attaccano con insinuazioni che mi fanno imbestialire. Per la verbosa diatriba con Aristotele che dirti… Hai sbagliato fratello. Aristotele jè sanu sanu, verace e fascista (senza neo) e se gli dai motivo attacca il disco, che ormai tutti noi conosciamo. Ma tu hai esagerato sul suo vissuto, su cui non puoi accampare diritti di giustizio. E la scusa che lui ha citato Mussolini sai che novità... per tirargli addosso tutto il resto non regge. Potevi giudicarlo in mille altri modi, politicamente parlando e sarebbe venuta fuori la sua consistenza (inco) politica che a buon diritto potevi criticare e a cui mi sarei accodato… tanto ormai con Ar ci ho fatto il callo in quanto a polemiche… politiche. Per il resto che dirti… era sotto gli occhi di tutti quel che succedeva: la verbosità politica e non, il cambio di casacche, l’inutilità dei discorsi, l’incompetenza di alcuni, il personalismo sfacciato e, soprattutto, la grande opera. Ho assistito al consiglio comunale di sfiducia del Sindaco, l’estate scorsa, e ti assicuro che in una riunione di condominio le discussioni sono più pertinenti. Su questa giunta se non l’hai ancora capito non ho nulla in contrario… anzi! Ci sarà tempo per giudicare politicamente l’operato di questa giunta sempre che… il consiglio funzioni, e dalle premesse e da quello che mi raccontano di certi SOLONI da ducintu voti - DU-CI-N-TU VO-TI - cambia casacca alla velocità della luce, non c’è da star tranquilli. Hai ragione ad essere ottimista, se si pensa al grande salto di qualità che si è fatto nella scelta degli assessori… almeno in termini di curricula, e un esempio, di riferimento, per tutti è il mitico assessore con deleghe ai chioschi per la vendita di cucummari, testi li lijapurdu abbunati e acqua frisca, della precedente amministrazione. Fidati che la mia capacità di critica è molto più ampia (sceccu ca vanta lu so patruni.......) e non si limita a dividere il mondo in… e…, ma in su o nun su… scherzo. Spero che questa discussione possa terminare e che si riprenda a discutere con argomenti sulla provocazione come da titolo di apertura… del tuo discorso, sempre che Aristotele… Ma gli passa. Vero AR? Che ti passa? In ogni caso di lascio la mia e-mail are_are@libero.it e stai tranquillo: Muto come un pesce sarò!


Autore: Ruggero risponde

Finalmente vedo che cominci a ragionare, caro Han! Visto che se dai maggiore spazio alla ragione e non all'istinto diventi diverso? Il discorso sulla mafiosità e più complesso di quanto tu non immagini. Ma, per cortesia, ti invito a smetterla col ritornello della democristianità o del forzismo. Mi sembra un linguaggio da "prima repubblica" che non porta da nessuna parte. L'essere indignati o arrabiati per qualcosa che ci ha sconvolto il modo di vivere, costringendo al'emigrazione, è più che sacrosanto e legittimo. Il tuo errore credo che risieda nella pretesa di voler vedere il marcio solo da una parte. Qui io non ti condivido e/o seguo. Se rifletti per un attimo sulla storia italiana, siciliana e riesina ti rendi conto che chiha avuto la possibilità di sedere nella stanza dei bottoni, indipendentemente dallo schieramento politico di cui faceva parte, ha fatto n epiù ne meno le stesse cose di quelli che tu chiami mafiosi, democristiani e forzisti (ovviamente quelli corrotti, poichè non tutti lo erano). Prendi, per esempio, il caso dei comunisti e socialisti, pronti ad infamare la DC, ma nello stesso tempo lestofanti a condividerci il potere, ovviament enella misura in cui questo è stato possibile. I cari compagni di Riesi, specie quelli che hanno tenuto le file del partito, erano animati da buoni propositi o da piccoli interessi personali? Tu dici di essere filgio di minatore e di comunista, ma mi sembra che la tua famiglia sia stata costrettta ad emigrare. Certi compagni invece no. Sono diventati più arroganti e opportunisti dei democristiani che tanto accusi. ORa se estendi il ragionamenteo ti accordi che questo è il modo di ragionare e di fare di tutti gli italiani. GLi italiani "siamo" un popolo di lestofanti e arrampicatori. E', quindi, un'autocritica generalizzat ache dovremmo fare, non limitata ai soli personaggi del potere di turno. Ecco cosa ti contesto. Tu è come se dividessi i buoni dai cattivi, attribuendo la patente di cattiveria ai democristaini e ai forzisti. TI RIPETO CHE IO NON SONO E NON SONO MAI STATO IN PASSATO DELLA DC O DI FI. Sono stati i tuoi ragionamenti e quelli del fascista a farmi fare la difesa di parte, una difesa che in altre situazioni non avrei mai fatto. Sono state le vostre generalizzazioni a farmi diventare "duro". Caro Han, io non ho nulla di personale col fascista. Pensa un pò che lo conosco solo di vista. Una cosa è, comunque, certa: ti chiedi come mai io che non ho mai avuto nulla da dividere con questa persona di colpo sia diventato "duro"? Ti chiedi come mai non lo sono stato con te? Evidentemente tu non hai dato pretesti o motivi. Le nostre diatribe perchè non sono andate oltre come nel caso del fascista (ammeso che lo sia, io ne dubito fortemente). Lui vanta chissà quale curriculum, ma se non ricordo bene quand'era a Riesi era un responsabile dell'ARCI. CHe coerenza. Dal momento che lui dice di essere di destra nel DNA, come mai a RIesi non ha tirato fuori gli attributi, fondando un'associazione culturale e sportiva destroide? I fascisti mi pare hanno abbiano la il circolo Fiamma. Allora mi chiedo se il fascista dice di essere quello che è come mai a Riesi non creava un'associazione sportiva Fiamma e si accodava all'ARCi? A Riesi, quando il fratello maggiore era in politica col PCI era con l'Arci e trasferendosi nel nord, dove il fratello gemello era integrato nella Destra lasciava l'Arci per diventare di colpo destroide? Allora tutto ciò mi fa supporre che se si fosse trasferito in una realtà dove governavano i marziani si sarebbe accodato coi marziani? Alla faccia della coerenza!! Se tu fossi stato una persona di Destra nelle ultime elezioni amministrative, sapendo che una persona come lui era designata alla carica assessoriale (meno male che la CdL ha perso!), avresti mai votato? Avresti mai votato un blocco che, a parte del candidato sindaco La Cagnina, nelle maggioranza era costitutito da induividui che nelle scorse amministrative erano consiglieri comunali nella giunta di Sinistra di MIccichè? Vui che ti faccia dei nomi? Gurda la lista dell'UDC e te ne fai un'idea: Bellina, Giannone e, addirittura, l'ex assesore socialista Cusenza. Mamma mia! Gente dell'ex PPI o che non andava d'accordo col leader socialista locale Buttigè che di colpo da centro-sinistra diventava centro-destra. Come fa una persona a cambiare il proprio modo di vedere le cose dall'ooggi al domani? Questi soggetti non potevano essere alternativi a quelli del passato. Anche perchè erano gli stessi. Erano solo dei delusi che cercavano di far fortuna nella CdL. Ma il popolo è stato finalmente giudice, trombandoli e non permettendo loro di conquistare la guida del paese. Ancor oggi fanno ostruzionismoi non presentandosi alle sedute del COnsiglio COmunale, inmotìdo tale da non far avere quel numero legale che consenta l'elezione del PResidente del COnsiglio e del relatico vice. Non sanno che Carrubba può ricorrere allo strumento del Commissairamento. Non sanno che può arrivare un Commsisario prefettizio che li destituisca. A quel punto, non so sino a che punto la situazione convenga. Tranne qualcuno, personaggi come Schifano, Montana, Di Tavi, Ievolela verrebbero rieletti. Quale partito politico li candiderebbe? Hanno trovato difficoltà a canidardi ora, figuriamoci in un contesto teso. Tutto sarebbe nuovamente in discussione e allora...... Chissà, magari le mie armi potrebbero essere affilate al punto giusto e potrei metttermi in discussione come qualcuno da più parti mi chiede.


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, Riesi a parte, ed eccezioi che confermano la regola del caso, il discorso che faccio sulla democristianità e forzaitalianismo di continuazione lo devi leggere a livello generale: come IDEA di opportunismo politico nei confronti del fenomeno mafioso in Sicilia; come convenienza a gestire un serbatoio di voti. La connivenza e il lassismo era, ed è, sotto gli occhi di tutti, e questo gioco della confusione dei piani, delle cose, attraverso la generalizzazione serve solo a smontare, a diluire le responsabilità personali, di coloro che se ne approfittano, e a rendere impalpabili le responsabilità politiche. C’è un appiattimento sociale e una mancanza di informazioni che rendono il fenomeno mafioso, nella sua articolazione criminale, politica e sociale, meno evidente, spostando l’attenzione dei cittadini su altre presunte priorità: un disegno che per fortuna non sempre funziona, ma che limita, e condiziona, fortemente la scelta degli elettori nei confronti degli uomini e a prescindere dallo schieramento politico. Sarebbe troppo facile dividere in bianco e nero, in buoni e cattivi, ma diventa malizioso disperdere nel calderone dei polveroni polemici dei distinguo, delle generalizzazioni dei fatti, circostanze e fenomeni che condizionano pesantemente la vita siciliana in particolare. Per quanto riguarda Riesi, i vincitori e sconfitti, sono pienamente concorde con quanto dici anche perché gli stessi giudizi li ho espressi a suo tempo sul guest del sito. Meritate sconfitte, nella speranza che possano portare consiglio ai riesini che devono approfittarne per togliersi dalle pelotas una certa dirigente e costruirne una più credibile e responsabile. Vedo che finalmente sei rientrato nel giusto binario della discussione: IL MITICO CONSIGLIO COMUNALE DI RIESI e i suoi uomini da DU-CI-N-TU Vo-TI… e non sono mica fravecchi… Ora non mi interessa sapere chi sono e cosa hanno fatto nella loro vita, ma quello che combinano da consiglieri comunali, le loro idee e propositi per Riesi si che li voglio sapere. E se è il caso bisogna dirgli che sono incapaci, irresponsabili e incompetenti, in quanto responsabili politici che hanno in mano le sorti di un paese… Bisogna farglielo sapere. PS: Hai torto nei confronti di Aristotele, come persona, non come politico dove il giudizio è opinabile e visto gli impegni che si era preso, direi dovuto. La tua critica sul suo vissuto è stata, e continua ad essere se pur più velatamente, fuori luogo. Quando ci vogliono, ci vogliono… le scuse. E questo è il caso. Io ho DU-CI-N-TU VO-TI e puzzu farmi eleggiri quannu vugliu. Dichiarazione di un politico riesino, appena agli inizi di questa tornata amministrativa in una discussione in merito all’elezione del presidente e del suo vice. Chi è?


Autore: ruggero risponde

Caro Han, io mi assumo le mie responsabilità come il fascista ha fatto quando ha parlato dell'assessore Baglio. Io conosco questa persona da più di trentanni e t'assicuro che non era affatto come lo dipingeva lui. Così come l'assessore Vitello, sul quale s'è limitato a dire che può essere capace solo di buone arringhe perchè solo lui (io io io io io) si riteneva di risolvere le sorti di RIesi. Ma chi lo aveva designato. Lui parla di AN. Ma se a Riesi nemmeno esiste.ahahahahah,. MI fanno proprio ridere certe affermazioni. Sai quanti consensi quel partito ha preso a Riesi? Poco più di 200. La metà a quanto pare erano voti di candidati che costituivano un apropria linea, libera da AN. Se non si candidavano quest'ultimi An prendeva 120-130 voti (e forse meno). Per favore, lui rappresentava solo se stesso, con tre o forse quattro personaggi che nella vita cercano di redimersi con la politica. E no! Non è così, caro Han che funzionano le cose. Non è che "chi ha avuto ha avuto e chi ha dato hato , e quindi bisogna scordarsi il passato. Non è così che vanno le cose. Una persona non deve permettersi di giudicare gli altri solo se possono apparire simpatiche o meno. Io nella mia vita ho imparato a misurare le persone dagli atti. E quest'ultimi non mi risulta che giochino a svantaggio di tutti gli assessori della giutna CArrubba. POlitica, religione, vita sociale, famiglia sono valore saldamente uniti fra loro. Non puoi dire che una persona va giudicata per le sue idee politiche e stop, giacchèè quelle rispecchiano qualcosa di più generale. Quindi, le persone devono imparare a parlare (s). Sapersi controllare e......tanto altro ancora. Ma non voglio ritornare sulla questione perchè non m'interessa affatto. Il "MITICO CONSIGLIO COMUNALE", come lo chiami tu, sai che è prevalentemente composto da persone semplici. Questo potrebbe essere un vantaggio per l'Amministrazione. Nello stesso tempo, però, può celare i rischi dell'incompetenza. Tu scrivi che c'è stato qualcuno che si è vantato per i suoi consensi. MI hai anche chiesto chi è. Mi sembra d'aver fatto anche i nomi nel mio precedente messaggio. Ti ricordo che non è una la persona ad aver affermato quella cosa da 200, sono stati tanti, CHe come veci, però, il giudizio del popolo ha trombato. A prte la carica di consigliere comunale non rivestono fortunatamente nulla. E se continuano a boicottare l'elezione del Presidente e del vice-presidente si torveranno fuori dal consiglio. Voci di corridoio dicono che Carrubba sia pronto a chiedere un commissariamento del consiglio se questo dovesse continuare a boicottare ancora. Allora si che tutto sarebbe in discussione. Non so se verrrebbero rieletti con 200 consensi come scrivi. A presto


Autore: Hanghenghe

Tutti noi conosciamo i modi sbigativi di Aristotele... non per questo bisogna usare la stessa misura. A chi frega come ha gestito la sua vita e chi sei tu per giudicare i suoi eventuali fallimenti, o presunti tali; io posso capire se ci sono fatti di rilevanza penale e allora si che uno ne chiede conto, ma per il resto... In un lustro, anni '90, sono emigrati circa ottomila riesini, e allora? Sono tutti falliti? Nessuno puo' esprimere più la propria opinione nei confronti del paese natio? Non voglio fare l'avvocato del diavolo, ma in ogni caso la tua filippica sul privato di Ar è andata ben oltre... e siccome argomenti politici, in questo caso, non te ne mancano, anzi... potevi risparmiarti queste considerazioni. Affermi che: "Politica, religione, vita sociale, famiglia sono valori saldamente uniti fra loro". Bè... non si può mica pretendere di fare pure l'esame del sangue e delle urine alle persone, anche se i vari aspetti determinano il giudizio su una persona, non necessariamente il privato è da mettere ai quattro venti. Di politica si occupano e politicamente li giudichi, secondo i parametri che ognuno ha per interpretare la vita. L'eccesso di moralismo fa bigotto. Ora fai come ti pare, ma chiudiamo questa discussione che qui va a finire che AR diventa martire e poi ce lo troviamo santo.


