MOSTRA D'ARTISTI ESTATE RIESINA 2010

 

Estemporanea di Pittura e Scultura del 13 Settembre 2010

Grandissimo successo di pubblico all’estemporanea di Pittura e Scultura delle artiste Tina Aldisi e Lisa Giuliana. Nel locale dell’ex bar Buttiglieri  sede della loro mostra organizzata dall’Amm. Comunale nell’ambito dell’Estate Riesina, le artiste si sono cimentate “in diretta” nella realizzazione delle loro opere sotto l’occhio attento dei visitatori che sono stati letteralmente affascinati nell’ammirare la genesi del  processo creativo. Le opere verranno completate oggi e su desiderio delle artiste verranno successivamente poste all’asta ed il ricavato sarà devoluto in beneficenza.

 

Tina Aldisi

 

Tina Aldisi

 

Lisa Giuliana

 

Lisa Giuliana

 

 

Ultime mostre

 Si avvia alla conclusione l’Estate Riesina organizzata dall’Amm. Comunale ed anche le mostre degli artisti riesini organizzate dal vicesindaco ass. alla Cultura Angelo Bellina e dal sig. Giovanni Veneziano. Le mostre resteranno aperte fino al 14 settembre e si è ancora in tempo ad ammirare le opere del pittore Pino Mirisola che ha esposto in via eccezionale proprio negli ultimi giorni presso i locali comunali di piazza Garibaldi (Informagiovani)  dove è attualmente allestita anche la mostra di pitture astratte di Tito Mirisola.

Il 13 Settembre dalle ore 18,30 si terrà anche un’estemporanea di pittura e scultura delle artiste Tina Aldisi e Lisa Giuliana presso la sede della loro mostra in piazza Garibaldi nel locale ex bar Buttiglieri. I lavori realizzati verranno posti all’asta e il ricavato sarà devoluto in beneficenza.

 

Filippo Bordonaro Predilige soggetti a carattere religioso nei quali cattura la drammaticità e la tensione emotiva del momento rappresentato. Riproduce opere famose reinterpretandole in maniera personale ed autentica. Originalissima la sua tecnica grafica che utilizza “solo” carta bianca e penna biro.

 

Lisa Giuliana. Pittrice autodidatta, da oltre trent’anni lavora a Riesi sperimentando le tecniche più disparate associando, con grande maestria, materiali e supporti. Molto originale  la serie di dipinti presentati, le “Lady Tazze” ironica e dissacrante interpretazione della superficialità e fatuità del mondo dei VIP.

 

Giuseppe Calascibetta, in arte Giò, nasce a Riesi (Caltanissetta) negli anni ’60. Giò è sempre stato un personaggio estroso, nel 1993  frequenta  un corso per “Fotografo professionale” e gli insegnanti notano  l’innato dono per la Fotografia e in particolare il Ritratto. I suo ritratti catturano attimi unici ed irripetibili di vita, ciascun soggetto prende vita e bellezza dal suo personale e magistrale uso della luce, diventano quasi delle figure mitiche che interpretano loro stessi sul palcoscenico della vita.

 

Pino Mirisola Nato a Riesi, dipinge da più di quarant’anni come autodidatta. E’ stato docente di Ed.Tecnica e nella sua attività scolastica si è dedicato con impegno e professionalità ad infondere agli alunni l’amore e la passione verso le arti tecniche e grafiche. Ha esplorato tutte le tecniche artistiche possibili, passando con disinvoltura dalla pittura alla scultura, al modellismo, traforo, ceramica, ecc. inventando personalmente  nuove  tecniche artistiche che hanno portato l’espressività al massimo grado.Presente in svariate mostre ed estemporanee ha sempre ottenuto lusinghieri risultati di critica e di pubblico.

 

Rosina De Bilio Appassionata di arte, storia e tradizioni riesine contribuisce alle attività culturali concedendo come spazio espositivo la grotta che costituisce il seminterrato della propria abitazione. Questa grotta, di antica origine sicana, in passato anche sede di un frantoio, si trova  in ottimo stato di conservazione ed è testimone delle numerose grotte presenti nel tessuto urbano del paese. L’ambiente suggestivo è ricco di testimonianze dell’antica civiltà siciliana: una miriade di attrezzi di lavoro di contadini, artigiani, zolfatai ed anche di uso familiare come arredi,  pentolame e stoviglie del passato.

