Forum di discussione 

Torna alla Homepage

ABROGARE LA LEGGE GASPARRI

Autore: Sunrise

Sotto il regime fascista di Benito Mussolini quasi tutta l'informazione era asservita al fascismo, al governo e allo Stato fascisti. Sotto il regime neofascista di Berlusconi con la legge fascista Gasparri quasi tutta l' informazione e il monopolio televisivo sono in mano al nuovo Mussolini. Anche in questo campo si è cosi ritornati al ventennio nero. Ha vinto la destra borghese economica, finanziaria,istituzionale e mediatica. Ha perso la Sinistra, è sono stati stracciati l'art.21 della nostra Costituzione e i principi di libertà e di democrazia del popolo. Lo" stato di diritto" , ossia l' organizzazione statale, istituzionale e giuridica, ha ricevuto un altro colpo mortale, e scomparira del tutto con l'approvazione delle controriforme costituzionali,sostituiti abilmente dalla "democrazia" della dittatura borghese del neoduce Berlusconi & Co. Se il centro- Sinistra, inclusi gli intellettuali antifascisti, da Rutelli a Mastella, e i neorevisionisti DS, da Fassino a D'Alema, non avessero sottovalutato e accreditato Berlusconi, e avessero avuto il coraggio di appellarsi alla piazza, certamente non saremmo arrivati a questo punto. Dico io, non è servita a niente l'esperienza storica della Sinistra( Partito Socialista) degli anni '20 che non seppe ostacolare la Strada a Benito Mussolini e anzi in un primo tempo collaborò con lui in parlamento(Mi riferisco a Benito Mussolini, ai tempi quanto esso era tesserato con il Partito Socialista). Oggi il "Centro-Sinistra" piange sul latte versato (dopo essere stato incapace di legificare una seria legge contro il conflitto di interessi, lasciando al neoduce Berlusconi l'opportunità di farsela a sua misura, una legge che gli impedirà ,forse, a mala pena di non essere piu' il presidente del Milan). Oggi al "centro-sinistra" resta solamente riporre tutte le proprie speranze su Ciampi auspicando che non firmi la legge. Ma non si rende conto che l'attuale presidente della Repubblica è il nuovo Vittorio Emanuele II. Bisogna invece mobilitarsi per abrogarla mediante referendum. Rimane comunque aperto il problema del governo del neoduce Berlusconi. Se vogliamo veramente impedirgli di fare ulteriori danni alla politica estera ed interna, occorre che tutte le forze politiche di Sinistra e di Centro, sociali, sindacali, culturali e religiose si uniscano per buttarlo giu' ricorrendo alle manifestazioni di piazza, perche è impossibile pensare che costui continui a fare scempio della nostra libertà per altro tempo in parlamento. Poi ogniuno andrà per la sua strada. I compagni della Rifondazione Comunista proseguiranno la lotta di classe per guidare la classe operaia verso il superamento del capitalismo e del liberismo sfrenato e senza regole dei padroni, Berlusconi in testa, la conquista del potere politico e l'instaurazione del socialismo. Solo cosi finalmente le masse operaie, lavoratrici e popolari potranno godere dei giusti diritti ,della libertà, della democrazia, della giustizia sociale e del benessere che i vari governi della classe dominante borghese hanno sempre negato loro. CON IL PRC VINCEREMO!!!


Autore: Mario

Quale è il tuo plurarismo? leggere solo ed esclusivamente l'Unità? ma va curcati.Con il PRC andrai solamente a cagare se non lo sai siete al 4% e se andate a fare la lista con l'Ulivo arretrerete al 2%.