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Dopo due giorni ritorno, nel Forum, cosa noto? che l'Illustre Ruggero,in un certo senso si è ridimensionato, in parte, mentre ancora mostra deficienze comportamentali.Che ancora non ti fà uscire del tutto, ad esempio mi dici neofascista, e continui a chiamarmi fascista, due sono le cose: la prima dovrei risponderti per le rime, e sarei scortese e violendo, la seconda,visto che tu mi conosci saprai che sono una persona seria, avro' tanti difetti ma sicuramente saprai che ho un grande pregio, che è quella di aver avuto una grande educazione dai miei genitori, allora faccio finta di niente, come del resto la filosofia dei frequentatori abituari di questo sito, ed anche per ascoltare i saggi degli anziani, quando dicono, che la meglia parola è quella che non si dice.Dici che ho cominciato io, mi sono andato a rileggere i mex, e devo dire sinceramente, che non ho cominciato ho solo risposto alle tue provocazioni, visto che stai facendo cinema gratuito, e siccome io non la mando a dire, ma a me piace dirle in faccia, ecco questa è uno degli altri pregi che ho,e se veramente mi conosci sai di sicuro che io non sarei stato per niente affatto zitto.Quale offesa oltragiante è stato aver menzionato una frase di Mussolini, tu hai citato Mao ed io cito Mussolini, quale è il problema?mi pare che in una democrazia ognuno puo' dire quello che vuole, gli altri possono dialogare, altrimenti come si è sempre fatto in questo sito, si passa avnti leggendo un altro mex. In tutto questo cosa c'è di male, visto che ti sei autodefinito libero pensatore.Ti sei permesso ancora una volta di dire stronzate gratuite a livello personale, poi cosa fai? dici che le tue intenzioni erano quelli di parlare di idee e non so' cosa, tu solo lo sai.Ma tu pensavi che entrando in questo forum, gli altri dovevano dire per forza quello che fà comido a te? Sai che la vita è fatta di diversità opinionale, o avere un ottica diversa dagli altri? e meno male, altrimenti sai in quale guai ci andiamo a belagarci. Gli assessori che tu hai menzionato saranno bravissimi a livello professionale, io di questi non ci trovo niente di superiore ad altri, è una mia opinione, o per forza devo dire che questi assessori sono i migliori?, ti posso assicurare, che c'è ne sono di meglio.In ogni caso vedremo dopo il mandato cosa sapranno fare.ai posteri l'ardua sentenza. E poi perchè dici cose che io non ho detto io avevo parlato, vai a controllare, solo dell'assessore Baglio, che a livello prfessionale, sarà anche un mostro, ma in fatto di socializzazione vale zero te lo ripeto io mi assumo sempre le responsabilità di quello che dico, lo fatto per una vita, io le cose non le cambio, quello che dico è bibbia, se poi mi ricredo posso anche rivedere le mie posizioni, ma ti assicuro che il maestro Baglio, non ha mai salutato nessuno in piazza.Andiamo alle altre stronzate che dici, io non sono mai stato dirigente dell'arci,sono stato istruttore a pagamento dell'arci, allenavo la squadra di pallavolo, e se la pallavolo a Riesi ha ripreso dopo anni di buio lo si deve grazie ad Arturo Testa ed Enzo Butera,questo fa parte del mio piccolissimo curriculum, quello di allenare circa 100 persone e fare fare sport ai giovani sia uomini che donne.questo significa essere sempre a contatto con la gente, ma lungi da me a pensare che ero dirigente dell'arci,L'arci è sempre stata di proprietà dei Butera, e di Buttigè servendosi di Giardina come prestanome, svegliati amico, mi sà che le cose te le debbano spiegare con il cucchiaio.A Riesi si faceva sport, senza guardare se l'ente organizzativo, si chiamava arci, libertas, don bosco, atletico riesi, san salvatore, olimpia,o suore di maria ausiliatrice, la gente andava per praticare lo sport, non per fare politica.Alfonzino Magro è stato a Riesi per tanti anni il referente della Libertas Riesi, e nel suo direttivo c'erano Comunisti, cosa vuol dire la societa' sportiva dedita solo ed esclusivamente allo sport,e non con l'occhio critico della politica, quando io allenavo l'arci di pallavolo ti asicuro che le ragazze tutto erano tranne comuniste, se vuoi ti faccio nome e cognome, ma non lo faccio altrimenti scendo ai tuoi livelli, le cose private li lasciamo, parlo sempre in generale.Sappi che se tu usi la parola FASCISTA, per uso dispreggiativo sappi che ogni volta che me lo dirai, SARO' PIU' ORGOGLIOSO DI PRIMA, mi dai una forza ed una carica non indifferente,vedi com'è la vita? a volte penso che per certa gente ci vorrebbe l'olio di ricino e manganellate, ma questo è un mio pensiero personale, perchè caso mai materia per strumentalizzazioni del mio partito.Ti avevo detto di tirare fuori le palle, e non comportarti come un coniglio, ma vedo che luy lupu perdi lu pilo ma non lu viziu.E poi vuoi veramente scendere in campo? fallo cosi' almeno ci facciamo due belle risate, vediamo un po' di che pasta sei fatto ( tranne che sei di pasta frolla),visto che qualcuno ti impreca per farlo, ma non ho capito se aspetti che le lame si affilano, o che gli altri te lo invocano , mah, chi ti capisce è bravo.lo gia' detto l'ipocrisia ti domina, è cosi', almeno dal mio punto di vista.Vediamo con i fatti le cose, non a kilometri di parole scritte.Guarda cosa ti dico, se si va a rivotare, questa volta scendo in campo come consigliere, almeno vediamo tra noi due chi prende piu' voti, malgrado manchi da RIESI da nove anni.Giusto stamattina mi è venuto a trovare un imprenditore di Riesi, che ha circa 30 dipendenti, e siccome ha preso degli appalti al nord, stiamo mettendo al punto la nostra collaborazione,i suoi occhi vanno in un opuscolo, allora mi dice questo lo porto a Riesi a farlo vedere alla gente, no gli spiego io la gente , certa gente non merita questo, perchè in queste persone prevalgono solo due cose, L'INVIDIA E LA GELOSIA.e conoscendolo, in quanto lui non sà nè di Mussolini, nè di fascismo mi dice Arturo Boia chi molla, lasciali sbattere, la verità e la realta stanno dalla tua, le cazzate trovano il tempo che trova.Devo spendere una freccia per AN a Riesi, devo ringraziare le 210 persone che hanno votato AN,con tutte le pressioni che ci sono state, e con tutte le sceneggiate, e ricatti che si sono avuti, se vai a rileggere i voti, vai a vedere come rifondazione comunista ha preso 129 voti, ed i comunisti italiani, con i vari La Rosa, Bisso, Riccobenbe, Di legami e compagnia varia ha pre 187 voti molti meno di AN,caro politologo da quattro soldi, altro che libero pensatore, a volte mi viene di pensare meno male che è libero nel pensare, se no' sai quanti casi cunsumati,ahahahah eheheh, che ne sai tu come si fa una lista, inventandola in solo due giorni, con tutta Riesi ormai impegnata, su altri frondi, visto che paravi che io e mio fratello siamo scesi in due partiti diversi come mai per una questioni di dignità, non hai menzionato i Vasta, che erano in cinque in lista, dei D'amico, che erano in tre in lista, che i fratelli La Rosa, uno era nell'Udeur, e l'altro nei Comunisti italiani, e cosi' via discorrendo caro bugiardello, ti ripeto potrei farti altri mille nomi, di parenti che erano in lista con partiti diversi, ma la differenza, è sostanziale con gli altri, noi non eravamo due in lista, in lista era solo uno, l'altro era solo designato, sono due cose distinte e separate.E sempre per essere leale e sincero, la mia proposta ad eventuale assessore me lo ha chiesto Franco La Cagnina, personalmente, in quanto conosce la mia persona, e che secondo lui potevo fare per il caso suo, cercalo di fartelo entrare nella testa, sempre ammessa e concesso che c'è l'hai.Parlando della mia persona,in un modo anche definitivo altrimenti qui non c'è ne usciamo piu', caro messia che i riesini aspettano, mezzo coniglio e mezzo bugiardino,non è arrivato l'ora di presentarti? e se vuoi confrontarti? come mai non esci allo scoperto hai paura? io non sono malandrino, cosa ti potrei fare io? povero emigrante?Qui non c'entra l'omertà che vittorio diceva, qui c'entra l'invidia e la gelosia, stai attento che cosi' di cirrosa muori, quello è un male che non perdona, sii piu' sereno, piu' tranquillo, anche perchè sto leggendo che dici di conoscermi solamente di vista, anche se io ho qualche remore, allora parli solo per fari sputazza?e ricordati che io non sono andato via di Riesi perchè morivo di fame,a casa mia non è mai mancato nulla, forse alla tua di famiglia è mancato qualcosa, visto il modo geloso che hai nell'affrontare le cose.E per certi versi ho fatto bene ad emigrare in quanto Riesi forse non mi poteva offrire quello che il NORD mi stà offrendo. Mi sono ripromesso che se ti presenterai ad agosto, spero che tu abbia per una volta un segno di orgoglio, non puoi fare lu scantatu a vita, lo dico per il tuo bene, non mi và che gli altri vivono male, vedi non sono geloso degli altri, cosa che non sono i miei interlocutori, purtruoppo,ti daro' con molto piacere il mio curriculum, e ti devo dire che è molto pieno e sostanzioso. Mi dai del fascista, parli e sparli di me a 360 gradi, dicendo un sacco di fandonie, non è forse arrivato il momento di presentarti? di tirar fuori le palle?visto che in precedenza parlavi di attribbuti.Almeno se hai qualcsa la discutiamo, la chiariamo, ti ho parlato di PARCONDICIO,ma tu sei filosofo e libero pensatore solo a tuo tornaconto, ma vedo che sei sordo, non ci senti in quella campana.Devo solo pensare che non vuoi rilevare la tua identità , perchè sai nel momento in cui lo fai pensi a quanto te ne scaricherei addosso? ti prometto che non mi comportero' come hai ftto tu, ho una mia dignità e una educazione alla base di tutto, non scendo ai tuoi livelli questo te lo prometto.Ma mi devi consentire di avere le armi alla pari,altrimenti non puoi piu' parlare di me, senza che io sappia chi ho dall'altra parte, per una questione di dignità paritaria,altrimenti devo convincermi che il libero pensatore e solamento un vigliacco vero e proprio. sempre a tua completa disposizione ti saluto Aristotele


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, non hai più scampo: devi qualificarti. Nome e Cognome. Aristotele è stato chiaro e ha ragione perchè la lotta è impari. Al momento per correttezza vince Aristotele... a te la decisione di presentarti...


Autore: Vittorio

A questo punto viene spontaneo dire “Cu ti dicinu?” Dalla rabbia che dimostri sembra quasi che Arturo ti abbia condizionato la vita! Rilassati!!!!!!!!!! Nella vita c’è chi può e chi non può!!!!! Nel senso che la volontà è una……la capacità è tutt’altra cosa! Dici di conoscere di vista Ar……ma sai che gestiva ARCI…….e tante altre cose! Immagino cosa dirai delle persone che invece conosci a fondo! “M’ARRIZZANU LI CARNI” Avrai forse qualche titolo di studio che ti fa porre (nella tua mente) su un piedistallo ma in quando a convivenza civile sei ancora all’asilo! Hai aperto una discussione che sembrava interessante, ma la tua ristrettezza mentale si è fermata al pettegolezzo, all’ingiuria e alla diffamazione! Parli di AN che non esiste a Riesi… che prende pochi voti…..è vero….. ma sai perché?????? Perché, come ho detto già in passato, non tutti a Riesi hanno le “palle” ! Non tutti hanno il coraggio di non cedere al clientelismo…… Molti a Riesi votano solo per essere nelle “ grazie” di chi conta! Questo non toglie che esistono persone anche di sinistra o di centro coerenti con le proprie idee che non si “vendono” al migliore offerente! Allora anzicchè star lì e a criticare Ar e AN, e tutti coloro che non la pensano come te prova a dare dimostrazione del tuo intelletto e delle tue idee politiche in un dialogo comunicativo e non con valutazioni gratuite e faziose! Mi sbaglierò…….ma finora hai dato l’impressione di avere tanta rabbia in corpo verso una persona e di volerti schierare a fianco di qualcun’altra nel sito……..senza risultato però… Vittorio


Autore: C.S.I.

Miiii e che successo quì?! Mamma mia chi scriviti assai...ma come vi viene sta parlandina.... quasi quasi vi invidio. ----------Ruggero e Ar fino all'ultimo sangue_______ Riusciranno i nostri eroi a superare sta discussione, e ripartire dall'inizio?________NO.________________________----- __________________________________________________________------------- ______________________________________________________________ Come potrà mai svegliarsi il nostro paese da un certo oscurantismo quando la sua classe dirigente vegeta? Non mi riferisco ai politicanti. Non me lo sogno nemmeno. Quelli non conoscono nemmeno le proprie tasche. Figuriamoci se sono in grado di avere una certa lungimiranza nella comprensione di certe problematiche. Il mio pensiero va ad altri. Chiamo in gioco i professionisti. Dove sono? Perchè latitano? Che fine hanno fatto? Dopo avere goduto di un qualche favoritismo perchè non si rendono in un qualche modo utili? Perchè preferiscono nascondersi come i topi di fogna? "CERVELLONI", USCITE ALLO SCOPERTO!!!!! E' Ruggero Settimo che vi parla. Prendiamo le redini del nostro paese. Non lasciamole agli incapaci. Avere dei consensi clientelari non fa di loro i protagonisti della vita pubblica. Siete voi con la vostra cultura che lo siete. Siete voi e solo voi che potere far rinascere Riesi come la Fenice dalle ceneri


Autore: ruggero risponde

In un'altra circostanza avevo scritto che lo scopo di questo spazio era quello di discutere. Vedo che non è stato possibile. Prendo atto che nel "Forum" partecipano attivamente alla discussione solo 2 persone, che spesso si cambiano nick e fanno sembrare che siamo di più. Dando uno sguardo agli altri forum, mi sono anche accorto come i miei due interlocutori siano quasi "onnipresenti". Direi forse UNICI, non solo per quello che scrivono ma per la presenza. Il fascista, poi, sembra che sappia tutto lui. Smbra una sorta di padre eterno. Siccome non ci conosciamo personalmente ma solo di vista mi chiedevo solo com'era possibile che lui (io io io io io io io io) quand'era a RIesi nono entrava nemmeno nella sede della Destra e poi improvvisamente..........Forse da quando AN è al governo? Forse da quando vive in un posto dove il fratello che è sempre stato di AN (DI FATTO E NON DI NOME ANDANDOSENE AD OPERARE CON L'ARCI) gli fatto fare un "mea culpa"? Ahhhhhhhh!!!! Allora?????? Questo non è appartenenza politica. E' qualunquismo e opportunismo. Niente da dive invece al fratello che, non conosco personalmente, ma mi risulta militante attivo DA SEMPRE E NON DA QUANDO AN HA VINTO LE ELEZIONI. QUalcuno, non so se è il fascista sotto le mentite spoglie, dice che qui scriviamo tanto e se riusciremo da eroi a superare chissà cosa. Voglio ricordare a questo soggetto che non sono un eroe. GLi eroi e la cultura del superomismo appartiene al fascista. QUindi è lui che può rispondere. Infine, ribadisco che qui non si tratta di dire chi sia o meno. Questo poco importa. Siete stati voi a presentarvi. Nessuno ve l'ha chiesto. Questo non significa che anch'io......Magari quando sarete a RIesi per le ferie potrò avvicinarmi a voi e presentarmi dal momento che vi conosco solo di vista e con voi non ho mai avuto nulla a dividere. Il fascista potrebbe essere un mio fratello minore. Han addirittura un figlio. Arivederci


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, tutti cosi tu facisti... Comunque aspetto ancora le VERE provocazioni che sono state da parte tua solamente evocate. Arrivederci dagli onnipotenti e onnipresenti del sito... mi scuso se parlo anche a nome degli altri.