 

 

Proseguono fino al 14 Settembre le mostre d’Arte organizzate dall’Amm. Comunale e dall’ass. alla Cultura Angelo Bellina e curate da Giovanni Veneziano, nell’ambito dell’Estate Riesina.

Tutte le mostre sono aperte ogni giorno dalle ore 19,30 alle ore 22,00.

In via Conte di Torino, nei pressi della chiesa del SS. Rosario si può ammirare una collettiva degli artisti Santina Sanfilippo, M.Tina Mirisola, Lisa Paterna e Giuseppe Pasqualetto.

In via Roma, presso la sede della Protezione Civile prosegue la mostra collettiva di fotografia  di Giò Calascibetta e Giuseppe Cavaleri e dei pittori Giuseppe Vella e Stefania Millitarì

L’artista fotografo  Giò Clascibetta dal 5 settembre ha rinnovato il suo raffinato allestimento con nuove e spettacolari foto inedite.

 Foto di gruppo

 
Giuseppe Pasqualetto, ha sempre coltivato l’amore per il disegno e la pittura ad olio. Studia presso L’Istituto di Belle Arti a Catania. Predilige soggetti femminili su sfondi dai colori delicati e sognanti.
 
Giuseppe Vella, artista autodididatta, interpreta in maniera personalissima i soggetti rappresentati esprimendo con forza le proprie emozioni, ansie e turbamenti, coinvolgendo il visitatore nel suo complesso universo emotivo.

 
Lisa Paterna, Giovane artista autodidatta, dipinge da quando era bambina. Le sue opere sono originali, coloratissime ed innovative.

 
M.Tina Mirisola, diplomata Maestro d’Arte, ha partecipato a diverse mostre ed estemporanee. Le sue opere colpiscono  positivamente per la forza viva del colore e della luce che ripropone la freschezza della natura, tra suggestione e meraviglia.

 

Esecuzione-concerto  della “Santa Cruci”

Domenica 5 Settembre alle ore 21 presso la Chiesa del Crocifisso, è stata eseguita la “Santa Cruci” canto devozionale religioso che riveste una grande importanza nella tradizione  riesina della Pasqua.

Una moltitudine di riesini, in particolare quelli che sono emigrati per motivi di lavoro, hanno molto apprezzato questa esecuzione che solitamente avviene al seguito dei simulacri durante il venerdì Santo. I “lamentatori”, i sigg. Carrubba Salvatore, Bordonaro Luigi, Bordonaro Gaetano, Viola Gino, Ficicchia Luigi e Ficicchia Alberto, hanno emozionato tutti i presenti con le loro voci armoniose che hanno fatto rivivere l’atmosfera dell’affannosa cerca che l’Addolorata fa del suo Figlio Gesù. Molte le persone che si sono commosse ed hanno plaudito all’iniziativa organizzata dall’ass. Angelo Bellina e da Giovanni Veneziano, che ha permesso a quegli emigranti che non hanno la possibilità di poter tornare in paese in occasione della Pasqua, di poterla rivivere almeno in questa serata. La chiesa del Crocifisso sede dei simulacri del Venerdì Santo, attualmente ospita la mostra fotografica “Pasqua a Riesi” di Giusi Sessa, il connubio di statue, foto e canto della “Santa Cruci” è risultato particolarmente emozionante e coinvolgente. In molti hanno auspicato la creazione di una scuola di “Santa Cruci” che permetta ai giovani di imparare questa cantata e di scongiurarne l’oblio alla scomparsa di questi ultimi cantori.

 
Santina Sanfilippo, docente di lettere in pensione, dipinge da autodidatta sin da giovanissima. La sua passione artistica la spinge a reinterpretare in maniera personale i grandi classici dell’arte come Van Gogh e Caravaggio.