Autore: Vittorio

X Ruggero "..............Magari quando sarete a RIesi per le ferie potrò avvicinarmi a voi e presentarmi dal momento che vi conosco solo di vista e con voi non ho mai avuto nulla a dividere...." Attento a non avvicinarti troppo con tutte le persone che si muovono in piazza ti possono schiacciare.......forse lo meriteresti......o forse no....perchè... sporcare la suola delle scarpe???? Dato che ti piace dare appellativi, da oggi in poi ti chiamerò coniglio scusandomi con la categoria!!!!!!! X Ar Devi essere orgoglioso di essere al centro dei pensieri del coniglio...... Sembra che sei .....l'ombellico del mondo!!!!!! hahahahaha X Hag preparati qualcuno ti vuol far da BABBO!!!!!!!!!!!! hahahaha


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

il fascista risponde: Come al solito le tue c...te fanno si' che io possa risponderti e come al solito sconfessarti,a me piace farlo,da premettere che io le cose che so' sono quelle che in genere frullano per la mia testa, le cose che non so' no nè parlo assolutamente, cosa contrario mi pare di notare nelle tue posizioni, sei entrato per discutere, e poi invece hai trasceso nei discorsi, fino a metterti nella tua fissazione la mia persona. Andiamo con ordine,una cosa dimostrabile sono tesserato prima al MSI e poi ad AN, fin dal 1996,tessera alla mano. AN è andato al governo per la prima volta nel 1995 con il primo governo Berlusconi, il sottoscritto già nelle politiche del 1992, ha sostenuto il candidato Blanco, poi nel 1994,personalmente, ho sostenuto alle europee il candidato ITALO ANDOLINA, puoi verificarlo chi ai tempi mi è venuto a cercarmi per farsi raccomandare i figli che erano iscritti in Giurisprudenza a Catania,come al solito non faccio nomi, per non entrare nel personale, ma quando avrai il coraggio di uscire fuori ti faro' nomi e cognomi,dicevo quando la voglia di coniglio ti passerà, Il sottoscritto Fascista come tu mi definisci, guarda che per me non è un offesa, anzi come detto in precedenda mi rendi ancora di piu' orgoglioso. Nel 1994 faceva parte del Direttivo Provinciale del MSI, puoi sempre verificare, telofona al ex segretario Gianfranco Fuschi, che ti potrà dare conferma.sempre nel 94 il sottoscritto partecipava nel villino di Ciocione, a casa della signora Fiorenza candidata per AN al comune come candidata sindaco,puoi sempre verificare, quindi caro buggiardino-coniglio, quando la smetterai di dire cavolate sarà sempre tardi. Ti ho già riferito che il sottoscritto era istruttore nell'arci di Riesi, e pure pagato a mensile,se te lo vuoi fare entrare nel cervello. Se fossi in te, darei le genaralità cosi' almeno ci potremo divertire un po'. altro che se potrai ad agosto ti presenterai. Tu dici che nessuno ci ha chiesto di presentarci, se è per questo quando sei entrato nessuno te lo aveva chiesto, ma ti si è chiesto dal momento che parlavi e sparlavi di persone, senza che questi possono avere pari dignità nel confronto, perchè le tue illazioni false e bugiarde hanno prevalso sui tuoi presupposti iniziali. e QUANDO SI ATTACCANO LE PERSONE POI SI DEVE AVERE IL CORAGGIO CIVILE DI, AVERE APERTO IL CONFRONTO, e non scantarisi cumu li carusiddri di due anni.altro che puoi essere un mio fratello maggiore, con la tua testa che porti nemmeno mio nipote di 3 anni puoi essere, altro che fratello maggiore. Comunque non ti offendere mi stanno bene i 5 fratelli che ho mi bastano e mi avanzano. Se avessi avuto un fratello come te, di sicuro mio padre sarebbe andato al comune a cancellarti dallo stato di famiglia,tu con le tue sparate, non puoi appartenere ad una buona famiglia,anche se politicamente, qualcuno la pensa in un modo diverso,ma la dignità, la personalità, l'accortezza verso il prossimo di sicuro non abita a casa tua, mi dispiace dire queste cose, ma lo hai voluto tu con il tuo comportamento, non in ultimo nel tuo ultimo mex, ma sono sicuro che le persone che leggono già ti hanno pesato quanto pesi,in ogni caso sia io che Hang, assieme a qualche altro scriviamo tantissimo perchè di comune accordo, vorremmo sempre ammesso che ci riusciamo a coinvolgere tutte le persone che lo vogliono, a contribuire alla crescita di questo bellissimo sito, se per te, sono altre le aspirazioni io personalmente non ci posso fare niente. Personalmente, ha già un bel po' che uso solo ed esclusivamente un solo nik, che si chiama ARISTOTELE. Carissimo amico concludo dicendoti che è meglio essere FASCISTA che CONIGLIO,tutto il resto va cuntalu a meccia. ti saluto e sempre a completa disposizione. Aristotele


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

errata corrige, leggasi tesserato dal 1986 e non 1996. con questo caldo è normale sbagliare, ed errare umanum est. ciao a tutti Aristotele


Autore: ruggero risponde

Caspita!!!! Ma allora è proprio vero che "chi si scusa s'accuca". Perchè il fascista arriga una lunga serie di persone (saranno magari reali? CHi li conosce? E nessuno vuole poi avere il piacere (dis)) Chiedi a questo o quell'altro. E perchè mai dovrei? Cosa dovrei constatare? E poi il fatto che uno di quelli ti abbia permesso di portargli la borsa o di attaccargli i manifesti cosa dimostra? NUlla!!!!!!!! POtevi (ANZI SICURAMENTE LO ERI) essere solo lo strumento di cui s'avvalevano per aver un punto di riferimento a RIesi. ma pensa un pò come dovevano proprio cadere. N.B. COn tanti istruttori qualificati che c'erano a Riesi perchè l'ARCI, DICO L'ARCI, doveva PAGARE un fascista? Ma cerca di esser più convincente! Il fascista parla di tessere quando a RIesi non esiste una sezione politica della destra degna di tale nome da almeno 20 anni. Forse aveva contemporaneamente la tessera del fascio di bergamo e della CGIL di Riesi? POSSIBILE; anzi POSSIBILISSIMO E CERTISSIMO. E a te, Han, voglio dire che provocare non significa fare sproloqui inutili sulla gente. Vedi il caso del fascista. Quando io ho citato l'esempio di quella famigli acon tre candidati diversi in tre aree, nemmeno sapevo che il mio interlocutore virtuale fosse uno di quei tre fratelli. E' stato lui a risentirsi duramente. COME MAI? Poteva parlarne CIVILMENTE. CI sarà comunque modo di ritornare sull'argomento. A presto


Autore: Vittorio

Dove prendi le tue notizie?????? Dal giornalino di topolino o forse meglio dei Ratti?????????? Informati bene la sezione di An e prima del MSI è sempre esistita anche in periodi "neri", e alcuni membri della famiglia di Ar ne hanno da sempre curato l'apertura "pagando" a volte personalmente! Sai.......non tutti seguono il vento.......non tutti sono conigli come te!!! Abbi almeno la dignità di non dire fesserie e sciaquati bene la bocca prima di parlare di cose che il tuo piccolo cervello di gallina non può minimamente capire!!! Un'aia a tuo cospetto sembra un gran Galà!!!!!! Vittorio P.S. Le mie non sono offese rivolte a te ma alle povere bestioline che ho accomunato a te(e di questo mi scuso).


Autore: Hanghenghe

I "CERVELLONI" DI RIESI - Mai titolo fu cosi azzeccato. E basta. Francamente....


Autore: Rametta (emigrato)

"Accussi 'm'pazzi rametta", Ma facitimi un piaciri, sia Han che AR, 'nun ci dati apprissu! Unu ca nasci tunnu 'nun pò moriri quadratu! AR, ti l'arricurdi... "Carnalivaru ié.. cu lu fà.. o cu ci và apprissu! Dopu li sparati 'ca fattu stu pizzu di galantumu,,lassatilu stari... 'nun ci nesci nenti di precisu, sulu sparati... ca parinu la maschiata di la Madunna! Salutammu e cacciammu!


Autore: ARISTOTELE

IL FASCISTA RISPONDE AL CONIGLIO: Dicevo di informarti, solo perchè quello che io dico risponda a verità. ponendo a tutti i frequestatori, la libertà di verificare le cazzate che dici, solo per sconfessarti.E chiaro che io non devo dare conto ne a te ne ad altri. Non ho mai avuto tessera della CGIL, quella della arci si, solo come atleta, perchè obbligatoria per l'assicurazione. A riesi mio grande cervellone,( di gallina) ci sono forse istruttori di pallavolo, ma se ci permetti io sono , anzi lo ero perchè adesso non mi dedico piu' allo sport, uno dei migliori, non solo di Riesi ma di tutta la provincia di Caltanissetta. Modestamente sono stato selezionato, per la rappresentativa siciliana di pallavolo, sia nell'under 14 che nell'under 16, ed assieme a Lillo Turco forse siamo stati considerati i migliori della pallavolo che Riesi abbia mai avuto. Beh risponderti sulle altre cose, mi secca, in quanto con te siamo sempre a punto e a capo, solo una cosa ti rispondo, quando tu hai citato la storia dei tre della famiglia, non è che mi abbia risentito, non sono cosi' stupido di farlo, in quanto risponde a verita', anche se poi ti ho spiegato che in lista alla fine c'è andato solo uno, ma tu continui a fare il co....ne cosa ci posso fare io.Ma tu carissimo genio da strapazzo lo hai detto appoosta,solo per farti rispondere e cercare di avere qualche spazio, visto che nessuno ti caga.Il Fascista, non è stupido, anzi se vuole ti conta i peli, che hai sul fondoschiena.Il MSI e poi AN, hanno avuto sempre tesseratiu, pochi ma buoni,negli altri partiri tanti, con la tessera pagata da alòtri, solo per dire siamo in tanti, ma del resto sostanza zero. Mi riprometto alla prossima di farti fare ancora la figura del mi.....ne in quanto scrivero tutti 9i risultati ottenuti da tutti i partiti, sia nel 98 quando ando' Miccichè che nelle ultime del 2003, cosi' confronteremo tutti i voti di tutti i partiti, cosi' ti renderai conto dei partiti che realmente hanno perso, li ho, devo solo scriverli in quanto sono tanti, e poi ti scrivero' tutte le famiglie diu Riesi che nelle ultime elezioni erano in campo, e li ci vuole un giorno intero per trascriverli. Carissimo CONIGLIO il FASCISTA ti saluta, augurandoti sempre di avere qualche volta una punta di orgoglio e uscire fuori, sono sicuro che non lo fai, perchè tu mi conosci abbastanza bene, e da li sai che te scarichero' tantissime e poi vedremo quanto vali realmente, mio caro pensatore libero di dire minghiate, a te le conclusioni mio Coniglio, mi sto' pure affezionandomi a chiamarti cosi',comincio a provarci gusto, non è da tutti giorni parlare cu un scantato coniglietto ahahahah eheheheheh ciao e sempre a tua completa disposizione.Aristotele


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Hai ragione Rametta, carnalivaru ie' cu ci va apprissu, ma a li voti na pirsuna, vulissi fari del bene, in questo caso mi ero ripromesso di aggiustare Ruggero, sai solo alla morte non c'è rimedio, quindi a Ruggero con un po' di sale, e un po' di buone maniere, magari il miracolo lo si riesce a fare. Comunque accettero' il tuo consiglio, lo lascio perdere, sempre augurandomi che ad agosto si presenta, cosi' gli faccio fare il fratello maggiore,a lui forse gli piacerebbe, forse è figlio unico di madre vedova, e magari ha invidia e gelosia che io abbia una famiglia numerosa, chi lo sà? magari mi vede come un fratello minore che non ha? mah vallo a sapere. ciao ti sei divertito in vacanza? ciao ci sentiamo Aristotele


Autore: Hanghenghe

Pubblico Ministero Ruggero - Capo di accusa a carico di Aristotele: Inscritto all'ARCI con la tessera di fascio in tasca. ---- Se la cosa ti puo' far piacere, AR, di iscritti fasci all'ARCI ce nè a migliagia in tutta Italia, e per diversi motivi; Per esempio nel circolo ARCI, dove ce anche la sede di una U.B. DS, ci sono iscritti un migliaio di anziani della zona e di tutti i tipi e colori, comprresi i fasci quelli veri, quelli che ora hanno ottantanni; Ora se si considera che la stessa struttura contiene la sez. dell'ANPI, capite che bella frittata è! Ma non è così e questo è un valido esempio del ruolo sociale che svolge l'ARCI: Partigiani e fascisti.. sono pochini a dir la verità, quelli veri, insieme a giocare a carte e a litigare. L'ARCI è una associazione e come tale iscrive a prescindere dall'appartenenza anche se le linee politiche sono dell'area della sinistra. ---- A tal proposito vi voglio raccontare un aneddono a proposito dell'ARCI riesina. Quando è stata inaugurata, io e mio fratello carusazzi, eravamo stati invitati da uno dei dirigenti dell'allora PCI riesino. Vestiti in pompa magna per l'evento, ci presentiamo al circolo e troviamo alla porta l'omu chiù cacatu ca riesi canusci... un socialista. Questi ci invita ad andarcene perchè la festa jera privata - festa privata dentro il circolo dell'ARCI e già questo... - ma noi insistiamo per entrare perchè invitati, e soprattutto chiediamo di fare la tessera: ma stu pizzi di cacatu si rifiuta di farla, come legge prescrive tra l'altro. Come al solito ci voleva la raccomandazione perchè non eravamo della cerchia di stu cacatu... socialista e di sinistra, a suo dire! Alla fine ci siamo rotti le palle, anche perchè c'era aria di nobiltà e cacatismo a tutto spiano, e ce ne siamo andati... Anche se le palle ci giravano visto il comportamento di questo cacato. Anche per iscriversi al circolo ARCI ci voleva la raccomandazione. Vuol dire che AR aveva una raccomandazione più potente della nostra... concedimi la battuta AR.


Autore: ruggero risponde

Mizzica!!!!!! Ma questa na bomba è! Han che mi dici? Davvero? Allora può darsi che il fascista aveva due tessere e a seconda di dove si trovava tirva fuori quella giusta. Ora si che si comincia a capire per il fascista si faceva il comunista o il fascista a seconda delle circostanze! Caro Han sè fors eil solito qualunquismio all'italiana? Probabilmente si! I "cervelloni" di Riesi lo sono sempre stati. Si sono sempre mossi abilmente nello scacchiere politico e sociale paesano. In questo modo si spiega l'aneddoto di Han comunista incallito cacciato dall'ARCI e dello pseudo fascista "pagato" come se era una professionista. Non mi risulta che avesse un quache patentino di istruttore o che fosse un insegnate ISEF. E poi lui dice di essere il mioglio. Ma "lu sceccu ca s'avanta ha statu mai bunu?". AI posteri l'aurdua sentenza.


Autore: Vittorio

Ma il coniglio non aveva detto che non conosceva Ar????????? Come fa a sapere che non ha un diploma isef???????? Dimostri sempre più la tua codardia......nascondersi dietro un nick per offendere una persona che forse ti ha rotto....le scatole! E' questa la tua vendetta??????????? Devo dedurre che sei una persona così frustrata da non accorgerti di come stai strisciando! Mi viene il voltastomaco a pensare che tra i miei compaesani esiste un verme come te! Il "fascista" come lo chiami tu......ti fa così tanta rabbia??????????? Ti fa così tanta paura......da non dire chi sei????????????? Ti fa così tanta ombra???????????' (data la mole...... questo forse lo capisco heheheheeh) A proposito dell'aneddoto "lu sceccu ca sa vanta ha mai statu bunu?" Due sono le giustificazioni per uno che parla di sè.......o perchè è presuntuoso......o perchè si sente così sicuro di quello che dice che può sostenere qualsiasi confronto........ma tu questo non puoi capirlo......coniglio come sei non riesci manco a sostenere il tuo nome e cognome ...che deve essere molto imbarazzante per non aver il coraggio di dirlo, sarà un cognome poco edificante che rispecchia chi sa quali brutture e pasticci.......papino sei........oltre che verme!


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

IL FASCISTA RISPONDE AL CONIGLIO: Illustre coniglietto scandulinu, che c'enta qua vantarsi, io ho solo constato i fatti, sono gli altri che dicono che a Riesi i migliori della pallavolo sono stati Arturo Testa e Lillo Turco, non per questo abbiamo portao le nostre rispettive squadre in serie D , sia la maschile che la femminile. Per quanto riguarda l'ISEF, ti assicuro che non ho frequentato l'ISEF, anche se potevo farlo, avevo altre cose per la testa, se pensi che tanti riesini si sono fatti raccomandare da certi miei parenti, per superare gli esami, pensa tu se potevo liberamente prendermi quel tipo di diploma di laura, io a stento mi sono comprato il diploma di geometra altro che perdere il tempo sui libri. Ma la pallavolo è stata la mia passione,ho fatto il corso di allenatore a Caltanissetta ed ho avuto il patentino di allenatore, ma prima avevo quello della PgS,tramite la Don Bosco Riesi, dove io sono cresciuto, e me ne vanto, cioe' L'ORATORIO DI RIESI, l'unico secondo me centro di aggregazione giovanile, tutto il resto rimane merda. Lungi da me vantarmi, sono sempre stato io personalmente a dire che lu sceccu ca si vanta nun na mai statu bunu, qui il discorso e ben diverso, e tu lo sai, visto che mi conosci benissimo, ha ragione Vittorio che altrettando mi conosce bene, a volte colui il quale parla di se, è solo perchè si sente le capacità al confronto, quello che purtroppo non hai tu, che sei e rimani il conigliodi sempre. Aspettero'ì agosto con ansia, vedremo se avrai il coraggio di presentarti, anche se credo l'opposto contrario, sei troppo ipocrita, secondo me non hai le palle per dichiararti, e questo la dice lunga sulla tua condotta culturale che hai, altro che rivoluzione culturale, una persona che si scanta pure a dire il suo nome, non puo' altro che starsene a casa e scrivere di nascosto, perchè i conogli solo quello sanno fare e niente piu'. Sempre a tua completa disposizione Il FASCISTA saluta il CONIGLIO,. P.S. se mi dai l'indirizzo ti mando le carote. un arrivederci Aristotele


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, ho voluto dirti che l'ARCI non chiede tessere di partito per iscrivervi e che al suo interno ci sono iscritti di tutti i tipi. La stessa cosa vale per esempio per i sindacati, compresa la CGIL e qualsiasi altro tipo di associazione non partitica. Cosa diversa è per i dirigenti che sono generalmente dell'area della sinistra per quanto riguarda le organizazioni di che si ispirano a idee di questa area. La tua accusa ad AR suona inconsistente, a mio avviso, e siccome la cosa la stai facendo troppo lunga ti consiglio di presentarti almeno così AR ha la possibilità di difendersi che è la cosa più giusta. Di "CERVELLONI" a Riesi, che si sono mangiati lu paisi, ce nè quanto ne vuoi e non vedo quale danno ha procurato AR facendo l'ISTRUTTORE presso l'ARCI come pallavolista. Se devi parlare di "cervelloni" di fatti ce nè quanti ne vuoi; di argomenti con uomini responsabili di storture si puo' fare un libro voluminoso; e mi riferisco a uomini di destra e di sinistra, passando soprattutto per il centro. Per quanto riguarda la mia esperienza con L'ARCI riesina io non sono stato cacciato dall'organizzazione ma da un pizzu di merda, presuntuoso, e siccome la cosa non mi interessava non ho insistito sull'argomento iscrizione... anche se alcuni componenti della mia famiglia si sono iscritti con itruttore AR per il settore pallavolo.


Autore: ruggero risponde

caro Han dato che presumi di sapere i nomi dei responsabili dei mali del paese perchè non li fai? perchè te li tieni per te? perchè con parli con una prosopopea da vittima? ti ritieni legititmato a farlo solo perchè le situazioni ti hanno costretto ad emigrare? anche a Riesi si può assumere lo stesso tono! Tranquillo!!! Anche pur non essendo figlio di zolfataio appartenente alla categoria protetta che ti permette di occupare (IO DICO INGIUSTAMENTE) un posto di lavoro che dovrebbe essere messo in discussione. E il nord, caro amico, mi insegni che è pieno di gente che ha usufruito di questi vantaggi e ora si crede in diritto di dire a RIesi come stanno le cose (SENZA PERO' FARE I NOMI DI QUANTI HANNOOPERATO IL "RATTO DI RIESI") Se tu e il fascista, che interviene anche con altri nick. vi sentite danneggiati da qualcosa o da qualcuno segnalatelo alla magistratura. Ma attenti!!! Dovete avere le prove per farlo, altrimenti.......son cazzi vostri. Diteli nel forum o nel guest i nomi di chi pensate vi abbia direttamente o indirettamente arrecato un qualche danno. Parliamo di questi soggetti. Perchè non è sulle loro presunte (finchè non c'è un giudizio definitivo mi appello al beneficio del dubbio) maleffatte che vi attaccate? SE pensato che tizio o caio sia responsabile di qualcosa abbiate il coraggio di denunciarlo. Invece siccome èè troppo facile sputare sentenze si preferisce conoscere il nome e cognome del sottoscritto (vuoi vedere che magari il responsabile dei loro "guai" sono io?) Ripeto poi l'ennesma cosa. Io non conosco affatto il fascista. Ho preso solo qualche inforamzione in piazza dopo che ho ripetutamente letto io io io io io io io elevato all'ennesima potenza. I suoi messaggi erano ripetuti autoelogi. A proposito, ma non dovrebbero essere gli altri a dirci se noni siamo o non siamo qualcosa? Se valiamo qualcosa? Le dicerie sul fascista erano di duplice natura: positive e non. Non sto qui a ricordarle. Sono un signore e preferisco non indagare sulla vita degli altri. Quando però gli altri preetndono di diventare personaggi pubblici inevitabilmente si sottopongono al giudizio popolare. QUesto bisogna entrare bene in testa alle persone. Vorrei infire ricordare ad Han che quiello che dice sul'Arci è vero sino ad un certo punto. Sono convinto che un comunista convinto non avrebbe mai fatto parte del circolo culturale e sportivo della destra o della cisl. Certi comunisti ricordo erano come "scecchi arrinati". Non entravano in certi negozi solo perchè appartenevano a demoicristiani o fascisti. Certi fascisti che ho conosciuto a Torino dove ho vissuto per alcuni decenni non sono stati da me. Qui non è un problema di essere o non essere intelligente. COme un vero comunista non sarebbe amai andato a dar man forte ai fascisti e si sarebbe adoperato per fare qualcosa per i suoi anche un vero fascista non è stato da meno. Mi è stato detto che il fascista, che dice di vantare chissà quale DNA politico, ai tempi del MSI non entrava nemmeno nella sede del partito (DOpo l'avvento di Berlusconi e di AN Però si!) E lasci stare in pace il suo povero zio che era segretario di partito ma non lo votavano nemmeno i suoi familiari più stretti. MI è stato detto che il MSI prima e AN dopo sono sempre stati "in mano di nessuno". Allora io mi chiedo: " se lui era quel grande genio che dice di essere (Io io io io io) perchè anzicchè frequentare l'ARCI non entrava nella sede del MSI, formando una squadra lì. E no! NOn poteva! Forse il suo datore di lavoro gli avrebbe controllato il voto e non l'avrebbe permesso. Forse gli era impossibile quando Riesi era, dicono, "il feudo elettorale di Alaimo e Butera". Il quel periodo il fscista cosa faceva? DOve si trovava? Personalmente non è che mi interessi tanto mi ha dato fastidio il suo raccontare le cose. Lui non era mai stato nei posti che diceva, vi si era vvicinato solo agli inizi degli anni '90. Ma prima dove'era? ALL'ARCI?????? bel modo di fare politica e di pretendere di essere il futuro assessore fascista. Ma evidentemente le stesse corporazioni fasciste non lo hanno voluto. Hanno impedito a La CAgnina di vincere. Magari se al posto del fscista o di certi altri "cervelloni politicanti" ci fossero stati altri soggetti, chissàààà......Forse Carrubba non sarebbe nemmeno sindaco. Ma possibile che le segreterie della CdL non sia siano accorti di tutto questo? Non penso che a Riesi la destra non potesse esprimere un personale politico culturalmente preparato e alla'ltezza della situazione. Sono venuto a Riesi in occasione di un comizio della CdL. CHe vergogna!!!! TUtti sull'attenti come i soldatini di piombo ad ascoltare l'inno nazionale. Si sono però accorti dela gaffe e alprossimo comizio non si sono resi ridicoli. Non per l'inno s'intende, che offendevano. Ma perchè sembravano una squadra di calcio di terza categoria che si preparava ad incontrare la più forte nazionale brasiliana. Possibile che il fascista e gli altri non sono stati così acuti da capirlo? MIa nonna buon'anima mi ripeteva "cu la la'rti ca nun canusci li so dinari diventanu musci". Riesi avrebbe mai potuto esprimere una classe dirigente da squadra di terzo mondo? A RIesi i numeri hanno fortunatamente detto NOOOOOOOOO! E il fascista per questo si sta rodendo. Per quanto riguarda la mia identità non ho alcun problema a rivelarla. Non la ritenevo importante nel discorso. Ma se proprio si insiste.... Mi chiamo Giordano Bruno, 55enne, riesino da due generazioni. Da più di trentanni vivo a Torino, dove lavoro nella pubblica ammiistrazione. Tanta gente o non si ricorda di me o non collega il mio nome a qualcuno anche perchè i miei nonni venivano da San Cataldo. Sono vissuto a Riesi sino all'età di 16 anni. Torno spesso a Riesi. Ormai sono prossimo alla pensione. Non ho figli e pertanto radici torinesi. COnto di trasferirmi in paese non appena potrò, ma sino ad allora dovrò "penare". Tranquilli! A Riesi mi darò da fare e alla grande. Vedrete. A presto


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, ti devo rispondere perché mi accusi di usurpazione di posti di lavoro. Giusto o sbagliato che sia, è una Legge dello STATO ITALIANO e chi ha potuto ne ha approfittato. In ogni caso questa Legge è stata cambiata e la “miniera” dei posti di lavoro è finita. Mi dici di fare i nomi e i cognomi di coloro che hanno fatto le malefatte e di riferirli alla magistratura. Non sono un poliziotto e non faccio indagini penali. Il mio discorso si riferisce alla politica e per vedere le nefandezze che sono state fatte basta che ti vai un giro intorno a Riesi e osservi per renderti conto di come sono stati spesi i soldi pubblici e del disastro che è stato fatto sul territorio: dedurre è facile e lo lascio fare a te. Per non parlare del disinteresse dei problemi cha ha avuto Riesi in questi ultimi anni e il riferimento è alla crisi del poli tessile riesino. Personalmente mi limito a dire la mia sulla politica, sulle scelte, e sul modo di comportarsi politicamente da parte di una certa classe che dovrebbe essere dirigente. Ma da qui a giudicare il vissuto personale ce ne passa. Per quanto riguarda Aristotele la tua filippica di accuse sul suo vissuto era, ed è, fuori luogo e ammettere di aver esagerato non sminuisce nessuno. Se poi vuoi fare analisi politica su AN a Riesi, sul perché ha perso la C.d.L. nessuno te lo vieta… anzi. Ognuno ha già espresso il suo parere in merito mettendo sul piatto della discussione svariati argomenti e ipotesi. Ora se lo vogliamo spostare in questo senso il discorso nessuno ha da ridire e anzi mi metteresti nella posizione che più mi è congeniale: Attaccare Aristotele dal punti di vista politico.


Autore: Hanghenghe

Ruggero è Giordano Bruno... mah! Sarà vero? Troppo rivoluzionario è sto nome e cognome... hehehehe... mah!


Autore: Rametta

Caro cervellone non riesino, ma oriundo sancacaldese e torinese, oggi. Mi spieghi un piccolo dettaglio, per favore, come puoi essere a torino ed informarti in piazza sul fascista? Oltre che cervellone mi sà che possiedi il dono dell'ubiquità! Ascolta bene, perché : 1. Se vedo qualcosa ci credo a metà. 2. Se mi raccontano qualcosa ci credo poco 3. Se faccio qualcosa : l'ASSUMO! Allora rifletti TU a quale categoria puoi attingere le tue affermazioni! Ciao


Autore: Angela

………..E lasci stare in pace il suo povero zio che era segretario di partito ma non lo votavano nemmeno i suoi familiari più stretti. MI è stato detto che il MSI prima e AN dopo sono sempre stati "in mano di nessuno"……….. Carissimo Ruggero , lascia che ti informi di alcune cose visto che sei piuttosto confuso………………. Lo zio di Arturo, cioè mio padre, è stato consigliere comunale eletto nelle liste del MSI insieme a F. Bufera ( ancora in vita) quando era segretario del MSI e il partito poteva contare su circa 1300 voti, poi per incompatibilità istituzionale con il proprio lavoro ha dovuto lasciare la segreteria e il seggio di consigliere. A settanta anni ha ereditato un partito ormai alle soglie del collasso perché con i vari governi di centro molti i giovani, per un posto di lavoro hanno “venduto” le loro idee ( FORSE TRA QUESTI C’ERI TU). non essendo un “giovanotto” ha dovuto cedere il passo nella speranza che qualche giovane potesse riportare il partito ai “vecchi” tempi (in questo periodo non si è MAI candidato). Non aggiungo altro perché scenderei nei particolari…….e non è mia intenzione farlo…..E non lo meriti nemmeno!!!! Le tue manipolazioni ( giusto per usare termini civili) cerca di dirigerli da un’altra parte! Angela P.S. per essere uno che conosce la famiglia solo di vista te ne stai interessando un pò troppo, raccogliendo illazioni e pettegolezzi! Sai cosa diceva uno che non ho conosciuto……….”MOLTI NEMICI TANTO ONORE” e di questo me ne fregio……tu… non credo!


Autore: Hanghenghe

Angela... Angela... Angela!... ancora cu sti frasi:""MOLTI NEMICI TANTO ONORE” e di questo me ne fregio……tu… non credo!". Occhio Ruggero che a TISTATI ti piglianu, e ce nè: di fine, di raffinate, di grosse e di dure... molto dure... che ti possono far male.


Autore: Hanghenghe

A cintu messaggi il Web regala u palluni di curiju. Sotto che siamo vicini al traguardo. ------ E se fosse tutta una burla di qualche simpaticone? Sarebbe da.... fargliela pagare e cara.... come minimo a spese sue in vacanza. Sta cosa è talmente farsesca che solo una burla potrebbe giustificarla.


Autore: Rametta

Hanghenghe, per alcune persone le TESTATE sono troppo importanti e dignitose per darglierle, per alcuni basta "na sputazzata"... ma mi scantu a dalla... pirchi 'nun sacciu si sapi natari". E si poi s'affuca? Chi la pagari pi bunu? Ciao


Autore: ruggero risponde

Vedo che siete permalosetti in tanti. Non ho parlato male dello zio Angelo. ANzi... Intendevo distinguerlo dal fascista io io io io io che da oggi chiamerò NARCISETTO. NARCISETTO probabilemente è un omino grosso grosso dal cervello piccolo che ha bisogno delle fortune degli altri per avanzare le sue. NARCISETTO aiaiaiaiaiaiaiaia. Han vedo che quando si deve toccare il nocciolo della situazione ti tiri indietro. Alla faccia del coraggio. Evviva l'omertà di Han, che giudica il cinquantennio democristiao quando gli fa comodo e lo difende nel caso inverso. Abbi almeno il coraggio di dire che era una legge ingiusta. Ingiusta due volte. Primo perchè dava una grossa pensione (compreso l'infortunio a chi era sano e vegeto) alla faccia dell'onestà. Secondo perchè privileggiava i figli di questi poveri infortunati di miniera dando loro campo aperto. Non la invochi ora la giustizia? E che fine ha fatto la par condicio? Caro Han quando tu vivevi in una famiglia che a Riesi tutto sommato scialacquava nel "benessere" (4-5 milioni a RIesi garantiscono un benessere) io sono dovuto emigrare. A SOLI 16 ANNI. Ho fatto i mille mestieri. E poi anche tu sei stato privileggiato. Non hai avute le stesse opportunità di tanti altri tuoi coetanei. Abbi il buon gusto di non dire che era una legge dello stato, proprio quello stato democristiano che tanto sparli e accusi. Avrei voluto proprio vedere come te la saresti cavato al mio posto. NARCISETTO stia pure tranquillo non rappresenterà l'oggetto dei miei prossimi messaggi. Manco se si trattasse di "ciccio capuccio napoli!!!!!". Ora passo e chiudo. P.S. Volevate conoscere la mia idendità e ne dubitate allora....... Sono stato di recente a Riesi e mi tengo informato su quanto accade con alcuni miei cari amici d'infanzia. Ecco spiegato come mai sono a conoscenza di alcune cose


Autore: ruggero aggiunge

Dimenticavo. Forse queste cose non si devono dire? I panni sporchi si lavano in famiglia? Nessuno può far notare , ripeto, che "u sceccu ca s'avanta nun na statu mai bunu?" Angela non c'entra niente tuo padre. E' stato Narcisetto che l'ha invocato.


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, dici che mi tiro indietro quando si arriva al nocciolo della situazione perché pretendi che faccia nomi e cognomi; e io ti ribadisco che le firme della dissennata gestione del territorio riesino sono stampate sulle strade, autostrade, sbancamenti, eccetera, di cui il territorio riesino è stato circondato. Nomi e cognomi, quando è stato possibile farli, ne ho anche fatti e se vai a leggere i vecchi messaggi li trovi: di destra, di sinistra, democristiani compresi. T ripeto che non sono un poliziotto, e neanche un magistrato, per fare accuse dirette, ma quello che è sotto gli occhi di tutti, e si vede, cerco di metterlo in evidenza con il mio (ribadisco il mio) senso critico. Ora se la cosa ti infastidisce non ci posso fare niente. Sai, un conto è l’omertà un’altra cosa è la delazione, e un’altra ancora è la critica sulle cose. Se un opera è fatta senza criterio non necessariamente è un reato ma rimane un opera inutile. E la dissennata gestione dell’urbanistica riesina è emblematica. Ora sappiamo tutti che queste opere inutili il criterio ce l’hanno - e che criterio – ma non puoi pensare che uno possa mettersi a fare denunce pubbliche accusando di reati specifici le persone coinvolte, anche perché non le conosco… tutte; la cosa come minimo porterebbe a delle denunce - come minimo - e francamente non è il massimo del desiderio; se poi sei disponibile a pagare gli avvocati e a istituire un fondo posso anche pensarci… ma non credo che lo farei…. Sai… la pistola sulla testa dei siciliani…. Io non posso provare direttamente ma politicamente, se ci permetti, quello che ho da dire lo dico. Se un opera è inutile, e con l’aggravante di aver arrecato danno al territorio, come minimo occorrerebbe farlo notare. Se poi la cosa ti infastidisce: chi se ne frega. In merito al collocamento obbligatorio che dirti c’era una legge e chi ha potuto e voluto ne ha approfittato… dov’è lo scandalo. Anche se devo dirti che la democristianità è arrivata anche li a fare raccomandazioni ad approfittarne. Ma lasciamo perdere, e se sapessi i casini che abbiamo dovuto fare per fare applicare la LEGGE che se pur un diritto, piaccia o meno la cosa, era in un certo qual modo controllato. Certamente è/era un privilegio, e chi lo nega e lo ha mai negato, ma ti ripeto è/era una Legge dello Stato. Dici che sei emigrato e che in quel periodo i zolfatai vivevano nella bambagia, ma sei male informato perché proprio in quel periodo, quando sei emigrato te, pagavano a se misi a se misi e tutto questo benessere non c’era… E’ arrivato dopo… questo benessere… e alla faccia di li democristiani che si rudivanu perché non potevano ricattare li surfarara, o parte di essi, perché anche democristiani surfarar ce n’erano. Parli di milioni e milioni come se fossero noccioline e anche tu sei pervaso dall’invidia e vulissitu essiri surfararu senza aver visto li pirreri. Parli dell’Infortunio senza sapere quali sono le conseguenze come se glie l’avessero regalato… certamente anche in questo settore ci sono stati degli abusi come in tutto… ma non confondere il falso con l’enfisema. Che dirti che sono un privilegiato, che ho vissuto nel lusso sfrenato, che mi sono potuto permettere finanche l’università.. come figlio di surfarara e che vivo ancora con gli interessi dei grossi capitali investiti nelle banche svizzere. L’invida è una brutta cosa e visto l’età che hai probabilmente la possibilità di entrare in miniera ce l’avrai avuta pure te perché è troppo comodo pensare di essere tutti surfarara solo per i privilegi che gli hanno dato per comprarsi il futuro di un intero territorio (“comprarsi il territorio…” è una critica e se hai la voglia cercati il messaggio critico in questo senso) . Questo discorso ovviamente è viziato dalla difesa di CASTA – la CASTA di li surfarara - manco se fossimo diventati la classe nobiliare del nissesno vista l’invida che circonda li surfarara e le loro mitiche pinzijioni.


Autore: la replica di ruggero

In merito al discorso delle denuncie sono d'accordo con te che non possiamo fare delazione su chi ci sta antipatico. Ma leggibenne tuti gli sms di questo forum e ti accorgi bene quante cattiverie gratuite sono state dette sulla nuova amministrazione. Non sono stato io che ho cominciato a fae fantapolitica sull'elezione di Carruba. Così come non mi sono mai sognato di espreimere giudizi sugli aspiranti politicanti riesini. L'ho fatto quanto mi hanno messo con le spalle al muro. Tu parli di casta dei minatori. Io non parlo di questo, nè delle dififcoltà che hanno dovuto affrontare nel corso della vita. Attento però a non confondere gli pseudo minatori con un'età tra i 50 e 70 anni (CHE IN GALLERIA A SCAVARE FORSE NON CI SONO MAI STATI) con la precedente generazione di solfatari fatta da gente che davvero ci aveva lasciato la salute. Ti ho voulto semplicemente far notare che è troppo comodo e qualunquistico parlare male della DC e poi dire è una legge dello Stato. TI chiedi perchè è stata fatta? Forse se rivedi la storia consociativa dei partiti della prima repubblica te ne fai un'idea. Allora devi denunciare con onestà l'ingiustuzia di tale legge. Non puoi fare come Ponzio Pilato solo perchè sei stato un beneficiato. Devi tutto sommato ringraziare la DC e quel sistema consociativo di ruberie e tangenti se oggi, a quanto pare dalle tue posizioni, in piiena crisi occupazionale e dove molti giovani qualificati (vedi il caso dei tanti laureati che ci sono a spasso) trovano difficoltà ad inserirsi. Che avevi o credi di avere in più di tanti altri giovani? Forse quei giovani sono meno di te? Se tu fossi stato coerente con tle tue posizioni avresti rifiutato un alegge democristiana fatta per gli amici e gli amici degli amici e ti saresti fatto una strada da te. Invece, da quello che si evince dalle tue posizioni, no! Sembra che tu sia un benficiato per diritto divino (E GUAI A METTERLO IN DISCUSSIONE). Caro compagno Han se sei così amante della giustizia impara a rispettare il prossimo tuo come te stesso. Mettila da parte la logica "del futti cumpagnu" e fatti da te, rinunciando coerentemente ai privilegi che un regime di ladri (a tuo dire) a messo ANCHE A TUA DISPOSIZIONE. Io non sono affatto invidioso della CASTA a cui dici di appartenere. So solo che trovo ipocrita un ragionamento qualunquistamente volto a dare spiegazioni individuali e soggetive. IO sono dell'idea che se una cosa è ingiusta io non ne usufruisco per primo e poi butto fango su quella cosa l'ha permessa. IL "SACCO D'ITALIA", non solo di RIesi, non comincia solo con le realizzazioni delle tante "cattedrali nel deserto". Anche le piccole cose, i picocli privilegi ahanno contribuito a distruggere l'Italia. E tu, volente o nolente, hai accettato di continuare a picconare il sistema accettando quello che per coerenza non avresti mai dovuto accettare. Quindi, prima di parlare, metti la mano sul cuore e fai un bell'esame di coscienza. A presto Bruno


Autore: ruggero domanda

Caro Han dato che ieri hai scritto che al raggiungimento dei cento messaggi il Web regala un pallone di cuoio e che devo stare attento alle testate, vorrei chiederti: come fai a sapere tutto ciò? Forse hai gia vinto tu il pallone in questione e spesso ti incontri con NARCISETTO giocandoci a testate? Ti prometto che non appena lo vincerò ve lo regalerò. Ma giocadeci almeno per tutta l'intera estate (LO SO CHE E' DIFFICILE, SPECIE SE I GIOCATORI HANNO E DANNO TESTATE MOLTO DURE). Ciao


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Che se nè parli in bene che se nè parli in male, l'importante è che se ne parli, giusto per non deludere Ruggero,ogni tanto qualche frasetta, ma che questa frasetta è piena di contenuti,la devo citare, giusto per essere definito Fascista,tu non sai l'orgoglio che mi dai,Poi detto da un forestiero, venuto a Riesi, da nonni Sancataldesi, che và in giro piazza piazza, ad informarsi dei miei trascorsi a Riesi, bastava che lo chiedevi a me, e sarei stato esaudiente, ti ho dato anche le mie e-mail, bastava che lo volevi, ma lasciamo perdere,ie' giusta chiddra di l'antichi, migliu na bagascia dintra che n'ignorante in casa. Beh devo notare, che se qualcuno va ad informarsi sul mio conto, in fondo in fondo vuol diri ca scrusciu tanticchia, altrimenti che motivo avrei di andare in giro e cercare qualche risposta?Caro coniglietto, oppure ti devo chiamare Giordano Bruno? io di Giordano Bruno, conosco cosi' per aver letto qualcosa, del filiosofo NOLANO, quello che diceva "UMBRA PROFUNDA SUMUS"ma hai sicuramente capito, visto che sei un pensatore della mutua, che mi riferisco al Giordano Bruno nato a Nola, nel 1548, il filosofo bruciato in piazza di Campo dei Fiori condannato al rogo dal Papa Clemente VIII,devo essere sincero di cognomi BRUNO a Riesi non ne conosco nessuno, anche perchè a Riesi questo cognome è anonimo, non c'è mai stato, o qualcuno di questa famiglia, non è stato mai all'attenzione di qualcosa, tipo capomastro, falegname, politico, maniscalco, commerciante, insomma nessuno ha mai sentito questo cognome. Tranne che tu per l'ennesiva volta travasi il vero nome e cognome. Io sono arrivato a una conclusione, su di te, o sei una persona tarata , talmente tale, che cerchi il pelo dell'uovo, oppure cosi' facendo stai cercando qualche consolidamento, di qualcuno, per immetterti i qualche non so' chè.Ma se ti presenti come quest'ultimo, di carriera ne farai poca, te lo assicuro, per esperienza, e lo so' benissimo che chi stà in società deve prendersi anche le critiche, lo so' benissimo, sono abituato, anche perchè fin da bambino partendo dall'oratorio, facendo anche lo scoutismo, c'era sempre qualche filosofo, che trovava sempre qualcosa da ridire, quando ci vedeva con lo zaino in partenza, per qualche campeggio.Questo stà nel DNA delle persone che non hanno un cazzo da fare, e che trovano per loro l'appagamento nel parlare di qualcuno, giusto o sbagliato che sia, cosa vuoi gli ipodotati mentali, fanno parte anche di quel consociatovismo fascista, e quelli c'è li dobbiamo sopportare, cosa vuoi questa è la vita. A me personalmente hanno insegnato, e spero tanto di aver recepito, che se una persona, ha qualche problema con un altra, ci si confronta, ci si ragiona, ci si spiega, sempre nei limiti che uno puo',perchè caro coniglietto andare in piazza ad indagare sulle persone, non è abbastanza educato non è un comportamento da galantuomo, ne tantomeno serio per una persona di 55 anni, prossimo alla pensione.SAI perchè ti dico cosi'? non che io abbia niente da nascondere, in confronto a te, a Riesi mi conoscono tutti mentre a te, forse qualche cane randagio, visto che te ne sei andato a 16 anni e che vivi da una vita a Torino. Dicevo questo perchè se vai ad informarti da qualcuno che è mio nemico, di sicuro non ti parlerà mai bene di me, se poi vai da qualche d'uno che storicamente c'è l'ha con la mia famiglia, tanto peggio, sai nei paesi, tutti abbiamo amici che poi sono la stragante maggioranza, e ci sono anche pochissimi nemici, dettati da invidie e gelosie, questo è nella normalità di vita.Ecco perchè ti dico che andare in giro ad indagare è quantomeno da vigliacchi.raccattando notizie qua e là di sicuro non ti fanno onore, anzi ti squalificano, come persona e ti mettono in graduatoria di chi cerca di farsi bruciare come fece il tuo omonimo di Nola.Asserisci che io mi rodo? è perchè mai dovrei? siamo sempre stati all'opposizione, ci siamo abituati, ci siamo sempre schierati con i piu' deboli,è troppo facile schierarsi con i piu' forti, Giusto per dirti un altro proverbio SAI come sono definiti i Forti che si scagliano contro i deboli? " VILI ",una competizione elettorale, e come un campionato, lo scudetto lo vince solo una squadra, cosi' avviene per l'elezione di un sindaco con la sua squadra, di sindaco nè va solo uno, ed erano sei i candidati, come cosi' con i consiglieri comunali, ne entrano solo 20 su 244 candidati.quindi in base alla tua teoria da libero pensatore, 224 aspiranti consiglieri si stanno rodendo le budella?? ma finiscila, comportati come una persona di 55 anni, nom essere ridicolo,diciamo invece che è ancora da scoprire, come mai hai invidia di me,tanto ci conosceremo senz'altro ad agosto, almeno potremmo chiarire tante cose. Ma sei proprio tarato? parli del feudo dei Alaimo e Butera? loro lo hanno avuto solo per 10 anni, ci sono sempre stati i comunisti ad comandare Riesi, visto che ti danno le informazioni, fatteli dare in modo piu' esatto.E personalmente io non li ho mai votato, anche se ho avuto ammirazione come uomo politico che è stato Filippo Butera.Quale è il tuo problema? sono sceso in politica negli anni 90 quando avevo 30 anni, molto tempo prima che Berluscono scendesse in campo, e allora? ripeto quale è il tuo poroblema? ho deciso ad una certa età di scendere in campo, perchè a 30 mi sentivo in grado di fare politica , prima no, non avevo questa volontà, e sappi che quando sono sceso mi sono anche scontrato con certi vecchi dirigenti, che non volevano mollare perchè si sentivano padroni assoluti del partito, ma a te queste cose non interessano,mentre te lo ripeto per l'ennesima volta, il sottoscritto è stato indicato da La Cagnina, in quanto mi conosce personalmente,e che avrei espletato la carica di assessore, in qualsiasi campo, dell'amministrazione pubblica, avremo modo di parlarci, e ti assicuro che ti ricrederai, sai quante persone si sono ricredute conoscendomi? è sempre la stessa menata, poi quando li fai uscire fuori, ti si risponde, ma sai a me mi hanno detto cosi' quellomi ha raccontato questo, e cosi' via. Il sindaco Carrubba, ha vinto solo perchè gli ex democristiani dell'area Miccichè lo hanno suffragato, pescando fuori dalla sua lista, vendicandosi, contro Giannone e Bellina, che poi sono stati gli artefici della caduta di Miccichè.Il mio voto non lo ha mai controllato nessuno, anche perchè il sottoscritto non deve dire grazie a nessuno, e quindi la mia persona è libera di votare, a chi vuole,e nessuno lo puo' controllare anche perchè sanno a chi voto.Ecco perchè a volte ti invitavo ad informarti, ancora oggi io rimango l'unico riesino ad essere stato nominato nel direttivo provinciale del MSI, all'epoca era ancora cosi' siamo ancora a quattro anni dalla nascita di AN, sotto la segreteria provinciale di Gianfranco Fuschi, è vivo e vegeto e puoi informarti visto che girovaghi nelle piazze per recepire informazioni sul mio conto.Adesso caro mio filosofo libero pensatore ti spiego cosa significa appartenere in un paese di provincia del sud ad una associazione sportiva,a Riesi non è che una persona và a vedere di quale colore politico apparetiene quella determinata associazione, ma va ad iscriversi, solo perchè è desideroso di fare sport, cosi' come lo sono stato con la LIBERTAS RIESI di Alfonzino Magro, e che io sappia in quel direttivo apparteneva anche Totino Butera,già consigliere comunale ed assessore, prima dei DS, e poi dei Socialisti ma non perchè lui si sentiva democristiano, ma partecipava solo per fini sportivi,cosa invece al contrario al NORD, dove questi pseudo associazioni servono per celare anche al percipimendo di fondi ed contributi, sostituendosi ai partiti politici.Ma tu forse non ci arrivi vorrà dire che ti spieghero' anche queste cose, non appena ci incontreremo. Di tutto questo tuuti i riesini che vanno dai 20 anni ai 50 anni lo hanno fatto tutti, almeno quelli che hanno fatto sport.Se pensi che nella Don Bosco, per anni hanno giocato i fratelli Butera che sono Valdesi,loro hanno sempre mantenuto la loro religione, ed hanno giocato per 10 anni con la Don Bosco, ma nessuno si è sognato di dirgli andate a farvi una squadra con i Valdesi, vedi perchè sei ipocrita e fazioso? L'MSI e poi AN a livello comunale, non hanno mai avuti grandi consensi perchè purtroppo ci siamo sempre scontrati con una politica locale basata sui favori e sul clientelismo vero e proprio.Ricattando le famiglie, per favori che hanno avuto in precedenza, e credimi a Riesi di famiglie che non hanno mai avuto favori c'è ne sono poichi, una di queste è la mia famiglia.Ricordati che si andava a raccomandarsi anche per prendere il diploma, e che la classe diriginte dell'epoca avevano in mano anche la scuola, facendo prendere anche dei bei punteggi, a persone, che poi nella vita, non sfondano, in quanto non sanno che fare,pero' il diploma c'è l'hanno.Ma non voglio uscire fuori argomento chiudiamo questa parentesi,dicevo se poi vai a vedere all'ufficio elettorale che stà al quarto piano del vecchio comune, puoi vedere, prendento i risultati dei voti, sia, quelle regionali, nazionali, ed europei, che AN oscilla tra i 600/700 voti, queste sono realtà non invenzioni, o per sentito dire.Cosa vuol dire tutto cio' che quando si parla di elezioni, dove conta l'appartenenza, o l'ideologia, la destra a Riesi ha sempre risposto, se si vota a livello locale,si perde l'appartenenza,e si va dove i parenti o amici, o amici degli amici ci indirizzano.cosi' come si è visto a giugno scorso durante le ultime elezioni.Perchè ti scandalizzi se senti prima di un comizio l'INNO NAZIONALE? sei o non sei un italiano? chi per vessillo ha il tricolore, ha anche l'orgoglio di sentirsi tale, forse che ha come vessillo, uno scampolo di stoffa roosa, queste cose, non gli fanno ne caldo ne freddo. Parlo di me e di Hanghe, vedi noi ci siamo sempre scontrati, ma nei contenuti politici, di come vediamo la visione della politica, lui in un modo io in un altra.Ma sempre nel rispetto dell'educazione che ci ha sempre contraddistinti, nel giusto equilibrio di vita e di educazione. Cosa che dispiace non è avvenuta con te, a parte che dobbiamo verificare se sei veramente Giordano Bruno, talmente sei sconosciuto, che forse dobbiamo fare ricerca a chi l'ha visto?? vedremo....vedremo... se sono rose fioriranno, se sono papaveri cadranno hahahaha eheheheheh Giusto che ci penso, solo a titolo di cronaca, io e uno dei miei fratelli, negli anni che vanno dal 88/ 92 AVEVAMO COSTITUITO UNA SOCIETà, DAL NOME atletico riesi,, E COME TUTTE LE SOCIETà SPORTIVE E CULTURALI, devono essere APARTITICHE ED APOLITICHE,egregio libero pensatore da quattro soldi.Spero che tua nonna ti abbia insegnato che esiste anche il proverbioimpara l'arte e mettila da parte,o ti ha insegnato solo quello che ti fa comodo?Vedi la vita è piu' ampia, la società civile e piena di sotterfugi, ma la tua mi sembra una campana surda,allora pazienza,OREMUS,prima di concludere visto che vai in piazza ad indagare, vedrai che se trovi giusto quello che mi conosce ti dirà che l'ultima la devo dire sempre io altrimenti che razza di Fascista sarei? ahahh eheheh BOIA CHI MOLLA è il nostro grido di battaglia,caro statalino senza futuro, e giusto per farti il lavaggio del cervello ti ripeto la frase che tanto ti ha fatto adirare,Mussolini diceva, che non basta essere bravi bisogna essere i migliori caro Piemontesino,e sono sempre a tua completa disposizione, staremo a vedere la tua entrata nello scenario riesino, sempre ammesso che ti fanno entrare sai i riesini sono abbastanza restii a far entrare i forestieri specie di San Cataldo,vediamo tanto il da fare che farai e alla grande ahahahah eheheheh vedremo...vedremo.... Ciao Aristotel


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, ma tu che ne sai della mia vita. Per farti contento di dico che sono laureato e disoccupato... anzi professore, o professorino come dice Aristotele, precario: oggi c'è e domani non c'è... e per il resto... speriamo che la Moratti muoia, in senso politico ovviamente. Sono pieno di privilegi e se ne vuoi venduto qualcuno ti faccio lo sconto. Per il resto non ti rispondo perché parli per sentito dire accusando i minatori 50/70enni di essersela minata durante la carriera lavorativa, sparando cazzate e sentenze. Ma chi ti credi di essere... presuntuoso che non sei altro. Le stai sparando con la convinzione di dire eresie, e per me gli eretici hanno degna considerazione, nei confronti di chissà quale potere e dici solamente luoghi comuni triti e ritriti di cui anche li basuli nascoste di via Roma a Riesi ne hanno le palle piene. Te la prendi perché criticano la Giunta Carrubba… che sei il suo avvocato? E' stato eletto? Ora deve rispondere dei suoi alleati, Tano Javolella e Tano Di Tavi, che si che si sono defilati dichiarandosi INDIPENDENTI lasciandolo senza maggioranza in Consiglio. Li ha scelti lui questi politici con cui allearsi? E lui ne deve rispondere. Certo, Tano per Tano, hanno le loro responsabilità, così come anche i consiglieri dell’opposizione che si assentano per puro tatticismo di convenienza. Diciamo che gli uomini di questo nuovo consiglio non brillano per responsabilità e capacità di organizzazione al loro interno, e da qui è facile capire come organizzeranno la vita sociale dei riesini, ma non dimentichiamo che le scelte degli uomini per costituire la maggioranza fanno capo a Lino Carrubba e come minimo bisogna chiedergli il perché e che cosa è successo. Oppure non è possibile farlo? Mah!


Autore: ARISTOTELE ALIAS ARTURO

Carissimo Ruggero, o Giordano Bruno (ma qual'è il cognome?) ed illustre Coniglio,ti faccio un bel regalo, ti do' la possibilità di sfogarti per una settimana intera, tanto sarà la mia assenza sul Sito, in quanto mi vado a riposare una settimana alle Baleari. Certamente in questa settimana mi mancherai illustre statalino,che di pensar libero hai solo te lo sai tu,avevo tantissime cose da dirti, ma mi rifaro' al mio riesntro. In ogni caso sono riuscito tramite amici che stanno al governo,la possibilità, solo per la tua persona, in quanto ho spiegato che oggi giorno è difficile recepire dei pensatori liberi, perchè veramente materia rara,dicevo avrai la possibilità, di aumentare i punti da mettere nella tua patente, visto che vorresti guidare le sorti di Riesi, e sai per farlo, ci vogliono guidatori impeccabbili, come tu stesso hai asserito tante volte, e per questo ti saranno dati dei punti da sommare a quelli che hai,sei contento? quando arriverai a 1000 punti puoi ritirare il premio che sarà la classica Mucca Carolina, visto ? non tutto viene a nuocere. In questa mia assenza settimanale, potrai sbizzarrirti cosi' almeno avro' al mio riesntro come contraribbattere, pero' ascolta un consiglio, non dire sempre le stesse cose, non risultare pure tu ripetitivo, tipo cu la storia dell'arci, ca ti la sta' tirannu. Perchè visto che ti reputi uno dei cervelloni di Riesi, non vai ad intervistare il tuo amico sindaco Carrubba? visto che nella sua carriera politica pur di arrivare ha cambiato casacca mille volte, ha cominciato con Sicilia Indipendente, poi è passato con Trinacria Indipendente,poi è passato con la Rete di Orlando il furioso ex sindaco di Palermo,poi è passato con i DS,cinque anni fà si è presentato con AN, quest'anno voleva passare a Forza Italia, e qualcuno gli ha detto no, ecco perchè non ha preso la CdL, nella sua giunta,per finire poi ad una lista civica sopradenominata Amando Riesi,vedi quanto materiale ti do'? altro che arci che poi non è un partito politico, giusto a te libero pensatore fai una analisi, visto che per tanto meno ne hai fatto per altri, prendendotela anche con Hanghe, che si ritrova figlio di Zolfataio, che una legge gli consente di poter accedere a qualche posto statale. Guarda caso queste cose succedono solo a Torino, amministrata dai Rossi, a Milano, Bergamo, Genova, Bologna,Brescia, giusto per citare qualche città del nord importante, queste cose non succedono. mah che sarà mai, forse a Torino, anche se c'è la legge devono pagare qualche bustarella? visto che avevo ragione? si è scoperto il giroi di tangenti, per conseguire la laurea in giurisprudenza alla Sapienza di Roma, bastava pagare e ti ritrovi, il dottorato in Giurisprudenza, e magari hanno titolo per poi poter fare l'assessore in qualche paesino.Mentre giusto per poterti fare un esempio in Italia ci ritroviamo Ministri, che sono all'altezza della situazione, avendo solo un diploma, anzi la maturità scientifica, parlo del Ministro amico mio Gianni Alemanno, che pur non possedendo una laurea, stà nei migliore modi possibile, dirigendo il Ministero delle politiche Agricole, e non perchè lo dico io, che posso essere di parte, ma lo dicono gli addetti ai lavori,e tutta la stampa internazionale, per poi essere affiancato a Tremonti, per lo viluppo del DPEF, come vedi la scuola non c'entra con la politica, anzi, è comprovato che i peggiori amministratori della cosa pubblica sono proprio i professionisti, con tanto di laurea.Questo è un dato di fatto, carissimo Coniglietto, ti saluta il Fascista che và a scialarsi una settimana a mare. E sempre a tua completa disposizione non lo dimenticare,ti ho dato un po' di carne sul fuoco, spero tanto che dirai qualcosa sensata a risentirci, un saluto Aristotele


Autore: Hanghenghe

Almeno su una cosa, carissimi Ruggero e Aristolele, siete d'accordo: Li surfarara si mangiaru Riesi.


Autore: Iron Man

Gli intellettuali, finchè non si decidono a servire gli interessi delle masse e a identificarsi con esse, tendono spesso al soggettivismo e all'individualismo e mostrano spesso sterilità di pensiero e irresolutezza nell'azione.


Autore: C.S.I.

Iron Man chi te l'ha suggerita questa?


Autore: Iron Man

Da una frase del primo messaggio di Ruggero Settimo leggo: "CERVELLONI", USCITE ALLO SCOPERTO!!!!! E' Ruggero Settimo che vi parla. Prendiamo le redini del nostro paese. Non lasciamole agli incapaci." Prendiamo le redini! Non lasciamole agli incapaci! Ma... fammi capire, non è che sei uno dei cervelloni e non ha il coraggio di uscire allo scoperto?


Autore: Iron Man

Tua sorella, ieri sera mentre eravamo in macchina a contare le stelle eheheheheheh


Autore: sorella csi

Solo le stelle sa contare.


Autore: Vittorio

Ruggero, con Aristotele in ferie ti è passata la voglia di far pettegolezzi, il tuo "grande cervello" si è 'ngrippatu"?


Autore: Vittorio

…. Sono solo un corretto, civile e onesto cittadino di Riesi che pretende giustizia. E non solo quella divina, anche perchè non so se c'è e onestamente vorrei vedere dietro le sbarre o incriminati tanti pendagli da forca che a Riesi "gestiscono" il potere politico ….(DEVO DIRE CHE SEI UN FENOMENO ORIGINI SANTACALLESI E SOLO 16 ANNI VISSUTI A Riesi ti consideri un cittadino riesino) ….Forse Han non vive a Riesi e non immagina nemmeno cosa ha significato per molti giovani che sono andati a lavorare in un certo posto trovarsi per mesi e mesi senza una paga, con un mutuo da pagare e figli da mantenere. Molti hanno rischiato il lastrico e si sono visti costretti ad emigrare ( MA NON SEI PURE TU EMIGRATO, QUINDI LA SITUAZIONE NON LA PUOI SAPERE MEGLIO DIHANG CHE RITORNA AL PAESELLO TRE O QUATTRO VOLTE L’ANNO) ……Senza poi parlare dei lavoranti dell'agricoltura, pagati sottocosto e licenziati dopo un certo periodo, tanto c'è l'Assegno di disoccupazione, come se questo provenisse dal nulla e non dalle tasche del cittadino…(NE SAI DI COSE….). ………Anch'io, per vari motivi, ho vissuto per qualche tempo nel Nord……(MA NON VIVI ANCORA LA NORD? ) …Una volta su Tele Centro Sicula sentii intervistare l'avvocato Alessi, il padre della DC col gelese Aldisio…(AL NORD FANNO VEDERE TELE CENTRO SICULA? NOI SICILIANI SIAMO L’OMBELLICO DEL MONDO) ………….So solo una cosa: all'interno dell'urna ho trovato davvero delle serie difficoltà ad esprimere il mio consenso. Non dico cosa ho votato e quali sono le mie idee politiche.(.. ANCORA MA SE SEI EMIGRATO COME HAI FATTO A VOTARE A RIESI ALLE COMUNALI?) ……..Carrubba. Dimostra che non vuole cedere ai ricatti dell'opposizione. COme finirà? COn una bella richiesta da parte del SIndaco del COmmissariamento del Consiglio. Ma sono sicuro cha ad una simile soluzione non vi si giungerà. L'opposizione, o nmeglio "l'armata di Brancaleone" sono convinto che non farà arrivare Carrubba a tanto. Rischierebbe di perdere la propria poltroncina politica. Può puormettersi una simile cosa? Io limerò e affilerò sempre le mie armi, per sguainarle nel momento opportuno, allo scopo di farla pagar cara a qualcuno che sta davvero rompendo le scatole.(E DAGLI…ANCORA STU CARRUBBA, NON SARAI UNA FEMMINA E NE SEI INNAMORATA? CREDO CHE SIA LIBERO PUOI PROVARE!.... EGREGIO COME TI CHIAMI, A RIESI SI DICE “Ti sbintaruuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu” Vittorio


Autore: Hanghenghe

A proposito di sbintari mi viene in mente quello che è successo quando Aristotele, alias Arturo, si mise questo nik e tutti i frequentatori del guest l'avevano individuato, sbintato, e lui imperterrito negava l’evidenza. Per l’occasione fu “creata” una bottiglia di vino che venne etichettata con la dicitura: LO SBINTATOS di ARISTOTELES. La bottiglia di vino fu bevuta durante la cena di natale organizzata dagli amici del sito, in un ristorante di Riesi, in presenza dello stesso AR che ironicamente accettò. Ora per il mitico Ruggero Settimo , alias Giordano Bruno, non potendo “creare” un’apposita bottiglia di vino, giusto per non confonderlo troppo con Aristotele, possiamo pensare di “creare” una etichetta per una bottiglia di GAZZUSA, visto il modo spacchiusu che ha di interloquire, con la seguente etichetta: GAZZUSA LA SBINTATINA RUGGERO. Gusto duci, da consumare preferibilmente con granita.


Autore: C.S.I.

E poi che ti ha detto mia sorella? Carissimo Iron man? Che non ti trantava? Sfigato!


Autore: Rametta

Scusatemi cri C.S.I. e Iron Man, ma si stà parlando di CERVELLONI e voi venite a contare le stelle? Dai smettetela di fari i "PAZZI FURIOSI" riostoni. Grazie, ma intervenite, per favore sui grossi cervelli (anche vuoti) dei Riesini! Ciao


Autore: Hanghenghe

La resa di Ruggero. Tutto qui il processo rivoluzionario, carissimo Ruggero? L'iscrizione di AR all'ARCI e i privileggi di li figli di di surfarara? Troppo poco e soprattuto inconsistente.


Autore: C.S.I.

Sapete che vi dico "cervelloni"? Vado ritirare un palluni di curjiu....e vado a fare due tiri!____100_____Ciauu


Autore: Hanghenghe

La gara dei cerveloni è finita. C.S.I. vincì il meritato palluni di curiju e così potra distrarsi dallo studio. Che dire? Ci siamo fatti fregare da un mazzarnisi... eheheheheh...... simmu cuminati mali. Faccio una proposta a C.S.I. e cioè di organizzare una GARA calcistica tra in consilgio comunale di Mazzarino e quello di Riesi (andata e ritorno) e vidimmu cu vinci. ----- PER I WEB: lu palluni di curiju ora ci ha dari a lu carusu. A te le modalità di consegna che potremmo fissare per il 10/12 Agosto con apposita cena a Riesi.


Autore: Vittorio

The End............finirà così Riesi? Quale sarà la prossima mossa?????? Chi vivrà vedrà! Il pallone di cuoio perchè non lo facciamo consegnare a C.S.I. dal sindaco? Magari per la festa di la Madonna! Se ci sarà festa! Vittorio


Autore: C.S.I.

Hanghenghe na partita tra consiglieri? hehehe Sicuramente va a finire a coltellate...ma non tra mazzarinesi e riesini....ma tra mazzarinesi e mazzarinesi e riesini e riesini. Ma tu te l'ho immagini? "Io nella fascia destra non mi ci metto!"..."fanxulo a sinistra ti ci metti tu!" "No sapete capite fare voi niente di calcio"!(loro parlano così, a caxxo di cane). Quindi si viene a verificare una sospenzione della partita...per riprenderla in data da stabilire.Risultato 0-0 palla al centro.E noi spettatori come al solito rimaniamo cu li cugghiuna (cugliuna) unghi._________________Oh poi vale la pena di guardare una partita tra scarpara del calcio(politica)? Se si vuol ridere si. (amaramente)_____________Aspettando il pallone di cuoio(10/12 agosto..o per la Madonna a catina,come dice Vittorio) vi mando un saluto! Ciao belli! _______________Forza Juve! ________Web datti da fare ppi ssu palluni!hehehehe Ciauuuuuuu


Autore: il pensiero di ruggero

A tutti un saluto, ammesso che non stia scrivendo ai soliti due personaggi rinsentiti. Questo non vuole essere uno spazio per NARCISETTO o Han. Non sono il centro dell'universo. Inutilmente pensano di confondere per il solo fatto di intervenire con un nick diverso da quello iniziale. CHe dire: MAh! Sono stato un paio di giormi a spassarmela e noto alcuni nuovi (???)interventi. MA CHISSA' PERCHE' QUALCUNO SI RISENTE. Non è un proverbio riesino che recita "ariu nittu nun si spagna di li trona?" E allora? Perchè si insiste sul concetto del pallone? EVidentemente qualcuno è espertissimo in fatto di palle! NE parla con una dimistichezza tale!!!! Io penso di avere solo lanciato una provocazione. Perchè mi sono ritrovato interlocutori che non hanno compreso la lingua che parlavo?? L'etichetta di "amico di Carrubba" mi è stata attaccata con troppa facilità, anche perchè potrei non esserlo. E poi io non sono nemico di nessuno. Il fatto che io non sia un riesino di tante generazioni e sia stato costretto ad emigrare quando avevo soli 16 anni non autorizza minimamente nessunoo, DICO NESSUNO, a giudicare chi ha dovuto pagare in prima persona le scelte dissennate di individui che giocavano con diversi mazzi di carte schierandosi col vincitore di turno. QUalche omino mio interlocutore ne sa qualcosa. Quanti volta gabbana!!! QUanti facciuoli. Mi si racconta che quanto RIesi era il regno elettorale di ALAIMO. BUTERA, DI CRISTINA, i due PISTONE, ALDISIO & company certi omini nemmeno fiatavano. ORa sono diventati leoni. vantando amicizie di chissà quali soggetti. A questi individui vorrei solo ricordare che l'Italia della "seconda repubblica" è peggio di quella della "prima". Pertanto, vantarsi di conoscere un ministro o un sottosegretario non è certo chissà quale autorevole cosa. Questo non qualifica certo chi è sempre stato un volta gabbana. Da destra a sinistra la politica tanto italiana, dalla periferia al centro, è colma di tanti testa di cazzo che si cantano il solito motivo: " lui è meglio di me? E chi lo ha stabilito? E perchè mai non dovrei essere io ad occupare certi ruoli? NEssuno è meglio di me". Continuo? NOOOO!! Anche perchè i "cervelloni" dell'economia, della cultura e della politica riesina stanno sotterrando il paese peggio di come esso si trova attualmente. Saluti


Autore: Vittorio

Mahhh Bohhhhhhhhhhhhhhhh Non ho capito niente Non sono un cervellone. Peggi di ccussì si mori.....


Autore: Hanghenghe

LU palluni di curiju è stato vinto da C.S.I., lu mazzarnisi, e la discussione è chiusa.


Autore: ruggero replica

Non c'è peggior cosa di quella di voler far finta di non capire. Il termine "cervellone" era scritto tra virgolette. Ora se non se ne riesce a comprendere il senso non è mica colpa mia. Evidentemente qualcuno o lo si ritine a sproposito oppure non ha il coraggio di..........Ma lasciamo stare. Forse certe cose non sono afferrabili da chi in questo paese per decenni è stato amico dei potenti e ne ha condiviso i privilegi? VEdi, caro Han, come nel mio precedente messaggio ho anche fatto quei nomi che tu hai avuto paura di menzionare o di "attaccare" quando vivevi a Riesi. Perchè non ti sei comportato da "leone" a Riesi? Troppo facile sputare sentenze dal nord quando si ha la pancia piena e..........QUando vivevi a Riesi cosa facevi per attaccare da tuo piccolo quelli che ritenevi responsabili di chissà cosa? Hai visto qualche anno fa il film "I cento passi"? Hai visto come si comportava Impastato nella vita per condannare un certo malcostume? Litigo persino col padre e col fratello. E tu invece? Hai fatto un millesimo di quello che fece lui? Oppure ti allenavi all'oratorio con NARCISETTO (Chissà magari era il tuo istruttore e vi allenavate a vicenda) a contare le palle? Ecco come si spiega la tua bravura nel saper bloccare al volo quel tuo tanto agognato "pallone". Saluti Bruno


Autore: Vittorio

E tu cosa hai fatto? Non mi risulta che qualcuno sia andato controcorrente a Riesi! Hai visto il film "e le stelle stanno a guardar.."? Vittorio P.S. ma chi voli chistu?


Autore: Hanghenghe

Carissimo Bruno, il senso delle virgolette lo si era capito e infatti la discussione era iniziata in tal senso e tutti noi aspettavamo l’apertura dell’argomento che ovviamente non poteva andare a parare sulla mitica classe politica riesina, con particolare riferimento a quella degli anni ottanta inizi anni novanta. I nomi li hai fatti te, e tengo buoni i tuoi - se ti denunciano fai pure il mio nome per correità - anche se hai dimenticato qualche socialista, e finanche qualche comunista… Sai nomi non ne faccio ca mi spagnu ca mi sparanu. Classe politica che ha permesso lo sviluppo, abusivo, in modo spasmodico dell’urbanistica riesina; classe politica che ha fatto opere faraoniche e senza nessuna utilità, e la mitica palestra fatta a “Sommatino”, (perché allora era quasi “Sommatino” quel territorio) è l’esempio lampante; eccetera. Ovviamente le accuse a tal disastro si possono rivolgere in senso politico... sennò vai dal giudice e denunci. E che denunci? Forse non era tutto alla luce del sole? Tutti vedevano, tutti sapevano: politici, autorità, controllati e controllori; ma nessuno doveva parlare. Perché buttare quei soldi per costruire faraoniche abitazioni era la speculazione del momento, che LORO chiamavano ECONOMIA e guai a parlare di PIANO REGOLATORE… per molti all’epoca era una delle tante bestemmie da comunisti… diciamo qualche comunista della Regione… mica tutti i comunisti bestemmiavano… c’erano anche quelli che pregavano a diu e…. Comunque , Carissimo Bruno, questi discorsi sono stati fatti con nomi cognomi e circostanze, sul guest.. non hai mica scoperto la Luna, senza esagerare ovviamente… perché alla fin fine… che cazzo me ne frega… devo salvarlo IO Riesi? Però voglio partecipare alla discussione, in modo spassionato, in questo SITO… senza erigermi a salvatore… non ne ho le qualità… e poi porta sfiga. Come sempre rispondi attaccando le persone a livello personale e con modalità da provincialotto, mi devi perdonare. Mi dici cosa ho fatto a quando ero a Riesi: avevo 18/19 anni quando ho chiuso quella merda di attività che avevo e me ne sono andato.. e francamente a quella età… pensavo ad altro… tipo quannu sparisciu di stu paisi di pazzi? Prima ca pazzu ci addivintu. Ed altro ancora.. ma quelli sono fatti privati. Non conoscevo potenti; non ho fatto pallavolo forse perché lu ‘n chiappatu, quello che ti avevo accennato l’altra volta, mi ha fatto passare la voglia di iscrivermi all’ARCI e di conseguenza AR non era mio istruttore e non lo conoscevo fino all’anno scorso, con questo non voglio dire che AR non è persona degna, ma semplicemente che non lo conoscevo; Insomma ero un emerito sconosciuto ai più e forse anche ai meno. Citi “I Cento Passi”, un film che mi ha fatto commuovere e incazzare, e però parli di mafiosità dei siciliani nel modo di essere citando illustri personaggi della DC gelese. Più di ogni altra cosa mi ha indisposto nei tuoi confronti questo modo di descrivere i siciliani tutti: mafiosi come modo d’essere. Mi inviti ad essere come IMPASTATO… ma ahimè non è mica facile decidere di farsi ammazzare… che ne dici te? Me lo consigli? E quando parlo di PISTOLA PUNTATA sulla TESTA DEI SICILIANI, da parte della mafia, mi riferisco a questa paura che ci perseguita.. che ci fa cagare addosso. Per quanto riguarda il pallone come premio non pensare a chissà quale strategia, perché la cosa è molto semplice: il discorso a mio avviso era diventato palloso e giocarci su era la cosa più giusta da fare… la troppa “serietà” mi infastidisce, mi deconcentra… che ci vuoi fare. Ora Carissimo Ruggero, per quel che mi riguarda possiamo parlare di quello che vuoi ma senza attaccarsi a personalismi che non interessano nessuno e soprattutto portano il discorso fuori BINARIO e pieno di chiacchere. Vuoi attaccare Aristotele? Digli che le elezioni le hanno perse perché non hanno saputo approfittarne: due volte incapaci… non una sola. Povero Franco La Cagnina… non poteva che VINCERE, ma… VUOI la lealtà; vuoi l'incapacità di convincimento nei confronti del voto di opinione;, vuoi alcune persone democristiane alleate, vuoi…quel che vuoi… Ha perso e con tutte le scarpe. ------ A proposito di MAFIA: Toto Vasa Vasa, il Presidente della Regione Siciliana è indagato per mafia ed è andato a presenziare la commemorazione della MORTE di BORSELLINO, morto di polmonite fulminante (tra qualche tempo ci diranno così), con la presenza del Presidente della Camera Casini -PIER per gli amici – Carabinieri, Polizia, Finanza, a debita distanza da Totò, e magistrati per lo più assenti e per ovvie ragioni; come se nulla fosse successo. A quantu simmu fissa NOI siciliani… altro che mafiosi nell’essere; FISSA SIMMU. Quando i voti sono tanti (vasa vsa ne ha un milione e mezzo) non uno… di occhi ne chiudono, ma due… più i tuoi… infatti il sistema informativo italiano non ha rilevato questa PICCOLA incongruenza. Roba da far saltare non un Governo, quello siciliano, ma due se si fanno i dovuti collegamenti. SIMMU FISSA PAIS'... altro ca MAFIUJUSI nell'essere.


Autore: ruggero chiede

Carissimo Han, dove stava la mafia quando Palermo era governata da Orlando? Dove stava la mafia quando la Regione Siciliana era governata al centro-sinistra (ovviamente col ribaltone)? Te lo sei mai chiesto? Oppure sei uno di quelli che pensano che quando vince la SInistra "finalmente la gente ha capito l'importanza della svolta", mentre quando vincono gli avversari vince "il nemico del popolo" (STALIN). Io non ho mai voluto attaccare nessuno. Evidentemente ci sono solo stati dei fraintesi. Mi fa solo incazzare l'idea che qualcuno che ora parla dal pulpito nell'era della cosiddetta "prima repubblica" se ne stava toco toco cachio cacchio a farsi i fatti i suoi. Quando sono venuto a Riesi mi sono informato spontaneamente su questo tizio. La mi abouna fede stava nel fatto che nel citare quei tre fratelli non pensavo nemmeno di riferirmi a lui. E' stato NARCISETTO a risentirsi e da li è nata tutta quella polemica. Per quanto riguarda quello che tu dici dei nomi che ho fatto, io non li ho indicati come i responsabili di chissà cosa. Ho volto semplicemente dire che, secondo la tua teoria, se si rubava e logica dice che poteva rubare solo chi deteneva il potere perchè voi che tanto parlate non ve la prendete con questi signori? Non ho detto che erano loro i responsabili dei mali di RIesi. QUesta è solo una tua deduzione. Finchè non ci sono giudizi di tribunali non giudico mai le persone. La "cultura del sopstetto", la cattiveria marxista da centro sociale non mi è mai appartenuta e l'ho sempre respinta. Pur provenendo da famiglie di semplici contadini non mi è stato insegnato "l'odio per il padrone" oper chi aveva costruito qualcosa. I miei genitori mi educarono all'idea del lavoro e della'er fiducia nelle mie posizioni e idee. E ricordati una cosa (MI STAI FACENDO FARE LA DIFESA DELLA DC CHE NON INTENDO FARE): se la SIcilia non avesse avuto quella classe dirigente tanto sì discussa oggi forse tu saresti uno di quei tanti poveri diavoli che dall'Est europeo cercano di aggrapparsi a chissà quale sogno. Non guardare mai il bicchiere mezzo vuoto. Cerca di vedere anche la parte positiva. In qualche parte mi pare di aver letto che la storia non si giudica a breve termine, ma a lunga durata. Come pensi di fare doiversamente tu che sei un giovincello che t'atteggi ad uomo vissuto? Ti voglio ricordare inoltre che la Sicilia non è solo quello che pensi tu. Mi sembra anche di ricordare che tut vivi a Genova. FOrse li la malavita non esiste. Forse certi problemi (NON ESAGERO PIU' ACUITI) non lacerano il tessuto sociale? Guarda TOrino, dove vi vivo da diversi decenni. Fatti una scappata e poi mi dici se la gente e così tanto libera come dici da quella siciliana. Prova a denunciare un qualche potente e vedi che fine fai. COme vedi la pistola puntata ce l'hai anche tu, anche se dici o ti illudi di essere una persona libera: MA DA COSA? FOrse per il fatto che il tessuto economico del NOrd è più sviluppato (ma non per via della mancannza della mafia, qui ci vorrebbero o uno storico o un economista a fartelo notare)? Lo sai chi erano i "terroni del NOrd"? I VENETI! E sino a pochi decenni fa. Viveano in condizioni socio economiche più disastrate di quelle dei siciliani. Oggi non stanno meglio perchè li non esiste la mafia (PERCHE' T'ASSICURO CHE ESISTE, E COME!!), ma per una serie di cose che è troppo lungo spiegare in poche parole. Vorrei solo ribadirti la mia posizione di fondo che è la seguente: Non bisogna affidare le sorti del paese a chi dice di avere delle idee politiche ma poca o niente formazione tecnico-giuridica per applicarle. Il paese e la Nazione intera hanno bisogno di soggetti capaci e in grado di risveglaire le sorti economiche e culturali. Non sono quei saputelli con una base elettorale a doverlo fare. Non ne sono capaci. Sono solo dei poveri "cervelloni" che debbono innanzitutto imparare a leggere e scrivere. Ogni cosa deve stare al suo posto. solo così ogni cittadino può essere utile alla collettività e dare dei contributi alla società in cui vive. Se fa il "cervellone" confonde tutto e non riesce a farci capire più nulla. A preesto Bruno


Autore: Vittorio

Seguendo il tuo discorso a riesi nessuno sarà capace di governare. Manco l'amico Carrubba, in quanto a formazione tecnico-giuridica(per citare le tue stesse parole) nella sua giunta non ne vedo. Non basta essere ex direttore didattico per essere un bravo assessore alla pubblica istruzione... non basta essere medico per essere un bravo assessore alla sanità..... ecc ecc... ecc... bisogna essere CAPACI, essere dei manager, essere onesti, avere AUTOREVOLEZZA, ma non credo che nell'attuale guinta vi siano persone di questa valenza..... allora che facciamo....ci spariamo...o bruciamo il paesello....... tanto non c'è niente da fare! Vittorio


Autore: Hanghenghe

Carissimo Ruggero, vivo a Torino da sedici anni e credimi non penso affatto di essere libero da ogni sorta di angheria. Tu mi "accusi" di essere responsabile di averti portato a difendere la DC... e io che dovrei dire? Che mi hai portato a difendere Aristotele? Ti meriti trentanni di carcere a pane e acqua: manigoldo! heheheheeh... Però non mi venire a dire che vivere a Torino, o nel Nord in generale, e vivere in Sicilia porta ad avre lo stesso livello di LIBERTA'? Per quanto riguarda Genova basta solo ricordare le porcate fatte durante il G8 ad opera di questo GOVERNO. Di Stalin non me ne fotte un cazzo... e non me ne mai fregato un cazzo. Sono stato COMUNISTA ITALIANO, del PCI di Berlinguer, e non per il comunismo RUSSO, ma per la merda democristian-soclialista che ha governato l'Italia. Ma ahimè siam passati dalla padella alla brace: Forza Italia e Alleanza Nazionale con la Lega al Governo. A Torino ci sono dei manifesti di Alleanza Nazionale che recitano: "Più Pantere meno giungla". Invocano più POLIZIA e se senti la POLIZIA TORINESE, e non solo, ti dice che sono senza benzina e senza soldi per aggiistatre la macchine. Molte auto ferme perchè sono guaste e non hanno i soldi per aggiustarle, e poi parlano di SICUREZZA: dichiarazioni da parte di commissari di Polizia.


Autore: ruggero replica

Egregio Vittorio, forse non hai seguito bene il forum dal suo nascere. Mi sono trovato a dovere difendere DC, FI e Carrubba laddove non lo volevo. Non sono stato un loro simpatizzante, figurati!!!!! Sono stati i discorsi apportati dagli altri a indurmi a diventare ciò che non volevo. Così, come del resto, ance certe tue. Ho semplicemente detto che paragonando tutte le squadre in campo quella di Carrubba mi sembrava la più preparata, se non altro perchè composta da gente che una domanda in carta bollata almeno deve saperla scrivere. Ma ti sei accorto cosa proponevano i due poli? Dove vivi? Ti sei accorto che gente incapace c'era? Non dico che qualche eccezione non c'era, ma sostanzialmente hai visto il personale politico dei due opposti schieramenti? Fatte queste considerazioni mi sono trovato a dover dire che "forse" gli uomini proposti da Carrubba teoricamente possono dare tanto. IO non sono così presuntuoso da avere la verità in tasca. Cerco di essere obbiettivo. Per questo motivo, non sono schierato con nessun partito politico. Non mi piace vedermi costretto a doverla pernsare in un dato modo semplicemente perchè "gli ordini di scuderia" sono di un certo tipo. Io no penso che gli uomini di Carrubba siano siuperiori a quelli degli altri due schieramenti. Sono esseri umani e basta, con tutti i loro limiti e difetti. Ma non puoi venirmi a dire che chi per formazione professionale ha determinate competenze che può spenderle per la collettività può essere utile nella stessa identica misura di chi invece può solo condurre qualche TIR o fare qualche puntura. Senza poi parlare di chi atteggia chissà quale status di professionalità. Dovrebbero parlare certi onorevoli fascisti....... Quanti cosiddetti professori sono tali perchè un certo onorevole MACALUSO del MSI, cioè un fascista matricolato, ha permesso. DOvrebbero parlare certi facili corsi di perfezionamento. CI VORREBBE UNA SORTA DI ESAME. VORREI VEDERE PROPRIO LE COMPETENZE PROFESSIONALI DI QUESTA GENTE. Sinceramente non riconosco a questi soggetti alcuna abilità profesionale. Il fatto che la "prima repubblica" li abbia laureati (DICIAMO LAUREATI!!) o diplomati non conta nulla. PEr favore smettiamola!!!!!! NOn penso che un DIrettore DIdattico manchi di autorevolezza (o forse VITTORIO ne ha subito troppa di autorevolezza al punto tale da indurlo ciecamente a odiare il nuovo assessore. COsì come è inverosimile ch eun DIrettore Sanitario manchi di altrettanta autorevolezza. E che dire poi di un penalista, assessore al bilancio. CHi dei due schieramenti avrebbe potuto aoccupare questo delicato incarico. Ma lo sai che nello schieramento di SInistra c'era qualcuno che nelle locandine s'era persino attribuito un titolo accademico che non aveva? Roba da codice penale!!!!!! Per favore, non fatemi delle critiche faziose. Mi "costringete" a prendere le difese che non intendo. Siete voi che mi mettete con le spalle al muro. Ad Han ricordo che quel PCI di cui tanto parla non era poi tanto distante dal PC russo. (COSSUTTA INSEGNA!!!). Dovrebbero parlare certi dossier o ex spie sovietiche. Chisssà quante coperchi salterebbero. Anche a Riesi succederebbe qualcosa. I centri sociali dici che sono una cosa diversa dal PCI, ma non mi sembra che i vari adepti siano ispirati dal Vangelo o dal buon senso. L'ideologia marxista è il leit motive di tutto. O sbaglio?? QUindi, caro Han, informati bene prima di dire certe cose. Parli di TOrino come di una realtà che conosci bene. Mi sembra però che il tuo sia solo un modo per riparare in calcio d'angolo, per non dirmi che quella famosa pistola puntata forse non sono solo i siciliani a trovarsela contro. L'ordine pubblico sembra quello di un ex paese comunista (IL TUO CARO EDEN), in balia di extracomunitari, spacciatori, prostitute, delinquenti di ogni risma, mafiosi, camorristi, calabresi, puglesi. MA DICE CHE NEL NORD E A TORINO LA PISTOLA PUNTATA I CITTADINI NON L'HANNO? Conosci la zona della PEllerina, di Porta Palazzo. Che schifo, COsa da terzo mondo. TOrino, che dovrebbe essere una città di un certo spessore diventata culla e alcova di criminalità. O mi sbaglio??? Io quelle poche volte che sono andato in gita a PAlermoo, CATania e MEssina non ho avuto lo stesso timore di vedermi ammazzaro per due lire. E PENSARE CHE NEL NORD C'E' L'EDEN!!!!!!!!!!!!!!


Autore: Hanghenghe

Caro Ruggero, come al solito generalizzi: tutto è, nulla è. Pur di non rispondere e di non prendere posizione saresti pronto a dire che anche al Polo Nord gli eschimesi rubano il pesce e di conseguenza sono mafiosi anche loro. Torino ha le problematiche delle Città metropolitane ed è ovvio che ci sono fenonemi delinquenziali legati alla vecchia e alla nuova criminalità, semplice ed organizzata, compresa quella siciliana che hai dimenticato di citare per amor patrio. In Sicilia il problema è diverso perchè la mafia ha poteri di "governo", finanche sulla TUA sicurezza.. e ci manca pure che tra un po' mi rispondi che la mafia te la garantisce... come anche il lavoro; non si capisce dove inizia e dove finisce, e non lo si vuole capire; non si capisce capisce quali sono le posizioni in campo, e nessuno si preoccupa di evidenziarle. Tutto è confuso, tutto tente alla normalizzazione... come i tuoi discorsi. Anche tu, caro Ruggero, accusi di comunismo, marxsismo, frequentazione di centri sociali e menate varie, da Totò Riina a Ruggero passando per Forza Italia e i Democristiani, per giustificare la TUA accettazione e l'imposizione. Non ho capito ancora, carissimo Ruggero, se sei bravo ad annacquare, a diluire, le cose; oppure il tuo modo di pensare è infarcito da un tal quantità di luoghi comuni che ti permettono di dire sempre e in ogni caso una cosa che appare sensata e nella convinzione di dire cose intelligenti. Sei uomo di scienza e allora localizza, focalizza e discerni il problema. Poi magari ne fai un discorso generale.


Autore: Vittorio

E chi è Macaluso? Il ministro della pubblica istruzione? Ha ragione hang sei pieno di luoghi comuni! Per prendersi un diploma bastava iscriversi al magistrale, senza scomodare i politici! Conosco persone che hanno preso il diploma magistrale portandosi il vocabolario di italiano durante la prova di matematica...è tutto un dire! Tu lo conosci il magistrale lo hai frequentato! Parli di Macaluso.......anche di lui hai sentito parlare a Torino? (dove tu vivi..) Ma se io che vivo dalla nascita a Riesi ne ho sentito parlare poche volte e solo periodo di elezioni..... e non ho mai sentito che lui abbia fatto diplomare qualcuno, invece dei vari democristiani che si davano da fare ogni qualvolta c'erano esami di stato quello si....addirittura so di uno di loro ( e questo te lo dico non per sentito dire) che ha fatto non solo diplomare la moglie che non aveva nemmeno la terza media ma addirittura gli ha regalato anche il diploma ISEF. Mi spieghi perchè sei così astioso verso quelli di destra? dici di non essere nè di destra nè di sinistra....ma vai giu con quelli di destra nominando spesso persone che non hai conosciuto e che forse nemmeno ti ca..vano! E' una tua rivalsa? Ti hanno fatto qualcosa? Rugero, Bruno, o come ti chiami, non credi che la critica tanto per essere fatta, l'illazione, i giudizi gratuici, i pettegolezzi, l'infamia sono solo frutto d'ignoranza e tu ne stai dimostrando a sacchi, forse è solo quella che ti rimane...ognuno mostra quello che ha!


Autore: Ruggero replica

So per certo, caro VIttorio, e dico CERTO che Macaluso il fascista ha fatto laureare tanta tanta tanta gente di Riesi. Non ti dico in che cosa perchè non intendo passare per quello che dici. Ma una cosa è arcisicura. Certi Diploma di Laurea........Te l'assicuro, non mi riferivo al magistrale. Quella è un'altra cosa e implicherebbe ore e ore di........lasciamo stare. Non ho frequenteato il magistrale come VIttorio (?) dice. Ho appena la licenza media e riconosco i miei limiti. Evidentemente chi parla di luoghi comuni li sa riconoscere subito. Forse gli sono più hce familiari e tenta di affibiarli agli altri. BRUTTA COSA QUESTA!!!!!! IO mi sono sempre assunto il coraggio delle mie azioni. E se dico che non sono ne di destra ne di sinistra PRETENDO CHE SI ABBIA L'ONESTA' MORALE DI NON ATTRIBUIRMI CERTE PATENTI. Il fatto che in alcuni momenti faccia l'anticomunista non deve indurre a pensare che sia fscista. COsì come se penso da antifascista non mi si deve nememno attribuire la paternte di sinistra. Egregio Vittorio (?) quel Macaluso o accozzaglia di fascisti che tu dici nemmeno mi cacavano nemmeno me li inculavo. PErchè uno che sventoala la bandiera dell'onsestà fascista contro la corruzione democristiana e socialista non poteva veinire a RIesi a favorire laureaticchi a PAlermo. Informati bene. CHiede a qualche politicante "laureaticcjhio" di Riesi se conosce l'onorevole fascista NINO MACALUSO. Vedrai che ne viene fuori. CAro Han questo non è un luogo comune. E' un dato di fatto. TU ancora non hai mai avuto il coraggio di definire o etichettare chi ritieni i responsabili dei mali di Riesi. Fai i nomi e cognomi se colpevoli di qualcosa li ritieni. Non essere vago e non parlare per luoghi comuni. DIci che c'era un cacato che t'ha rotto le palle. CHI E'? COME SI CHIAMA? CHE FA NELLA VITA? DI CHE SI OCCUPA? IN CHE MODO LO POSSIAMO METTERE IN MINORANZA? IN CHE MODO POSSIAMO ATTENZIONARLO AGLI ALTRI LETTORI? IN CHE MODO POSSIAMO SEGNALARLO ALLA POPOLAZIONE E ALL'ELETTORATO DI RIESI? E' così che si portano avanti le lotte!!! E non accusando me. Io ho solo "criticato" (COMPAGNO ME LO PERMETTI O NON POSSO PARLARE E TU FASCISTA MI DAI MANGANELLATE O MI FAI BRUCIARE IL PORTONE DI CASA SE "PIPITIJO"?). ORa vi saluto. Ho altro da fare. Bruno


Autore: Webmaster

Complimenti a Ruggero, ideatore di questa bellissima discussione, e/a tutti i partecipanti poichè, credo, si sia stabilito un record di risposte difficilmente riscontrabile in altri forum. E' consigliabile continuare la discussione in un'altra pagina essendo questa diventata molto pesante ad aprirla. Buon proseguimento e salute x tutti